Su richiesta del Ministero dell’Ambiente e della Sicurezza Energetica, dal 1° al 10 ottobre 2023 si è tenuta la Missione ARTEMIS dell’Agenzia Internazionale per l’Energia Atomica (AIEA), verifica inter pares del quadro nazionale, dell’autorità di regolamentazione competente e dello stato di attuazione del Programma nazionale per la gestione dei rifiuti radioattivi e del combustibile esaurito, da svolgersi con cadenza almeno decennale, per soddisfare l’obbligo fissato dalla Direttiva 2011/70/Euratom al fine di garantire elevati standard di sicurezza nella gestione sicura del combustibile esaurito e dei rifiuti radioattivi.  

L’intenso programma di incontri, volto ad approfondire tematiche di natura tecnica, ha visto la partecipazione di una squadra di esperti internazionali provenienti da Canada, Francia, Lituania, Regno Unito, Slovenia e Stati Uniti, supportati da tre membri della AIEA e da un membro della Commissione europea in qualità di osservatore, unitamente a rappresentanti di questo Ministero, dell’ISIN, nonché a rappresentanti della SOGIN, dell’ENEA e del Centro Comune di Ricerca di Ispra (VA) nella qualità di principali soggetti attuatori del Programma nazionale. 

Al termine dei lavori, il gruppo di esperti internazionali ha messo in evidenza le buone pratiche promosse dal Paese nell’ambito della gestione sicura del combustibile esaurito e dei rifiuti radioattivi ed indicato alcuni suggerimenti e raccomandazioni orientati al miglioramento continuo dell’insieme dei processi di attuazione della strategia nazionale.  

Per ulteriori informazioni circa la Missione ARTEMIS svolta in Italia: 

IAEA Mission Says Italy Committed to Managing Radioactive Waste Safely, Sees Areas for Improvement | IAEA 

 

 


Ultimo aggiornamento 10.01.2024