LIFE Info Day regionale 2024 – Marche (26 giugno 2024)

   

San Benedetto del Tronto (AP) – 26 giugno 2024, ore 9.30-16.30

Polo didattico Università di Camerino (Aula azzurra - Lungomare A. Scipioni, 6)

 (e online su Piattaforma Cisco Webex)

 

Mercoledì 26 giugno 2024 si svolgerà, dalle 9.30 alle16.30, il “LIFE Info Day regionale 2024 – Marche”organizzato dal LIFE National Contact Point (LIFE NCP IT) del Ministero dell’Ambiente e della Sicurezza Energetica (MASE) in collaborazione con l’Università degli Studi di Camerino (UNICAM).

L’evento si terrà in presenza a San Benedetto del Tronto (AP), presso il Polo didattico UNICAM (Aula Azzurra - Lungomare A. Scipioni, 6), potrà essere seguito anche “da remoto” su Piattaforma Cisco Webex.

Il “LIFE Info Day regionale 2024 – Marche” è rivolto esclusivamente ai candidati e potenziali proponenti LIFE (enti pubblici o privati, incluse ONG e organizzazioni della società civile) marchigiani.

Rappresenterà, in primo luogo, un’occasione preziosa per approfondire, con il Team del LIFE NCP IT, le caratteristiche del Programma europeo per l’ambiente e l’azione per il clima (LIFE) e dei suoi 4 Sottoprogrammi, nonché le opportunità di dare vita a idee verdi grazie ai finanziamenti messi a disposizione dagli Inviti a presentare proposte LIFE per il 2024.  Consentirà, tra l’altro, di conoscere esempi concreti di progetti co-finanziati da LIFE in Italia, attraverso la testimonianza dei referenti di progetti rappresentativi di ciascun Sottoprogramma LIFE (LIFE DREAMLIFE NATURA AGROLIFE TURBOALGOR CO₂AUDIT-TO-MEASURE).

L’obiettivo ultimo dell’iniziativa è quello di incentivare la sottomissione, a valere sulle pertinenti Calls for proposals LIFE 2024, di proposte progettuali di “qualità” da parte di soggetti giuridici ammissibili a LIFE appartenenti al territorio della regione Marche.

Qui la pagina web del portale del MASE dedicata all’evento, con la sua descrizione completa, le modalità di iscrizione e il programma dettagliato.

 


 Progetto LIFE GREENLIFE4SEAS – lancio del video promozionale di progetto

È online il video promozionale del progetto LIFE GREENLIFE4SEAS- “GREen ENgineering solutions: a new LIFE for SEdiments And Shells” (LIFE22-ENV-IT-LIFE GREENLIFE4SEAS).

Il progetto, co-finanziato dal Programma LIFE 2021-2027, ha l’intento di riciclare due scarti ad alto impatto ambientale come i sedimenti di dragaggio dei porti e i gusci delle cozze, dimostrando la fattibilità tecnica, la piena sicurezza e la redditività commerciale di soluzioni innovative per il loro recupero e riutilizzo in sito. Il progetto è coordinato dal Politecnico di Bari ed ha coinvolto come partner beneficiari l’Istituto superiore per la protezione e la ricerca ambientale (ISPRA), l’Autorità di Sistema Portuale del Mar Ligure Orientale (AdSPMLO), l’Autorità di Sistema Portuale del Mare Adriatico Meridionale (AdSPMAM), le società Vitone Eco, Noesis e Simem, il Porto del Pireo e il Consiglio Nazionale delle Ricerche (CNR).

Il video, creato per sensibilizzare e informare un pubblico più ampio sulle iniziative del progetto e per promuovere la collaborazione internazionale verso obiettivi comuni di sostenibilità e innovazione, offre una panoramica completa del progetto LIFE GREENLIFE4SEAS: introduce il partenariato, gli obiettivi del progetto, le attività principali.

È disponibile, nelle tre lingue del progetto (inglese, italiano e greco), sui canali Facebook, LinkedIn e Youtube di LIFE GREENLIFE4SEAS. È possibile scaricare il video, inoltre, cliccando su questo link.

 


Progetto LIFE CALLIOPE – Conferenza finale. Pescara, 27 giugno 2024

Fonte immagine: MASE

Giovedì 27 giugno, dalle 10,00 alle 13,00 si terrà presso l’Aurum di Pescara (Largo Gardone Riviera) la Conferenza finale del progetto LIFE CALLIOPE - “Coastal dune hAbitats, subLittoraL sandbanks, marIne reefs: cOnservatin, Protection, and thrEats mitigation” (LIFE17 NAT/IT/000565).

Il progetto, co-finanziato dal Programma LIFE 2014-2020, per proteggere e migliorare gli ambienti costieri e marini, è coordinato dalla Regione Abruzzo (Servizio Foreste e Parchi - Ufficio Parchi e Riserve) ed ha coinvolto come partner beneficiari l’Università degli Studi del Molise (Italia), il CIRSPE - Centro Italiano Ricerca e Studi Per la Pesca (Italia), l’Università Frederick (Cipro) e il Ministero dell’Ambiente e dello Sviluppo Rurale (Cipro).

L’obiettivo generale che dal 2018 ad oggi è stato perseguito è quello di migliorare la conservazione e la gestione integrata delle aree protette costiere e marine della regione Abruzzo, mettendo in atto una serie di azioni concrete, che vanno da iniziative più strettamente amministrative a interventi materiali realizzati in alcune aree pilota.

Durante l’evento, saranno presentati i risultati conseguiti, anche tramite la proiezione di un video documentario. Parteciperà anche un referente del LIFE National Contact Point (NCP) Team del Ministero dell’Ambiente e della Sicurezza Energetica (MASE), con un intervento sulle opportunità di sostegno a progetti per la tutela degli ambienti costieri.

Qui ulteriori informazioni.

 


Evento finale del Progetto LIFE New4Cartridges. Milano, 27 giugno 2024.

Giovedì 27 giugno 2024, dalle 10.30 alle 15.30, si terrà presso lo spazio eventi Prime Time Loft (Viale Sarca 336/F, edificio 16, Milano), l’evento finale del progetto LIFE New4Cartridges - “Un nuovo paradigma circolare per il riutilizzo e il riciclo delle cartucce d'inchiostro (LIFE20 ENV/IT/000423).

Il progetto, co-finanziato dal Programma LIFE 2014-2020, mira a fornire una soluzione innovativa per l’up-cycling delle cartucce d’inchiostro riutilizzabili esauste e per il riciclo di quelle non più adatte al riutilizzo, perseguendo così una strategia “zero sprechi”.

Gli obiettivi principali che i due partners di progetto, Eco Store Srl e Berg Phi, si sono posti sono tre: 1) riutilizzare ogni cartuccia fino a dieci volte; 2) migliorare il processo di pulizia al fine di eliminare i residui di inchiostro dalla cartuccia senza l’utilizzo di prodotti chimici; 3) riciclare le cartucce non più idonee a rigenerazione per produrre materia prima seconda di alta qualità.

Di seguito il programma della giornata:

10.30           Welcome coffee

11.00           Presentazione del progetto

12.30           Networking lunch

14.00           Spostamento presso la sede Eco Store di Sesto San Giovanni in via G. di Vittorio 307/30*

14.30           Visita alla linea di produzione sita presso la sede Eco Store di Sesto San Giovanni

15.30           Rientro presso la location di Viale Sarca a Milano

-----------------------

*per lo spostamento tra le due sedi è previsto un servizio navetta.

Per partecipare all’evento, è necessario registrarsi (entro lunedì 17 giugno 2024) al seguente link: https://forms.office.com/e/JjYTLYqTqkVi.

 


Il progetto LIFE IREPRO ha raggiunto gli obiettivi previsti

Fonte immagine: MASEIl progetto LIFE IREPRO – “Un innovativo processo industriale per la produzione di refrigeranti a basso GWP per la refrigerazione industriale e il condizionamento” (LIFE16 CCM/IT/000027) si sta avviando verso la sua chiusura.

I gas refrigeranti , ad oggi costituiti soprattutto da idrofluorocarburi (HFC), sono i prodotti utilizzati in tutte le applicazioni che richiedono sia la climatizzazione sia la refrigerazione. Gli HCF sono attualmente oggetto di attenzione per il loro potenziale impatto sull’ambiente in quanto caratterizzati da un significativo potenziale di riscaldamento globale (GWP) che pertanto li porta ad essere annoverati fra i gas ad effetto serra (GHG).

Il progetto pilota LIFE-IREPRO intende quindi dimostrare la sostenibilità e l’efficienza di un processo altamente innovativo per la produzione di nuovi gas costituiti da idrocarburi ad alta purezza, studiati per applicazioni specifiche di refrigerazione industriale e caratterizzati da un GWP molto più basso rispetto a quello tipico degli HFC.

Il primo grande aggiornamento da parte del progetto è rappresentato dall'ottenimento della Certificazione di Prevenzione Incendi rilasciata dall'Autorità di Prevenzione Incendi. Questa certificazione, che viene rilasciata solo dopo l'ottenimento dell'autorizzazione all'esercizio e a seguito dell'inizio dell'attività, rappresenta un obiettivo importante non solo per la conformità legislativa, ma anche come premessa per la trasferibilità e replicabilità industriale del prototipo. La certificazione, infatti, attesta che tutte le unità impiantistiche costruite sono conformi a tutti i requisiti di sicurezza per quanto riguarda le misure e le procedure di prevenzione e lotta antincendio.

La fase di test preliminare è stata completata e i risultati ottenuti sono estremamente incoraggianti: il ‘fine tuning’ dei parametri di processo della linea pilota ha infatti permesso di raggiungere una purezza dei prodotti ottenuti ancora più elevata di quella inizialmente prevista. Il progetto si sta avvicinando alla fase finale con la produzione in atto per raggiungere la sua capacità massima.

 


Progetto LIFE FORESTALL – Conferenza finale. Mestre, 13 giugno 2024

Fonte immagine: MASE

Giovedì 13 giugno, dalle 9,00 alle 17,00 si terrà presso l’Auditorium della Città Metropolitana di Venezia (Via Forte Marghera 191, Mestre) la Conferenza finale del progetto LIFE FORESTALL - Ripristino degli habitat forestali 91E0* Foreste alluvionali di Alnus glutinosa e Fraxinus excelsior e 7210* Paludi calcaree con Cladium mariscus e specie del Caricion davallianae in siti RAMSAR e Natura 2000 (LIFE18 NAT/IT/001020).

Il progetto, co-finanziato dal Programma LIFE 2014-2020, è coordinato dal Consorzio per il coordinamento delle ricerche inerenti al sistema lagunare di Venezia (CORILA) con la collaborazione del Provveditorato Interregionale per le Opere Pubbliche per il Veneto, le Regioni Trentino Alto Adige e Friuli Venezia Giulia, SELC Soc. coop., WWF Italia e Cooperativa Sociale Primavera ONLUS. Obiettivi principali di LIFE FORESTALL sono stati il recupero e la conservazione di habitat di interesse comunitario nelle aree umide e lagunari e il contenimento di alcune specie esotiche invasive di fauna e flora nel settore meridionale Laguna di Venezia.

Durante l’evento, dal titolo Un'Oasi in laguna: esperienze di restauro ecologico e tutela della biodiversità" i partners presenteranno le esperienze e i risultati raggiunti durante il progetto. Alla Conferenza parteciperà anche un referente del LIFE National Contact Point  (NCP) Team del Ministero dell’Ambiente e della Sicurezza Energetica (MASE), con un intervento sulle opportunità di LIFE nell’ambito della tutela della biodiversità.

Qui il programma completo dell’evento. La partecipazione è libera, previa registrazione da effettuarsi al seguente link: https://buff.ly/3yYa0nr.

 


Evento: il contributo del Programma LIFE alle priorità ambientali e climatiche della PAC 2023.2027. Roma, 11 giugno 2024 (ore 9:00)

"Evento: il contributo del Programma LIFE alle priorità ambientali e climatiche della PAC 2023.2027. Roma, 11 giugno 2024 (ore 9:00)"

Nell’ambito del Programma Rete Rurale Nazionale (RRN) 2014-2022 (Scheda CREA-RRN 5.1, Piano biennale 2023-2024), il Centro di Politiche e Bioeconomia del CREA, in collaborazione con il LIFE National Contact Point (LIFE NCP) del Ministero dell’Ambiente e della Sicurezza Energetica (MASE), organizza un evento finalizzato a rafforzare le sinergie e a promuovere lo scambio di buone pratiche tra progetti LIFE e Politica Agricola Comune (PAC) 2023-2027, con un focus sui progetti LIFE su “Impollinatori” e “Carbon farming.

L’evento, in programma a Roma per il giorno 11 Giugno 2024, presso il Centro Congressi Cavour (Via Cavour, 50/a), prevede momenti di discussione fra rappresentanti del mondo istituzionale, produttivo e ambientale e il racconto di esperienze di progetti LIFE di particolare interesse per l’architettura verde della PAC.

Consulta il Save the date e il programma dell’intero evento!

Si segnala che in tale contesto è prevista una sessione dedicata a dare spazio e visibilità a progetti LIFE di interesse per tutte le priorità ambientali e climatiche della PAC: “Poster session elettronica e networking”. Obiettivo della sessione è quello di favorire la diffusione di buone pratiche e il networking fra esperienze e attori che possono contribuire alle finalità della PAC. Progetti LIFE, in corso o conclusi negli ultimi 5 anni, aventi ad oggetto temi di interesse per tutte le priorità ambientali e climatiche della PAC, possono candidarsi per presentarsi attraverso la proiezione di brevi testi o video (5 minuti). Per candidarsi è necessario essere già registrati all’evento e seguire le indicazioni riportate nella Call for posters. È prevista, inoltre, la realizzazione di un banchetto informativo dedicato a favorire la distribuzione di materiali divulgativi dei progetti LIFE coinvolti nell’iniziativa. I progetti interessati a distribuire gadgets e materiali informativi possono richiedere informazioni sulle modalità al LIFE NCP del MASE, scrivendo a life@mase.gov.it

Maggiori dettagli dell’intero evento sono disponibili sul portale web della RRN, nella pagina web ad esso dedicata e nella sezione di cui al link che segue: https://www.reterurale.it/life.

E' possibile registrarsi all’evento entro il 3 giugno, compilando l’apposito modulo online.

 


LIFE Info Day Italia 2024 (evento online, 28 maggio 2024)

Fonte immagine: MASE

Martedì 28 maggio 2024, dalle 9,30 alle 17,00, si svolgerà in modalità online il LIFE Info Day Italia 2024, organizzato dal National Contact Point del Programma LIFE (LIFE NCP IT) – operante presso la  Divisione II “Affari europei in materia ambientale” della ex Direzione Generale “Attività europea ed internazionale” (DG AEI) del Ministero dell’Ambiente e della Sicurezza Energetica (MASE) – in collaborazione con l’Agenzia esecutiva europea per il clima, l’infrastruttura e l’ambiente (CINEA), che gestisce LIFE per conto della Commissione europea, e il Team esterno di monitoraggio dei progetti LIFE realizzati in Italia (ELMEN EEIG - Timesis).

Il LIFE Info Day nazionale 2024 è rivolto ai candidati e potenziali candidati LIFE italiani (enti pubblici o privati, incluse ONG e organizzazioni della società civile), e rappresenta un appuntamento di grande rilevanza per conoscere più nel dettaglio le caratteristiche del Programma LIFE e le opportunità di dare vita a idee verdi e legate alla transizione all’energia pulita grazie ai finanziamenti messi a disposizione dalle LIFE Calls for proposals 2024. Sarà questa anche un’occasione per ricevere suggerimenti concreti sulla presentazione delle proposte progettuali e per porre domande dirette agli esperti di settore, relatori dell’evento.

Qui la pagina dedicata con le modalità di partecipazione e il programma completo.

 


“Rubrica” di FORUM PA 2024 – Fondi diretti, riforme e sinergie: il “lavoro di rete” come opportunità di crescita per l’Italia (Roma, 22 maggio 2024).

Il Dipartimento Affari europei della Presidenza del Consiglio dei Ministri (PCM) si pone come nuovo polo di coordinamento e di supporto per un più efficace accesso ai fondi diretti dell’UE e per le riforme.

La conoscenza tecnica degli obiettivi dei programmi di finanziamento dell’UE e l’analisi e l’interpretazione corretta dei bandi sono le chiavi per una progettualità efficace nell’ambito dei fondi diretti.

Per crescere nella progettazione e massimizzare l’impatto delle politiche di sviluppo, i fondi europei destinati alle diverse politiche possono lavorare in sinergia tra loro e con le riforme strutturali.

Le riforme possono aumentare l’efficacia dei finanziamenti europei assicurando un ambiente favorevole agli investimenti e alla crescita sostenibile; allo stesso tempo, i finanziamenti europei possono essere utilizzati per sostenere gli investimenti necessari per attuare le riforme strutturali, come la digitalizzazione, la modernizzazione delle infrastrutture o il finanziamento di programmi di formazione per rafforzare il mercato del lavoro.

Per cogliere al meglio le opportunità di finanziamento e di supporto disponibili è importante la costruzione di una rete di relazioni tra tutti i possibili interlocutori di un progetto e tra quelli di programmi e progetti compatibili, sia nella fase di individuazione dei partners esecutivi del progetto che al momento di ideazione del progetto stesso.

Queste tematiche verranno discusse in ambito FORUM PA 2024 in un “tavolo di lavoro” ad hoc volto a condividere l’esperienza dei National Contact Points di alcuni tra i più apprezzati programmi di finanziamento europeo – LIFE (Ministero dell’Ambiente e della Sicurezza Energetica - MASE), Horizon Europe (Agenzia per la Promozione della Ricerca Europea - APRE), CERV (CERVItalia), Erasmus+ (Istituto Nazionale per l’Analisi delle Politiche Pubbliche - INAPP), ProMIS (Regione Veneto) – e del programma europeo di sostegno alle riforme TSI (PCM).

Tale “Rubrica” di FORUM PA 2024, dal titolo “Fondi diretti, riforme e sinergie: il “lavoro di rete” come opportunità di crescita per l’Italia”, è organizzata dal Dipartimento per gli Affari Europei della PCM.

L’evento si svolgerà mercoledì 22 maggio, dalle 9:30 alle 10:30, presso il Palazzo dei Congressi di Roma (Piazza John Kennedy, 1).

Nella pagina web dedicata alla “Rubrica” è possibile prendere visione dell’agenda e conoscere i relatori.

Si può partecipare all’evento solo in presenza: a tal fine, si invita a registrarsi al seguente link

 


I progetti LIFE close-to-market italiani protagonisti nel sostenere le innovazioni verdi in tutta Europa.

Lo strumento finanziario LIFE aiuta a commercializzare soluzioni innovative per la tutela dell’ambiente e l’azione per il clima, facilitando il loro ingresso sul mercato europeo.

Oltre a sostenere le autorità pubbliche, le ONG, le università, gli istituti di ricerca e altri enti, il Programma LIFE aiuta le aziende a portare sul mercato prodotti, tecnologie, servizi e processi verdi attraverso il sostegno a progetti close-to-market (C2M).

Questi progetti mirano, difatti, a fornire soluzioni in grado di portare evidenti, ambiziosi e credibili vantaggi ambientali o climatici, nonché a garantire che tali soluzioni siano ampiamente adottate dalla società in generale e, più in particolare, dall’economia attraverso un esplicito approccio orientato al mercato

Le soluzioni innovative proposte dai progetti LIFE C2M possono riguardare, ad esempio, la gestione dei rifiuti, l’economia circolare, l’efficienza nell’uso delle risorse, la tutela della risorsa idrica e della qualità dell’aria o la mitigazione dei cambiamenti climatici. I progetti LIFE C2M sono caratterizzati da un alto livello di maturità tecnologica (TRL): le soluzioni da essi proposte, quindi, possono essere implementate incondizioni prossime al mercato” (su scala industriale o commerciale) già nel corso del ciclo di vita dei progetti o poco dopo il loro completamento.

In questo contesto, sono numerosi gli esempi di progetti italiani e stranieri che il Programma LIFE ha accompagnato verso l’ “ingresso nel mercato”. Qui possono essere approfonditi (anche con apposite schede), tutti gli esempi di progetti LIFE C2M conclusi.

I progetti LIFE C2M “a firma italiana” segnalati dall’Agenzia Esecutiva Europea per il Clima, le Infrastrutture e l’Ambiente (CINEA) sono i seguenti: LIFE ICEGREEN, LIFE DIADEME, PLANET FARMS LIFE, LIFE GREEN GAS NETWORK, GREAT LIFE, LIFE BIOPAINT, LIFE Force of the Future, LIFE GLUELESS, LIFE ZEROGWP, LIFE URBANGREEN, LIFE Use and... reuse, LIFE SAVE, LIFE PLA4COFFEE, LIFE Herotile, LIFE Green Sinks, LIFE Highly Efficient Ovens (HEO).

Per maggiori informazioni sui progetti LIFE C2M e le loro peculiarità vi invitiamo a consultare la pagina web ad hoc predisposta da CINEA.

 


Progetto NewLIFE4Drylands – Conferenza finale. Roma, 14-16 maggio 2024

Dal 14 al 16 maggio si terrà all’Orto Botanico di Roma (Largo Cristina da Svezia) la conferenza finale del progetto NewLIFE4Drylands - Remote sensing oriented nature based solutions towards a NEW LIFE FOR DRYLANDS (LIFE20 PRE/IT/000007).

Esperti, scienziati, policy maker e partner del progetto presenteranno strumenti e strategie per il monitoraggio del territorio e il ripristino delle aree degradate, dal livello globale a quello nazionale e locale sviluppati nell’ambito del progetto.

Durante i tre giorni della Conferenza verranno discusse opzioni, proposte ed esperienze concrete per raggiungere la neutralità del degrado del suolo e combattere la desertificazione, considerando anche il loro contributo alla definizione e all'attuazione del quadro di monitoraggio contenuto nella proposta UE di direttiva sul monitoraggio e la resilienza del suolo.

L’evento condividerà i risultati ottenuti con l'obiettivo di promuovere l'impatto e la replicabilità, circondato da una discussione più ampia sul degrado e la desertificazione evidenziandone la rilevanza in Europa.

All’evento parteciperà un referente del LIFE National Contact Point Team, il quale terrà un intervento sulle nuove opportunità per il sostegno ai progetti sul tema “suolo”, dal titolo: “LIFE Calls for proposals 2024: new opportunities for the support to projects on “Soil” topic”.

A questo link è possibile ottenere maggiori informazioni sul programma e registrarsi all’evento.

 


Valutazione di medio termine del Programma LIFE 2021-2027 – Sondaggio generale aperto a tutti gli stakeholders.

Fonte immagine: MASELa Commissione europea ha pubblicato su “EUSurveyun Sondaggio generale rivolto a tutti i soggetti interessati al Programma LIFE 2021-2027, in modo da raccogliere pareri in merito all’implementazione del Programma. L’iniziativa si svolge nell’ambito della Valutazione di medio termine (mid-term evaluation) di LIFE 2021-2027, la quale coprirà il periodo 2021-2024 e avrà lo scopo di verificare se il Programma sta raggiungendo i suoi obiettivi e focus strategici.

L’obiettivo di lungo termine sarà quello di migliorare l’implementazione di LIFE 2021-2027 e ricevere ispirazione per future proposte inerenti al Programma.

Per questo motivo, il contributo di qualsiasi stakeholder del LIFE Programme 2021-2027, ad eccezione degli attuali beneficiari del Programma (e dei Punti di Contatto Nazionale LIFE/membri del Comitato UE LIFE), sarà preso in considerazione per sviluppare e perfezionare ulteriormente questo importante strumento di finanziamento europeo per progetti per l’ambiente e l’azione per il clima.

È possibile accedere al sondaggio online su EUSurvey e compilarlo cliccando su questo link.

 


Progetto LIFE Drylands – 3 Linee guida disponibili

Fonte immagine: MASEIl progetto LIFE Drylands  – Restauro delle praterie e delle brughiere xero-acidofile continentali in siti Natura 2000 del Piemonte e della Lombardia (LIFE18 NAT/IT/000803) ha realizzato 3 Linee guida per chi si occupa, a vario titolo, di temi ambientali e ha a cuore il rispetto, la conservazione e la valorizzazione degli ambienti naturali.

Gli obiettivi generali di LIFE Drylands (progetto coordinato dall’Università degli Studi di Pavia) sono il ripristino degli habitat aridi acidofili continentali che si trovano all'interno di 8 Siti Natura 2000 della Pianura Padana occidentale per riportarli ad uno stato di conservazione favorevole e la creazione di core areas e corridoi ecologici per ridurre la frammentazione degli habitat e aumentarne la connettività.

Le Linee guida citate riguardano esperienze maturate durante l’attuazione del progetto Life Drylands e sono suddivise in 3 tematiche:

  • Per chi si occupa di aspetti tecnici: “Linee guida per gli indicatori di qualità degli habitat target: H2330 – H4030 – H6210”.
  • Per chi si occupa degli aspetti divulgativi ed educativi: “Linee guida sulla realizzazione di attività educative e divulgative per la valorizzazione degli habitat target”.
  • Per chi lavora a stretto contatto con il territorio: “Linee guida per il coinvolgimento degli stakeholder nella tutela degli habitat”.

Le 3 Linee guida verranno diffuse, in Italia e in altri paesi UE, a potenziali soggetti interessati ai quali verrà richiesta la disponibilità a valutarne l’applicazione, fornendo poi un resoconto sulla sperimentazione avvenuta e su eventuali problemi riscontrati e/o miglioramenti da proporre.

A questo link è possibile ottenere maggiori informazioni sulle 3 Linee guida di LIFE Drylands e compilare il modulo online per richiederle.

 


 PLANET FARMS LIFE: un progetto italiano tra i finalisti dei LIFE Awards 2024

Il progetto italiano PLANET FARMS LIFE - Innovative air treatment, hydroponic irrigation and automated systems for the first industrial vertical farm in EU” (LIFE19 ENV/IT/000142), coordinato da Planet Farms Italia Società Agricola s.r.l.,  è stato selezionato come finalista nella categoria “Economia Circolare e Qualità della Vita” dei LIFE Awards 2024.
 

Ogni anno la Commissione europea e il LIFE Monitoring Team valutano tutti i progetti conclusi sulla base di un set di criteri: contributo a miglioramenti ambientali, economici e sociali, immediati e a lungo termine; grado di innovazione e trasferibilità; rilevanza per la policy; rapporto costi/benefici. I progetti di maggiore successo (Best LIFE projects”) vengono selezionati e competono per i LIFE Awards, che premiano i progetti più innovativi, stimolanti ed efficaci nell’ambito di 3 categorie: “Natura”, “Economia Circolare e Qualità della Vita” e “Azione per il clima”. I vincitori vengono scelti da una giuria di esperti e annunciati il giorno della Cerimonia dei LIFE Awards, che si svolge durante la EU Green Week, il più grande evento ambientale d’Europa.

Anche il largo pubblico può dare il proprio contributo attraverso il LIFE Citizens’ Prize, che permette di votare online il progetto preferito.

Per maggiori informazioni sull’edizione 2024 dei LIFE Awards 2024 e per conoscere i 9 progetti finalisti (3 per ciascuna categoria prevista), visita la pagina web dell’iniziativa. La Cerimonia per l’annuncio dei vincitori è prevista per il 30 maggio p.v., in occasione della EU Green Week 2024.

A questo link è possibile, per chi lo desidera, approfondire la conoscenza di PLANET FARM LIFE, scoprire i risultati ottenuti dal progetto e le buone pratiche da esso messe in campo, nonché esprimere il proprio voto di sostegno online al progetto italiano in relazione al LIFE Citizens’Prize in ambito LIFE Awards 2024.

 


"Opportunità di cofinanziamento progetti europei – formazione 2024". Incontro di formazione gratuita online a cura di Fondazione Cariplo. 8 maggio 2024

Fonte immagine: MASE Mercoledì 8 maggio, dalle ore 9:30 alle ore 12:30, si svolgerà online l’evento Opportunità di cofinanziamento progetti europei – formazione 2024”, organizzato dall’Area Ambiente di Fondazione Cariplo.

Tale Fondazione, infatti, conduce un’interessante attività di sostegno – sia attraverso un servizio di tutoring, sia con propri co-finanziamenti – di progettualità da candidare sulle Calls for proposals di diversi programmi europei, tra i quali il Programma LIFE (le cui Calls per l’annualità 2024 sono state pubblicate lo scorso 18 aprile).

In particolare, attraverso lo strumento “Cofinanziamento di Progetti Europei, dal 2010 la Fondazione Cariplo sostiene i progetti presentati dagli enti non-profit che si candidino ai principali programmi europei in ambito ambientale (es. LIFE, Interreg, Alpine Space, Erasmus, etc.).
Fonte immagine: MASE

Per divulgare questa opportunità e stimolare la presentazione di proposte progettuali nel territorio in cui opera la Fondazione (Lombardia; province di Novara e del Verbano-Cusio-Ossola in Piemonte), è previsto quindi per mercoledì 8 maggio 2024 un incontro di formazione/informazione sul tema, con la partecipazione, tra i relatori, di rappresentanti della Commissione europea (DG Ambiente) e del LIFE National Contact Point (LIFE NCP) Team dell’Italia.

A questo link è possibile trovare il programma dettagliato dell’evento e le informazioni sulle modalità di iscrizione.

 


“Il governo dell’acqua in un clima che cambia”. Evento LIFE Brenta 2030. Piazzola sul Brenta (PD), 9 maggio 2024

Giovedì 9 Maggio 2024 dalle ore 9.00, presso la cornice storica di Villa Contarini (Via L. Camerini, 1) a Piazzola sul Brenta (PD), si terrà un evento dedicato all’evoluzione del servizio idrico tra protezione delle fonti, decarbonizzazione, riuso e soluzioni basate sulla natura.

L’acqua è un bene pubblico indispensabile per la sopravvivenza dell’uomo, per il benessere e la prosperità delle comunità locali e per la conservazione degli ecosistemi. In un contesto di crisi climatica come quello attuale, la corretta gestione delle risorse naturali acquisisce importanza strategica in un’ottica di adattamento. Partendo dalle esperienze innovative e di frontiera in Italia, l’evento del 9 maggio 2024, dal titolo “Il governo dell’acqua in un clima che cambia”, propone una visione innovativa sul ruolo di Autorità di Ambito e utilities dell’idrico, e sull’importanza della diffusione delle buone pratiche, con l’obiettivo di generare un vero cambiamento di paradigma nella gestione della risorsa “acqua”, che alla luce della crisi climatica appare sempre più necessario e inevitabile.

Promosso da ETRA S.p.A. - Società benefit ed Etifor|Valuing Nature e co-organizzato con la Fondazione G.E. Ghirardi Onlus, l’evento si inserisce all’interno delle azioni finali del progetto LIFE Brenta 2030 - Promoting good governance and innovative financing schemes for biodiversity and water conservation of Brenta river (LIFE18 NAT/IT/000756).

Il progetto, in conclusione a settembre 2024 e co-finanziato dal Programma LIFE 2014-2020,  ha per obiettivo la conservazione e lo sviluppo di habitat seminaturali nell’ambiente rivierasco del Medio Brenta; e il miglioramento e l’integrazione della governance dell’acqua e della biodiversità attraverso il dialogo con i portatori di interesse.

LIFE Brenta 2030 si avvale della collaborazione di numerosi partners: ETRA S.p.A. - Società benefit, Etifor|Valuing Nature, Consiglio di Bacino Brenta, Comune di Carmignano di Brenta, Veneto Acque, Università degli Studi di Padova, Veneto Agricoltura e 15 Comuni rivieraschi del Medio Brenta (Carmignano di Brenta, Bassano del Grappa, Cittadella, Curtarolo, Grantorto, Limena, Piazzola sul Brenta, Pozzoleone, Vigodarzere, Campo San Martino, Cartigliano, Fontaniva, Nove, Tezze sul Brenta e San Giorgio in Bosco).

Qui il programma completo dell’evento e le informazioni sulle modalità di partecipazione.

 


Inviti a presentare proposte LIFE per il 2024: 571 milioni di euro disponibili per dare vita a idee verdi!

Fonte immagine: MASE

LIFE è lo strumento di finanziamento dell’UE per azioni ambientali e climatiche, che dal 1992 ad oggi offre l’opportunità di trasformare idee verdi in realtà. La Commissione europea ha lanciato, in data 18 aprile 2024, gli Inviti a presentare proposte (Calls for proposals) per l’annualità corrente nell’ambito del Programma LIFE 2021-2027 e dei suoi 4 Sottoprogrammi.

Quest’anno sono disponibili 571 milioni di euro per sovvenzioni/progetti LIFE per la conservazione della natura e della biodiversità, la protezione dell’ambiente, l’azione per il clima e la transizione all’energia pulita.

Quali LIFE Calls for proposals sono aperte dal 18 aprile 2024?

Progetti di Azione Standard (SAP)

  • Natura e biodiversità – 155 milioni di euro;
  • Economia circolare e qualità della vita – 65 milioni di euro;
  • Mitigazione e adattamento ai cambiamenti climatici – 61,98 milioni di euro;
  • Transizione all’energia pulita – 4 milioni di euro;
  • New European Bauhaus – 8 milioni di euro;
  • Governance in materia ambientale – 10 milioni di euro.

Azioni di Coordinamento e Sostegno (CSA)

  • Transizione all’energia pulita – 77 milioni di euro.

Progetti Strategici di Tutela della Natura (SNAP) e Progetti Strategici Integrati (SIP) –150 milioni di euro.

Progetti di Assistenza Tecnica (TA) per la preparazione di SIP e SNAP (TA-PP), per la Replicazione (TA-R) o per la Capacity Building (TA-CAP), e Progetti per affrontare Priorità Politiche e Legislative ad hoc (PLP) – 26 milioni di euro.

Convenzioni di Sovvenzione Specifiche per Sovvenzioni di Funzionamento (SGA OG)  a favore di Organizzazioni Non Governative (ONG) –14 milioni di euro.

Chi può presentare proposte LIFE?

Può partecipare ai bandi del Programma LIFE 2021-2027 qualsiasi organizzazione pubblica o privata legalmente registrata in uno dei 27 Stati membri dell’UE (o in un Paese o Territorio d’Oltremare ad esso collegato) o in uno dei Paesi terzi attualmente associati a LIFE (Ucraina, Moldavia, Islanda e Macedonia del Nord). Le persone fisiche non possono presentare proposte a valere sui bandi LIFE 2021-2027.

Anche per le LIFE Calls for proposals 2024 la Commissione europea è particolarmente interessata a ricevere proposte LIFE da parte di imprese (piccole, medie e grandi), istituzioni accademiche, governi nazionali, regionali e locali, e ONG impegnate nella conservazione della natura e della biodiversità, nella protezione dell’ambiente, nella lotta al cambiamento climatico o nella transizione verso le energie rinnovabili e l’aumento dell’efficienza energetica.

LIFE 2021-2027 sostiene soluzioni verdi innovative di grande effetto, con impatti dimostrabili, così come best practices che possano essere anch’esse replicate ed estese altrove in Europa e nei Paesi terzi associati al Programma.

Le candidature LIFE possono essere presentate da una singola organizzazione o da più organizzazioni che collaborano nella definizione di una medesima proposta come partners di un consorzio LIFE (al riguardo, è necessario controllare attentamente le previsioni presenti nella descrizione del lo specifico Topic di finanziamento LIFE per il quale si desidera candidarsi).

Dove si possono trovare maggiori informazioni sui bandi LIFE 2024?

Sul Portale dei finanziamenti e delle gare d’appalto dell’UE (EU Funding & Tenders Portal) sono disponibili tutti gli Inviti a presentare proposte LIFE per il 2024 e le istruzioni per sottomettere le candidature.

Maggiori informazioni sulle diverse tipologie di sovvenzioni/progetti di cui alle Calls for proposals LIFE 2024, sulle modalità di presentazione delle proposte e sulle deadlines per la loro sottomissione sono disponibili alla pagina “LIFE Calls for proposals 2024  del sito web di CINEA (l’Agenzia esecutiva europea per il clima, l’infrastruttura e l’ambiente, che gestisce il Programma LIFE per conto della Commission europea) dedicato a LIFE 2021-2027.

Dal 23 al 26 aprile 2024 CINEA terrà gli EU LIFE Info Days 2024, sessioni informative virtuali per guidare i proponenti/potenziali proponenti LIFE attraverso il processo di candidatura alle Calls for proposals dell’annualità 2024. L’agenda completa degli EU LIFE Info Days 2024 e i dettagli sulle modalità di partecipazione all’evento sono disponibili qui. Le registrazioni delle sessioni informative online saranno rese disponibili per gli interessati sul sito web ufficiale del Programma LIFE 2021-2027.  

Inoltre, il 28  maggio 2024 si svolgerà, in modalità online, il LIFE Info Day Italia 2024, organizzato dal LIFE National Contact Point (NCP) Team dell’Italia (operante presso il MASE) in collaborazione con CINEA e il Gruppo esterno di monitoraggio dei progetti LIFE realizzati in Italia (ELMEN EEIG - Timesis), e rivolto in maniera specifica ai soggetti giuridici italiani ammissibili alla partecipazione ai bandi LIFE (il programma del LIFE Info Day Italia 2024 e le informazioni per la registrazione e la partecipazione all’evento saranno presto rese disponibili tramite la sezione del Portale web del MASE dedicata a LIFE 2021-2027 e i social media channels del LIFE NCP Team dell’Italia).

NB: Altre informazioni e indicazioni dettagliate, utili per la partecipazione dei candidati italiani agli Inviti a presentare proposte LIFE per il 2024, saranno a breve reperibili sulla specifica pagina “LIFE Calls for proposals 2024” del Portale web del MASE, predisposta dal LIFE NCP Team dell’Italia.

 


“LIFE” A ECOMED - GREEN EXPO DEL MEDITERRANEO (EDIZIONE 2024)

Si tiene dal 17 al 19 aprile 2024 a Misterbianco (CT), presso l’Exhibition Meeting Hub “SiciliaFiera” (Via Franchetti snc, 95045), la XVI edizione di ECOMED, il Green Expo del Mediterraneo con un focus su temi quali Acqua e clima, Rifiuti e risorse/Economia circolare, Energia e mobilità, Ecoarchitettura e rigenerazione.

Anche il Ministero dell’Ambiente e della Sicurezza Energetica (MASE) partecipa a ECOMED (edizione 2024) con un proprio slot (Padiglione C2, stand 314-316-321-323), dove è stato allestito un “Corner informativo LIFE” sul tema “Scopriamo assieme il Programma e i progetti LIFE!”.

In tal modo, gli operatori sia del settore pubblico che di quello privato presenti a ECOMED potranno ricevere dal referente del LIFE National Contact Point (NCP) Team del MASE, a presidio continuo del “Corner LIFE”, informazioni su:

  • le caratteristiche e le opportunità del Programma europeo per l’ambiente e l’azione per il clima (LIFE 2021-2027) e dei suoi 4 sottoprogrammi, nonché le diverse tipologie di progetti finanziabili a valere sui Calls for proposals annuali;
  • le modalità per la partecipazione ai nuovi bandi LIFE 2024 (pubblicazione: 18 aprile 2024) e per la preparazione e sottomissione di proposte progettuali di successo, incentrate anche sulle principali tematiche del Green Expo del Mediterraneo;
  • le attività del LIFE NCP Team del MASE a supporto dei candidati e dei beneficiari LIFE italiani.

Presso il “Corner LIFE” i partecipanti all’evento di Misterbianco potranno anche prendere visione del materiale documentale e dei video promozionali su LIFE e su alcuni progetti italiani indicativi per gli argomenti oggetto della Fiera.

L’obiettivo ultimo dell’allestimento di un “Corner informativo LIFE” a ECOMED è quello di incentivare la presentazione di proposte progettuali a valere sui bandi LIFE da parte di soggetti giuridici delle regioni del Sud Italia, e della Sicilia in particolare, dato il loro basso tasso di partecipazione al Programma (come richiesto dalla stessa Commissione europea, che gestisce LIFE per il tramite della sua Agenzia esecutiva CINEA).

 


Presentazione del progetto LIFE EOLIZARD – Fondazione Bioparco di Roma. 18 aprile 2024

Fonte immagine: MASEGiovedì 18 aprile 2024, dalle ore 9:30 alle ore 12:45, si terrà il primo evento pubblico per la presentazione del progetto LIFE EOLIZARD - Conservation of the Aeolian wall lizard, through translocation, reintroduction, and habitat restoration (LIFE22-NAT-IT-LIFE EOLIZARD-101114121). L’evento si svolgerà in forma ibrida: in presenza, presso la Sala dei Lecci del Bioparco di Roma (Viale del Giardino Zoologico, 20); da remoto, tramite piattaforma Teams.

Il progetto ha l’obiettivo di tutelare la lucertola delle EoliePodarcis raffonei, uno dei rettili con il maggior rischio di estinzione del vecchio continente, contrastando le minacce alla conservazione di questa specie endemica dell’arcipelago eoliano e implementando un programma di ripopolamento, fondamentale per garantire la sua sopravvivenza nel lungo termine.

A questo link è possibile trovare maggiori dettagli sul programma dell’evento e registrarsi, nel caso in cui si voglia partecipare in presenza, nonché accedere al collegamento via Teams, nel caso in cui si voglia partecipare da remoto.

 


Sshhhh – I progetti LIFE forniscono soluzioni per la riduzione del rumore stradale per un'Europa più silenziosa: primo evento di networking Low Noise

Logo LifeUn europeo su cinque deve affrontare livelli sonori notturni dannosi.

Le soluzioni per la riduzione dell'inquinamento acustico stradale proposte da LIFE e da altri progetti dell'UE sono state discusse in occasione di un evento organizzato dalla Commissione per promuoverne l'applicazione su larga scala.

Il 20% degli europei è esposto a livelli di rumore superiori a 65 decibel durante il giorno, quando il livello massimo raccomandato è di 55. "Riuscite a immaginare un'Europa silenziosa?", hanno chiesto Manuel Montero Ramirez, Project Advisor CINEA, e Marco Paviotti, Policy Officer della DG Environment, all'inizio del primo evento di networking Low Noise del 6 febbraio 2024. Cinque relatori hanno risposto a questa domanda presentando come i loro progetti affrontano l'inquinamento acustico. Le tavole rotonde hanno riguardato le sfide tecniche delle soluzioni per le superfici a bassa rumorosità nelle aree urbane ed extraurbane e le lacune legislative e politiche per la loro attuazione e standardizzazione. L'evento ha visto la partecipazione di due progetti LIFE: LIFE C-LOW-N ASPHALT e LIFE SILENT, che hanno dimostrato il valore aggiunto del programma LIFE in questo particolare settore. 

Giulia Custodi, coordinatrice del progetto LIFE C-LOW-N ASPHALT, ha condiviso i risultati finali del progetto dopo il suo completamento nel 2022. Con il suo partner principale, il Comune di Parigi, LIFE C-LOW-N ASPHALT ha formulato tre innovative miscele di asfalto fresche e a bassa rumorosità. Le soluzioni sono state sperimentate in tre siti pilota di Parigi, dove sono stati posati 600 metri di nuova pavimentazione e i benefici hanno interessato 1.000 parigini in queste aree. L'obiettivo è ridurre le temperature di 2 gradi Celsius e il rumore del traffico di 3 dB a livello di strada e di 2 dB a livello di edificio. Il progetto ha valutato le variazioni termiche e gli impatti acustici e ha chiesto ai residenti la loro opinione sulle superfici.  I risultati hanno mostrato che il 63% dei residenti ha dichiarato di aver notato una riduzione del rumore e che l'acustica è stata significativamente ridotta, soprattutto di notte. Il monitoraggio acustico continuerà in questi siti tra il 2023 e il 2028. Il progetto ha anche misurato i risparmi economici derivanti dall'utilizzo delle tre miscele di asfalto. Se tutte le strade di Parigi con limiti di velocità di 50 km orari utilizzassero queste miscele invece di quelle standard, si risparmierebbero 34 milioni di euro dopo cinque anni; e applicandole all'intera rete stradale parigina si risparmierebbero 400 milioni di euro dopo cinque anni.

Patrizia Bellucci, coordinatrice del progetto LIFE SILENT, ha spiegato come il progetto LIFE SILENT, appena avviato, abbia l'obiettivo di sviluppare soluzioni sostenibili ed ecocompatibili per ridurre l'inquinamento acustico dovuto al traffico stradale e ferroviario in ambienti urbani complessi. In queste aree, infatti, non è possibile installare misure come le barriere antirumore a causa dei vincoli di spazio, dell'impatto visivo e della circolazione dell'aria. Altre soluzioni sono più adatte, come le pavimentazioni sostenibili a bassa rumorosità e le barriere antirumore a bassa altezza (low-height noise barriers, LHNB). LIFE SILENT svilupperà e dimostrerà le LHNB in un ambiente di prova reale, per fornire dati e prove ai proprietari e ai gestori delle infrastrutture di trasporto. Questi dati saranno utilizzati per incoraggiare e sostenere l'uso e l'adozione diffusa della LHNB. A questo proposito, "c'è la necessità di approfondire aspetti tecnici specifici e di sintetizzare le esperienze raccolte finora sull'argomento. Questa sintesi sarebbe utile per generare specifiche tecniche valide a livello europeo, che potranno poi essere utilizzate per avviare l'implementazione diffusa di soluzioni basate sulle sorgenti", ha dichiarato Patrizia. 

L'evento di networking Low Noise può essere visto sul canale YouTube del Programma LIFE. I progetti LIFE C-LOW-N ASPHALT e LIFE SILENT sono in linea con la politica dell'UE in materia di aria pulita e con la strategia di adattamento dell'UE.

Il Programma LIFE ha dato priorità ai progetti nelle aree urbane per migliorare l'inquinamento acustico, come quelli incentrati su nuove superfici e/o pneumatici a bassa rumorosità e barriere a bassa altezza, con un'elevata sostenibilità ambientale ed economica.

 


Workshop finale del progetto Life REMY: “L’evoluzione della modellistica e della conoscenza sulle fonti emissive: effetti sulle politiche della qualità dell’aria”. Milano, 21 marzo 2024.

Life REMY Final meetingGiovedì 21 marzo 2024, dalle ore 8.50 alle 13.00, si terrà a Milano presso Palazzo Reale (Piazza del Duomo, 14) l’incontro finale del progetto LIFE REMY, dal titolo “L’evoluzione della modellistica e della conoscenza sulle fonti emissive: effetti sulle politiche della qualità dell’aria”.

LIFE REMY - “Reducing Emission Modelling uncertaintY” (LIFE20 PRE/IT/000004) è un progetto co-finanziato dal Programma LIFE 2014-2020 che rientra in una particolare categoria di progetti LIFE, ovvero i progetti preparatori, specificamente concepiti per supportare lo sviluppo e l’attuazione della legislazione ambientale e climatica dell’Unione europea

Coordinato da TerraAria S.r.l., LIFE REMY è stato realizzato grazie a una stretta e proficua collaborazione tra partners italiani, spagnoli e polacchi.

Il progetto, attraverso una dettagliata analisi quantitativa modellistica in 3 aree critiche dell’UE (Valle Padana - Italia, Catalogna - Spagna, Polonia meridionale - Polonia), ha studiato l’impatto dell’incertezza nella stima delle emissioni di inquinanti e sui modelli di dispersione in atmosfera, che potrebbe incidere negativamente sui piani per la qualità dell’aria e sui processi decisionali sia a scala regionale che locale, portando all’individuazione di strategie inefficaci di abbattimento delle emissioni.

L’obiettivo principale di LIFE REMY è stato quello di fornire raccomandazioni aggiornate, complete e armonizzate per supportare i modellisti atmosferici nel ridurre gli effetti delle incertezze di modellazione dovute alle corrispondenti incertezze nella stima delle emissioni e, quindi, contribuire al miglioramento complessivo delle tecniche modellistiche, nel quadro della Direttiva sulla qualità dell’aria ambiente, in riferimento alla ricostruzione dei livelli di inquinamento, alla valutazione dei piani per la qualità dell’aria, alla stima del ruolo delle fonti emissive.

Attraverso specifiche simulazioni, sia a livello regionale che urbano, nelle 3 aree europee di particolare criticità da esso individuate, il progetto si è concentrato sulla riduzione delle incertezze modellistiche più rilevanti relative al processamento delle emissioni, riuscendo a fornire utili linee guida operative riguardanti l’integrazione e l’armonizzazione degli inventari delle emissioni urbane/regionali, la caratterizzazione delle fonti più incerte, la modellizzazione del particolato organico, la modellazione multiscala.

Durante il Workshop finale di LIFE REMY saranno illustrati i risultati raggiunti dal progetto nei 3 anni della sua attuazione. Si discuterà inoltre, in linea più generale, della riduzione dell’incertezza della stima delle emissioni inquinanti e, di conseguenza, dell’efficacia delle politiche di qualità dell’aria.

Qui è possibile consultare il programma dell’incontro ed effettuare la registrazione (entro il 18 marzo 2024) per partecipare, in presenza o da remoto, al Workshop.

 


Al via LIFE NatConnect2030: Kick off meeting del progetto – Palazzo Lombardia, Milano. 14 marzo 2024

LIFE NatConnect 2030

Con il Kick off meeting di giovedì 14 marzo 2024, ospitato presso la “Sala Marco Biagi” di Palazzo Lombardia a Milano (via Melchiorre Gioia, 37), prende il via il progetto LIFE NatConnect 2030 - “Natural Connections for Natura 2000 in Northen Italy to 2030” (LIFE22-IPN-IT-LIFE-101104366), uno dei 12 progetti strategici in cui la Commissione europea ha investito 233 milioni di euro nell’ambito della Call for proposals “LIFE-2022-STRAT-two-stage - Strategic Nature and Integrated Projects (SNAP/SIP)

LIFE NatConnect 2030 è un progetto strategico di tutela della natura (SNAP), mirato al raggiungimento degli obiettivi di conservazione della biodiversità, attraverso lo sviluppo delle azioni definite con i Prioritised Action Frameworks (PAFs) 2021-2027 per la Rete Natura 2000 di Lombardia, Emilia-Romagna, Piemonte, Veneto, Trento, e parallelamente a dare attuazione ad altri piani o strategie adottati a livello internazionale, nazionale, multiregionale o regionale, per l’ambiente e lo sviluppo.

Sono previsti targets specifici di raggiungimento dei PAFs per i territori coinvolti:

PAFs 2021-2027 – targets di attuazione

Lombardia

Emilia-Romagna

Piemonte

Veneto

Trento

60%

52%

75%

53%

70%


L’area di progetto ospita una ricca fauna selvatica e più di 840 siti Natura 2000, in un territorio di oltre 100.000 Km2, caratterizzato dalla presenza dell’Arco Alpino e del fiume Po e con una popolazione di 17 milioni di abitanti (una delle aree più densamente abitate d’Europa).

Il progetto, della durata di 9 anni (2024-2032) vede la partecipazione di 16 partners, che includono, oltre a Regione Lombardia (capofila del progetto): Regione Piemonte, Regione Emilia-Romagna, Regione Veneto con affiliato il Consiglio di Bacino Brenta, Provincia Autonoma di Trento, Autorità di Bacino del fiume Po, Agenzia Interregionale per il fiume Po, ERSAF - Ente Regionale per i Servizi all'Agricoltura e alle Foreste (Lombardia), Fondazione Lombardia per l’Ambiente, Ente Parco Regionale Veneto Delta del Po, Ente di Gestione per i Parchi e la Biodiversità - Delta del Po Emilia-Romagna, WWF Italia, LIPU - Lega Italiana Protezione Uccelli, Legambiente Lombardia Onlus e Comunità Ambiente.

Sono interessate dalle azioni del progetto 4 regioni biogeografiche, alpina, continentale, mediterranea e marina mediterranea.

Le 5 linee strategiche alla base di LIFE NatConnect 2030 sono:

  1. ripristino ecologico di habitat e specie di interesse conservazionistico;
  2. rafforzare gli elementi di connessione della rete ecologica;
  3. mitigazione e adattamento ai cambiamenti climatici;
  4. riduzione dell’impatto delle specie aliene invasive;
  5. rafforzare la governance di Rete Natura 2000 e delle aree di connessione.

Oltre al Kunming-Montreal Global Biodiversity Framework, il progetto contribuirà a diversi obiettivi delle politiche europee e nazionali, quali la Strategia dell’UE sulla Biodiversità per il 2030, la Strategia Forestale europea per il 2030, la Direttiva Quadro sulle Acque (2000/60/CE), il Regolamento dell’UE sulle Specie Esotiche Invasive, la Strategia europea di Adattamento ai Cambiamenti Climatici, la Legge UE sul Ripristino della Natura, la Strategia dell’UE per il Turismo Sostenibile, la Direttiva UE per l’Utilizzo Sostenibile dei Prodotti Fitosanitari.

Budget di progetto: oltre 46 milioni di euro – finanziamento UE per circa 28 milioni; cofinanziamento a carico dei partners per oltre 17 milioni; finanziamento privato di Fondazione Cariplo di 1,3 milioni di euro.

Inoltre, il progetto intende movimentare circa 540 milioni di euro di fondi complementari; tra questi, i finanziamenti del Fondo Europeo Agricolo di Sviluppo Rurale (FEASR), del Fondo Europeo di Sviluppo Regionale (FESR), del Programma di cooperazione transfrontaliera (Interreg VI-A) Italia-Svizzera 2021-2027, della Strategia Forestale Nazionale (quota delle risorse destinate alla Lombardia), del “Fondo per il controllo delle specie esotiche invasive” del Ministero dell’Ambiente e della Sicurezza Energetica (quota delle risorse destinate alla Lombardia), nonché i finanziamenti del Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza  (PNRR) dedicati al progetto “Rinaturazione del Po” e altri fondi regionali e privati.

 


I progetti strategici LIFE 2022 ricevono oltre 233 milioni di EURO di finanziamenti UE

LogoLa Commissione europea ha annunciato investimenti per oltre 233 milioni di euro in 12 nuovi progetti strategici (SP) in tutta Europa nell’ambito del Programma LIFE 2021-2027, per contribuire all’attuazione delle ambizioni ambientali e climatiche del Green Deal europeo.

Nelle previsioni, questi nuovi progetti strategici LIFE – che ricomprendono progetti strategici di tutela della natura (SNAP) e progetti strategici integrati (SIP) – mobiliteranno un ingente supplemento di finanziamenti attinti da altre fonti dell’UE, fra cui fondi agricoli, strutturali, regionali e per la ricerca, cui si aggiungeranno fondi stanziati dai governi nazionali e investimenti del settore privato.

Selezionati 12 grandi progetti in 10 Stati membri dell’UE 

I finanziamenti concessi, a valere sui bandi LIFE 2022, a questi 12 nuovi progetti strategici (leggi qui la loro descrizione!) aiuteranno Bulgaria, Repubblica Ceca, Irlanda, Spagna, Francia, Italia, Lituania, Austria, Polonia e Finlandia a conseguire i rispettivi obiettivi ambientali e climatici nazionali e a rendere più incisivo il loro contributo alla transizione verde dell’UE.

Per quanto riguarda  il settore LIFE “Ambiente”, i progetti strategici selezionati per l’annualità 2022:

  • andranno a beneficio degli ecosistemi marini grazie all’operato di MPA-LIFE-IRELAND, che intende designare almeno il 30% dei territori marini dell’Irlanda come aree marine protette entro il 2030.
  • contribuiranno a  migliorare la qualità dell’aria nella regione Precarpazia in Polonia, riducendo nel contempo la povertà energetica e aumentando l’efficienza energetica (LIFE Podkarpackie), nonché la qualità e la gestione delle acque in Lituania (LIFE SIP Vanduo).  
  • promuoveranno la natura e la biodiversità. In FinlandiaPriodiversity LIFE mira all’introduzione di Piani d’azione per la biodiversità e allo sviluppo di competenze a livello regionale. In Italia settentrionale, LIFE NatConnect2030 intraprenderà azioni in oltre 500 siti con lo scopo di rafforzare la biodiversità e i corridoi ecologici. LIFE SNAP Ireland si concentrerà sul superamento degli ostacoli all’attuazione del Quadro di Azioni Prioritarie (PAF) per Natura 2000 in Irlanda. Attraverso LIFE BIODIVFr, la Strategia nazionale sulla biodiversità della Francia coinvolgerà le autorità locali e mobiliterà i cittadini per promuovere cambiamenti nel modo di vivere e di produrre. In Repubblica CecaPROSPECTIVE LIFE introdurrà “strumenti attivi di conservazione delle specie” per contribuire a invertire il declino di almeno 25 specie. In AustriaLIFE AMooRe perseguirà l’obiettivo di ripristinare oltre 1.400 ettari di torbiere, comprendenti 13 habitat diversi e 37 specie di elevato valore conservazionistico.

Relativamente ai progetti strategici  2022 di cui al settore LIFE “Azione per il Clima”:

  • ACE LIFE aiuterà la Finlandia a raggiungere la neutralità climatica entro il 2035, riducendo le emissioni prodotte dall’agricoltura, dai veicoli e dai macchinari pesante, ed eliminando gradualmente i combustibili fossili utilizzati dalle piccole e medie imprese nei processi industriali.
  •  LIFE PYRENEES4CLIMA, progetto transfrontaliero tra Spagna, Francia e Andorra, è volto ad accelerare l’adattamento ai cambiamenti climatici nei Pirenei, migliorando le conoscenze e la capacità di far fronte agli impatti dei cambiamenti climatici sulla natura, le persone e l’economia.
  • In BulgariaLIFE-SIP CLIMA-SUMP attuerà Piani di Mobilità Urbana Sostenibile (SUMP) in 6 comuni per contribuire al conseguimento di una mobilità a zero emissioni, un passo importante verso la neutralità climatica. 

 

Il contesto

I progetti strategici del Programma LIFE 2021-2027 sostengono l’attuazione della normativa e delle politiche dell’UE in materia di ambiente e clima a livello regionale, multiregionale, nazionale o transnazionale. 

Tali progetti sono stati concepiti per valorizzare gli eccellenti risultati conseguiti dai progetti integrati del Programma LIFE, finanziati tra il 2014 e il 2020, e per aiutare l’Europa a diventare il il primo continente al mondo a impatto climatico zero entro il 2050 e ad attuare con successo il Green Deal europeo. Non si tratta di semplici progetti, ma di catalizzatori del cambiamento che velocizzeranno la transizione verso un futuro più sostenibile e resiliente

I progetti strategici LIFE sostengono diverse strategie, piani e direttive chiave dell’UE. Contribuiscono alla Strategia UE sulla Biodiversità per il 2030, alla Strategia dell’UE di adattamento ai cambiamenti climatici, al Piano d’Azione per l’Economia Circolare e il Piano d’Azione per l’Inquinamento Zero. Sostengono inoltre la Direttiva Quadro sulle Acque, la Legge sul Ripristino della Natura, la Direttiva sulla Qualità dell’Aria, la Direttiva Quadro sulla Strategia Marina, e contribuiscono alla transizione all’energia pulita, così come ad altre strategie e piani climatici nazionali, regionali, urbani o settoriali.

Qui il comunicato stampa della Commissione europea sui nuovi progetti strategici LIFE dell’annualità 2022.

La relativa notizia è pubblicata sul sito web CINEA LIFE.

 


LIFE Calls for proposals 2024 – Anticipazione date apertura e chiusura

In relazione alla corrente annualità 2024, tutti gli Inviti a presentare proposte (Calls for proposals) per le diverse tipologie di progetti ammissibili (e relativi Topics) nell’ambito dei 4 Sottoprogrammi (“Natura e Biodiversità - NAT”, “Economia Circolare e Qualità della Vita - ENV”, “Mitigazione e Adattamento ai Cambiamenti Climatici - CLIMA” e “Transizione all’Energia pulita - CET”) del Programma LIFE 2021-2027 dovrebbero essere pubblicati sul Portale UE Funding & tender opportunities  il prossimo 18 aprile 2024.

Dal 23 al 26 aprile 2024, l’Agenzia esecutiva europea per il clima, l’infrastruttura e l’ambiente (CINEA), che gestisce LIFE per conto della Commission europea, organizzerà gli EU LIFE Info Days 2024, sessioni informative virtuali sulle varie LIFE Calls for proposals 2024, per guidare i candidati/potenziali candidati (enti pubblici o privati, incluse ONG e organizzazioni della società civile) degli Stati membri dell’UE e dei Paesi terzi associati al Programma LIFE.

Il 28  maggio 2024 si svolgerà poi, in modalità online, il LIFE Info Day Italia 2024, organizzato dal LIFE National Contact Point del MASE in collaborazione con  CINEA e il Team esterno di monitoraggio dei progetti LIFE realizzati in Italia (ELMEN EEIG - Timesis), e rivolto in maniera specifica ai proponenti/potenziali proponenti italiani.

Dettaglio delle date previste per l’apertura e la chiusura delle Calls for proposals 2024 in base alle diverse tipologie di progetti LIFE:

Progetti LIFE

Apertura CallS

Chiusura CallS

Progetti di Azione Standard (SAP) dei Sottoprogrammi LIFE NAT ed ENV

18 aprile 2024

19 settembre 2024

Progetti SAP del  Sottoprogramma LIFE CLIMA

18 aprile 2024

17 settembre 2024

 Azioni di Coordinamento e Sostegno (CSA) del Sottoprogramma LIFE CET

18 aprile 2024

19 settembre 2024

Progetti Strategici di Tutela della Natura (SNAP) e Progetti Strategici Integrati (SIP)



18 aprile 2024

 

Prima Fase (Concept note): 5 settembre 2024

Seconda Fase (Full proposal): 6 marzo 2025

Progetti di Assistenza Tecnica per la Preparazione di progetti SNAP e SIP (TA-PP)

18 aprile 2024

19 settembre 2024

Progetti di Assistenza Tecnica per la Replicazione dei risultati di altri progetti (TA-R)

18 aprile 2024

19 settembre 2024

Progetti Preparatori - per affrontare Priorità Legislative e Politiche ad hoc (PLP)

18 aprile 2024

19 settembre 2024


NB: per quanto riguarda le Sovvenzioni di Funzionamento (OG), sempre il 18 aprile 2024 è prevista l’uscita sia dell’Invito a presentare proposte per “Accordi Quadro di Partenariato per Sovvenzioni di Funzionamento” (FPA OG), sia di quello relativo a “Convenzioni di sovvenzione Specifiche per Sovvenzioni di Funzionamento” (SGA OG). La chiusura di tali Calls for proposals è attesa, rispettivamente,  per il 5 e il 17 settembre 2024.

 


PROGETTO LIFE COMANAGE: Incontro pubblico per la presentazione del “Piano d’azione per le Comunità Energetiche nel Lazio”. Roma, 20 febbraio 2024

Fonte immagine: MASE

Regione Lazio, ANCI Lazio e AISFOR organizzano congiuntamente l’incontro pubblico dal titolo “Piano d’azione per il rafforzamento delle Comunità Energetiche nel Lazio”, che si terrà martedì 20 febbraio 2024, dalle 11:00 alle 13:00, presso la sede della Regione Lazio (Sala Tevere, Palazzina A, Via Cristoforo Colombo 212, Roma).

L’evento è volto alla presentazione del “Piano d’azione per le Comunità Energetiche nel Lazio”, elaborato nell’ambito del progetto LIFE COMANAGE - Developing a transnational governance and holistic integrated services framework supporting the sustainability of European energy communities (LIFE21-CET-ENERCOM-COMANAGE/101076753), co-finanziato dal Programma LIFE 2021-2027 e coordinato da Asociacion Ecoserveis (Spagna).

LIFE COMANAGE –  di cui sono partners, per parte italiana, sia ANCI Lazio che AISFOR –  è nato con l’obiettivo di affrontare e contrastare i principali ostacoli di governance e gestione – tra cui una serie di ostacoli legali, amministrativi, finanziari, sociali e organizzativi – affrontati dalle Comunità Energetiche guidate dai cittadini e partecipate dal pubblico.

Il seminario del 20 febbraio mira a condividere – con tutti i cittadini interessati, i rappresentanti dei Comuni del Lazio, i membri di Comunità Energetiche Rinnovabili, di Università, di Organizzazioni Non Governative (ONG) e del mondo associativo/cooperativo –  le potenzialità e le soluzioni proposte da LIFE COMANAGE per favorire la nascita e il rafforzamento delle Comunità Energetiche Rinnovabili, in particolar modo per il territorio laziale.

L’evento si propone inoltre di sviluppare le sinergie tra diverse iniziative, includendo progetti complementari  europei a LIFE COMANAGE, come: LifeSMART, in cui è attiva la Città Metropolitana di Roma Capitale; Sun4All in cui sono presenti Roma Capitale e l’Università La Sapienza di Roma; LIFE DISCOVER, coordinato da AISFOR per massimizzare l’offerta di soluzioni energetiche sostenibili.

La giornata si aprirà con il benvenuto da parte dei rappresentanti della Regione Lazio e di ANCI Lazio, nonché con un intervento da parte di un referente del LIFE National Contact Point del Ministero dell’Ambiente e della Sicurezza Energetica, incentrato sul “Programma LIFE e le opportunità di sostegno a progetti per la transizione all'energia pulita”.

Seguirà la presentazione del “Piano d’azione COMANAGE per il Lazio”, con una panoramica degli strumenti messi a punto da ANCI Lazio e AISFOR assieme agli altri partners europei del progetto LIFE COMANAGE per il supporto alle Comunità Energetiche.

Il seminario si concluderà con la Tavola rotonda “Sinergie per il territorio” e  con una sessione di Questions and Answers con il coinvolgimento di esperti del settore e l’interazione di coloro che prenderanno parte all’iniziativa.

È possibile registrarsi all’incontro, per partecipare in presenza o da remoto, compilando l’apposito modulo online.

Il programma completo dell’evento è scaricabile qui.

Flyer seminario.

 


LIFE EOLIZARD: al via il concorso di idee per il logo e dell’immagine coordinata del progetto

Fonte immagine: MASE LIFE EOLIZARD - “Conservation of the Aeolian wall lizard, through translocation, reintroduction, and habitat restoration” (LIFE22-NAT-IT-LIFE EOLIZARD-101114121) è un progetto cofinanziato dal Programma LIFE 2021-2027 che mira a tutelare la lucertola delle Eolie, Podarcis raffonei, uno dei rettili più a rischio estinzione del vecchio continente, contrastando le minacce alla conservazione di questa specie endemica dell’arcipelago eoliano e implementando un programma di ripopolamento, fondamentale per garantire la sua sopravvivenza nel lungo termine.

Nell’ambito di LIFE EOLIZARD, iniziato a giugno 2023, l’Associazione Triton ETS lancia un concorso di idee per la creazione del logo e dell’immagine grafica coordinata del progetto, da impiegare nelle comunicazioni, negli eventi e nello svolgimento delle attività durante l’intero ciclo di vita di LIFE EOLIZARD. È previsto un premio per il vincitore della competizione.

Il regolamento del concorso è consultabile qui.

Scadenza delle candidature: 29 febbraio 2024.

 


Primi risultati del progetto Re-BREATH: Dissemination Event. Roma, 30 gennaio 2024 (9.30 - 13.00).

Fonte immagine: MASE

A un anno e mezzo di distanza dall’avvio di Re-BREATH - “Riduzione delle emissioni di usura dei freni nel settore dei trasporti” (LIFE21 ENV/IT/101074269), l’ambizioso progetto nell’ambito della mobilità urbana sostenibile che si è aggiudicato un finanziamento europeo dal Programma LIFE 2021-2027, gli attori coinvolti si riuniscono per condividere i primi risultati del loro lavoro.

L’evento Innovazione sostenibile nel sistema frenante: mobilità urbana green e qualità dell’aria sarà una preziosa occasione per fare il punto su un’importante iniziativa legata ai temi della mobilità urbana green e della qualità dell’aria.

Lo scopo di RE-BREATH, infatti, è studiare le non exhaust emissions (emissioni di microparticelle non esaurite) generate dai sistemi frenanti del trasporto pubblico locale, valutare il loro impatto e, infine, progettare e sviluppare un sistema frenante per gli autobus innovativo e più rispettoso dell’ambiente e della qualità della vita delle persone, introducendo anche interventi di mitigazione green. Ma i benefici si estendono anche al settore dell’industria dei freni, che potrà utilizzare in modo più sostenibile le risorse grazie all’estensione della durata di vita dei dischi dei freni.

Il nuovo sistema frenante di RE-BREATH verrà installato su alcuni autobus delle linee urbane nelle città di Bergamo e Bratislava. L’auspicio, però, è quello di dare vita a una tecnologia virtuosa che possa essere adottata in molte città e che possa allo stesso tempo essere di ispirazione per altri ambiti.

L’appuntamento è per martedì 30 gennaio 2024 alle 9:30, presso la sede del Consiglio Nazionale delle Ricerche (CNR) a Roma – Piazzale Aldo Moro, n. 7 (Sala “Guglielmo Marconi”) – per il dissemination event di RE-BREATH che vedrà la partecipazione di Brembo, leader mondiale nello sviluppo e nella produzione di impianti frenanti e coordinatore del progetto, e di altri importanti partners pubblici e privati, fra i quali il Comune di Bergamo, lo stesso CNR e l’azienda di trasporti Arriva Italia.

Scarica qui il programma dell’evento.

 


Progetto LIFE Egyptian vulture - Un manuale illustra metodi e risultati per la riproduzione in cattività del capovaccaio e il suo rilascio in natura.

Logo Life Egyptian VultureIl progetto LIFE Egyptian vulture - “Misure di conservazione per il capovaccaio in Italia e nelle Isole Canarie” (LIFE16 NAT/IT/000659) è nato per contrastare, con misure concrete, l’estinzione del capovaccaio in Italia e consolidarne la ripresa segnata negli ultimi due decenni alle Isole Canarie.

LIFE Egyptian vulture si è concluso con la pubblicazione di un manuale dedicato alla riproduzione in cattività del capovaccaio e alle operazioni di rilascio in natura.

Il documento, realizzato da Guido Ceccolini e Anna Cenerini (Biodiversità sas), presenta 24 anni di esperienza nella gestione del più grande stock di individui in cattività al mondo, ospitato al CERM - Centro Rapaci Minacciati di Rocchette di Fazio (in Toscana). Descrive, inoltre, i tre diversi metodi che sono stati adottati dal 2003 ad oggi per il rilascio in natura in Italia di giovani individui nati in cattività.

Nella parte finale della pubblicazione vengono parzialmente analizzati i risultati dei rilasci, evidenziando come gli individui liberati nell’anno di nascita abbiano registrato un tasso di sopravvivenza superiore rispetto a quelli liberati nel secondo e terzo anno di età.

Il manuale, redatto in inglese, punta ad essere uno strumento utile per quei soggetti che, a livello europeo, sono attivi nella conservazione della specie oggetto del progetto LIFE Egyptian vulture.

Per scaricare il manuale clicca qui.

 


Un cielo colorato di aquiloni: un documentario racconta il progetto LIFE MILVUS.

L’Ente Parco Nazionale dell’Aspromonte ha prodotto un documentario che racconta il progetto LIFE MILVUS e il suo protagonista assoluto: il nibbio reale.

Il progetto LIFE MILVUS - Misure per la conservazione del nibbio reale in Calabria (Italia) e in Corsica (Francia) (LIFE18 NAT/IT/000917) ha come obiettivi principali l’insediamento di una popolazione di nibbio reale nel Parco Nazionale dell'Aspromonte e la conservazione a lungo termine della specie in Corsica. Partito a ottobre 2019, il progetto, di cui l’Ente Parco Nazionale dell’Aspromonte è capofila, si concluderà nel 2025.

Il documentario illustra con bellissime immagini e panoramiche a volo di…nibbio, le fasi di reintroduzione di questa emblematica specie nel Parco, con il primo trasferimento di otto giovani dal Cantone di Friburgo e la loro successiva liberazione, ma racconta anche delle attività svolte in Corsica dal CEN-Corse e delle minacce che mettono in pericolo la conservazione della specie in Europa.

Realizzato da White Fox Communication, il video è disponibile in italiano, inglese e francese nella pagina Video del sito web del progetto e nel canale Youtube del Parco.

 


Save the date – progetto Re-BREATH: Dissemination Event. Roma, 30 gennaio 2024 (9.30 - 13.00).

Progetto LIFE Re-BREATH

Nella mattinata di martedì 30 gennaio 2024, presso la sede del Consiglio Nazionale delle Ricerche (CNR) a Roma – Piazzale Aldo Moro, n. 7 (Sala “Guglielmo Marconi”) – si terrà il dissemination event del progetto Re-BREATH - Riduzione delle emissioni di usura dei freni nel settore dei trasporti” (LIFE21 ENV/IT/101074269), evento incentrato sul tema della mobilità urbana green e della qualità dell’aria in relazione alle innovazioni sostenibili negli sviluppi dei sistemi frenanti per autobus.

Si tratta di una iniziativa in cui le realtà coinvolte in RE-BREATH presenteranno, condivideranno e discuteranno i primi risultati, gli obiettivi raggiunti e i prossimi passi del progetto.

RE-BREATH è un progetto ambizioso, co-finanziato dal Programma LIFE 2021-2027 della Commissione europea, nel campo della mobilità urbana sostenibile.​​

In particolare, le sfide di RE-BREATH sono: migliorare la conoscenza delle emissioni di microparticelle non esaurite generate dai sistemi di frenatura del sistema di trasporto pubblico locale; valutare il loro impatto sulla qualità della vita delle persone e sull’ambiente; e, infine, progettare e sviluppare un sistema di frenatura degli autobus innovativo e più rispettoso dell’ambiente e intervenire con opere di mitigazione verde.

Il progetto è coordinato da Brembo S.p.A., leader mondiale nello sviluppo e nella produzione di impianti frenanti, e coinvolge importanti partners del settore pubblico e privato, come: il Comune di Bergamo, che da tempo promuove e sostiene iniziative locali e internazionali su temi di sostenibilità; il CNR, che partecipa con l’Istituto di Ricerca sull’Inquinamento Atmosferico (CNR-IIA) e l’Istituto dei Materiali Nanostrutturati (CNR-ISMN); Arriva Italia s.r.l. e Arriva Slovakia a.s.​

RE-BREATH è iniziato ad agosto 2022 e durerà 36 mesi, con un budget totale di  3.241.827,28 € (di cui 1.945.096,28 € di contributo UE).

Qui il Save the date dell’evento di disseminazione di RE-BREATH.

 


LIFE MICROFIGHTER – Workshop di progetto. Cotignola (RA), 24 gennaio 2024.

logo life microfighter

Mercoledì 24 gennaio 2024, dalle ore 18.00 alle ore 20.00, presso la sede del Consorzio Agrario di Ravenna – via Madonna di Genova 39, Cotignola (RA) – si terrà il Workshop del progetto LIFE MICROFIGHTER - “Zeo-Biopesticidi innovativi, a base di microrganismi utili, per eliminare l’uso di pesticidi a base di rame” (LIFE21 ENV/IT/101074218).

L’uso massiccio di composti di rame nell’agricoltura biologica non è più una pratica sostenibile, poiché il rame tende ad accumularsi nell’ambiente e nei terreni. Anche se l’Unione europea sta limitando l’uso di pesticidi a base di rame, questi prodotti sono ancora ampiamente utilizzati in molti paesi perché non esistono altre alternative con un’efficacia comparabile. È in questo contesto che nasce il progetto transnazionale LIFE MICROFIGHTER, co-finanziato dalla Commissione europea nell’ambito del Programma LIFE 2021-2027, che mira a dimostrare l’efficacia di un nuovo prodotto Zeo-Biopesticida naturale ed ecologicamente sostenibile per la difesa contro i patogeni rilevanti (peronospora, picchiettatura, maculatura batterica, rogna dell’olivo e occhio di pavone) nella coltivazione biologica di vite, pomodoro e olivo in Italia, Spagna e Croazia.

Parteciperanno al Workshop del 24 gennaio 2024, oltre a referenti del LIFE National Contact Point del Ministero dell’Ambiente e della Sicurezza Energetica e del Coordinamento CREA del Programma “Rete Rurale Nazionale”, i rappresentanti dei partners italiani di LIFE MICROFIGHTER: Consorzio CO&SO (capofila), Astra Innovazione, Symbiagro, CNR, Consorzio Agrario di Ravenna, Università degli Studi di Ferrara e Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia.

Qui il Programma del Workshop.

Per l’iscrizione all’evento, scrivere a: beans@consorzioagrarioravenna.it  o europa@coeso.org.

 


Progetto LIFE agriCOlture – Conferenza finale. Consorzio di Bonifica dell’Emilia Centrale, Reggio Emilia, 24 gennaio 2024.

Logo progetto LIFE agriCOltureNella mattinata di mercoledì 24 gennaio 2024 (ore 9.00-13.00), presso la sede del Consorzio di Bonifica dell’Emilia Centrale di Reggio Emilia (Corso Giuseppe Garibaldi, 42), andrà in scena la Conferenza finale del progetto europeo LIFE agriCOlture - Livestock farming against climate change problems posed by soil degradation in the Emilian Apennine (LIFE18 CCM/IT/001093), che ha avuto l’obiettivo di introdurre, in aree montane dell’Appennino emiliano soggette a dissesto idrogeologico e abbandono, azioni di governance e buone pratiche agronomiche di gestione sostenibile del suolo, al fine di dimostrare la loro efficacia nell’accumulo e conservazione di carbonio organico e nel recupero di suoli agricoli marginali e instabili.

Nella prima parte della Conferenza si proporranno contributi relativi al tema di un nuovo “Patto” tra agricoltura di montagna e Consorzi di Bonifica nel contesto del cambiamento climatico. Nella seconda parte verranno illustrati gli obiettivi raggiunti dal progetto, con un approccio orientato verso il perseguimento di “una nuova efficienza climatica della zootecnia dell’Appennino emiliano”.

LIFE agriCOlture, iniziato nel 2019 e conclusosi a dicembre 2023, ha usufruito di un budget di 1,5 milioni di euro (di cui il 60% co-finanziato dal Programma LIFE 2014-2020). Nel progetto sono coinvolti come partners il Consorzio di Bonifica dell’Emilia Centrale, in qualità di coordinatore, il Consorzio della Bonifica Burana, il Parco nazionale dell’Appennino tosco-emiliano e il Centro Ricerche Produzioni Animali.

Tra le principali attività portate avanti da LIFE agriCOlture figurano lo sviluppo e l’implementazione di protocolli di applicazione di buone pratiche agronomiche indicate dalla ricerca scientifica come utili per salvaguardare il carbonio organico del suolo (rotazioni colturali, pratiche di agricoltura conservativa, sistemazioni idraulico agrarie) e, all’interno di un network di territori europei, di un modello di governance finalizzato a: supportare la diffusione delle buone pratiche agronomiche e di gestione del territorio, lo sviluppo e l’applicazione di nuovi strumenti di contabilizzazione delle emissioni e sequestri di gas ad effetto serra (GHG) e la caratterizzazione di un numero consistente di suoli agricoli in contesto appenninico.

Qui è disponibile la locandina con l’agenda dei lavori della Conferenza.

Link per la registrazione all’evento (che può essere seguito anche da remoto).

 


Progetto LIFE BRENTA 2030 – Conferenza stampa di fine lavori in corso – “Completamento dei lavori di ripristino ecosistemico del fiume: curare la natura per proteggere la nostra acqua”. Cartigliano (VI), 7 dicembre 2023.

Sono in fase di ultimazione i lavori di ripristino ecologico previsti nell’ambito del progetto europeo LIFE Brenta 2030 - Promoting good governance and innovative financing schemes for biodiversity and water conservation of Brenta river” (LIFE18 NAT/IT/000756), che a partire da questa estate hanno visto la realizzazione e la riqualificazione di habitat preziosi e tipici del medio corso di un fiume come il Brenta, resi rari e precari a causa della pressione antropica.

Gli obiettivi raggiunti e i prossimi steps del progetto sono stati illustrati giovedì 7 dicembre 2023 nel corso di una Conferenza stampa presso il Salone Nobile di Villa M. Cappello, a Cartigliano (VI). A seguire i partecipanti hanno preso parte a una passeggiata con i ricercatori dell’Università di Padova in uno degli impianti più rappresentativi del progetto in località “Le Basse del Brenta” a Cartigliano.

LIFE Brenta 2030, iniziato nel 2019 e in conclusione a settembre 2024, gode di un budget di 2,6 milioni di euro (di cui il 60% co-finanziato dal Programma LIFE 2014-2020) e prevede la messa a dimora di 45.000 piante erbacee e oltre 9.500 piante forestali (arboree e arbustive) nelle aree di intervento. L’obiettivo del progetto è quello di creare le condizioni per favorire la conservazione e lo sviluppo di habitat seminaturali nell’ambiente rivierasco del Medio Brenta; parallelamente LIFE Brenta 2030 mira al miglioramento e a un’integrazione della governance di acqua e della biodiversità attraverso il dialogo con i portatori di interesse, per riuscire a rispondere alle tante esigenze di un territorio ricco di risorse che lamentano però una gestione troppo settoriale e, in alcuni casi, conflittuale.

Nel progetto sono coinvolti come partners Etra, in qualità di coordinatore, l’Università di Padova, il Consiglio di Bacino Brenta, Etifor (spin-off dell’Università di Padova), AVISP (ex Veneto Agricoltura), il Comune di Carmignano di Brenta (PD) e Veneto Acque.

LIFE Brenta 2030 si sta impegnando attivamente nella cura del fiume attraverso una serie di azioni: dalla ridefinizione delle sponde dei fiumi e dei bacini idrici al ripristino degli ecosistemi a rischio, come le preziose zone umide, fino alla piantumazione di nuove specie arboree per arricchire i prati già esistenti e alla creazione di nuovi boschi e spazi verdi. Questo impegno include anche la realizzazione di percorsi pedonali e ciclabili, insieme alla corretta segnaletica per favorire la fruizione di queste aree.

Gli interventi di conservazione sono stati effettuati in 4 siti all’interno dell’areale del Medio Brenta, che si estende da Bassano del Grappa (VI) a Padova. Tra questi siti di intervento anche il “Lago di Camazzole” a Carmignano di Brenta, un’area strategica a livello di regione Veneto per i prelievi idropotabili. Conclusa la fase di preparazione dei siti e movimentazione terra, si sta attualmente completando la messa a dimora delle piantine a Nove (VI), Tezze sul Brenta (VI) e Cartigliano. La piantumazione a Carmignano di Brenta, nelle zone esposte alle variazioni del livello del Lago, sarà pianificata in base alle condizioni climatiche.

Sul sito web di LIFE Brenta 2030 è consultabile l’intero Comunicato stampa.

Qui è disponibile il video di progetto dal titolo “Perché è importante preservare l’habitat dei fiumi?”.

 


Progetto LIFE ALL-IN – Workshop finale: Il futuro della produzione sostenibile di pannolini: la rivoluzione di LIFE ALL-IN. Online, 12 dicembre 2023

Fonte immagine: MASELo scorso 12 dicembre 2023 si è svolto il Workshop finale di LIFE ALL-IN - Integrazione del processo di produzione del substrato e dei prodotti igienici assorbenti (AHP) per la riduzione delle materie prime e dei passaggi lungo la catena di approvvigionamento (LIFE19 ENV/IT/000230), evento finalizzato a condividere i risultati di tale progetto innovativo concepito per ridurre drasticamente l’impatto ambientale del settore dei prodotti igienici.

Il Workshop, dal titolo Il futuro della produzione sostenibile di pannolini: la rivoluzione di LIFE ALL-IN, è stato ospitato da Nonwovens Industry, la principale rivista del settore nonwoven (il “tessuto non tessuto”) a livello mondiale.

Nel corso dell’evento, Angelini Technologies-Fameccanica e PNO Consultants France, partners di progetto, hanno approfondito i dettagli delle attività di ricerca e sviluppo alla base di LIFE ALL-IN, presentandone i principali outcomes. Hanno quindi illustrato la tecnologia innovativa che ha portato alla creazione di una linea di produzione unica nel suo genere, che integra perfettamente la conversione dei non tessuti, la post-lavorazione e l’assemblaggio finale dei pannolini, consentendo un significativo risparmio di materiali e una consistente riduzione delle emissioni di CO2, oltre a notevoli risparmi in termini di costi.

Per avere maggiori informazioni sui relatori e poter visionare la registrazione del Workshop, consulta questo link.

 


Buone notizie dal progetto LIFE MILVUS

Fonte immagine: MASE - Logo progetto LIFE MILVUSDalla sezione News del sito web del progetto LIFE MILVUS apprendiamo le ultime notizie sugli otto nibbi reali rilasciati lo scorso luglio 2023 nel Parco Nazionale dell’Aspromonte.

I giovani esemplari originari del Cantone di Friburgo, in Svizzera, sono costantemente monitorati dal team di ornitologi del progetto. In autunno, in genere, una parte della popolazione svizzera migra verso sud per svernare nella Francia o nella Spagna meridionale, mentre una parte rimane in Svizzera anche durante la stagione invernale. Non era quindi scontato il comportamento dei giovani esemplari trasferiti in Calabria.

Gli otto nibbi reali liberati nel Parco Nazionale dell’Aspromonte per ora si sono suddivisi equamente: ad oggi, quattro di essi sono rimasti in Calabria meridionale, mentre quattro si sono trasferiti nella parte centro settentrionale della Sicilia. I quattro individui approdati in Sicilia si sono aggregati ad altri conspecifici con i quali condividono i dormitori (roost), secondo un’abitudine tipica della specie.

Il progetto LIFE MILVUS - Misure per la conservazione del nibbio reale in Calabria (Italia) e in Corsica (Francia) (LIFE18 NAT/IT/000917) ha come obiettivi principali l’insediamento di una popolazione di nibbio reale nel Parco Nazionale dell'Aspromonte  e la conservazione a lungo termine della specie in Corsica. Partito ad ottobre 2019, il progetto, coordinato dall’Ente Parco Nazionale dell’Aspromonte, si concluderà nel 2025.

Ulteriori notizie su LIFE MILVUS e sui promettenti progressi dei giovani nibbi reali possono essere reperite sul sito web e nella prima Newsletter di progetto; quest’ultima illustra, in particolare, le principali attività svolte dall’avvio di LIFE MILVUS sino a settembre 2023.

 


Progetto LIFE AForClimate - Evento finale. Campobasso, 19 dicembre 2023

"Progetto LIFE AForClimate"

Martedì 19 dicembre 2023 a Campobasso, presso l’Università degli Studi del Molise (III Edificio Polifunzionale - Via Francesco De Sanctis, Aula Mendel - ex P-bis) si terrà il convegno conclusivo del progetto LIFE AForClimate - “Adattamento della gestione forestale alla variabilità climatica: un approccio ecologico” (LIFE15 CCA/IT/000089).

Il progetto, coordinato da CREA - Consiglio per la ricerca in agricoltura e l'analisi dell'economia agraria, è stato avviato nel 2016 e ha visto la collaborazione di numerosi partners, con l’intento di fornire soluzioni concrete per realizzare una selvicoltura e una pianificazione forestale efficaci nell’adattamento ai cambiamenti climatici; esso ha avuto come obiettivo l’adattare la gestione delle foreste di faggio (Fagus sylvatica) alla variabilità del clima tramite una selvicoltura efficiente, programmata sulla base dei cicli climatici.

Durante l’evento finale di LIFE AForClimate sarà affrontato il tema dell’adattamento delle foreste, in particolare delle faggete, alla crisi climatica.

Saranno inoltre presentati i principali risultati del progetto, e in particolare: i risultati delle ricerche e delle attività di monitoraggio realizzate, gli strumenti previsionali creati per dare un supporto ai gestori forestali delle tre aree dimostrative (Mugello - Toscana, Molise - Monti del Matese e Sicilia - Monti Nebrodi) e le Linee guida realizzate attraverso il “Tavolo tecnico nazionale” promosso dal progetto.

Il convegno proporrà, inoltre, un momento di scambio con altri progetti LIFE dedicati a foreste e cambiamento climatico e una tavola rotonda sul tema della pianificazione forestale.

Sarà possibile partecipare al convegno anche online in modalità webinar attraverso la piattaforma ZOOM: per iscriversi utilizzare questo link;

Qui il programma dell’evento

 


"Il contributo del Programma LIFE all’azione per il clima: l’esperienza dei progetti italiani" – Side event presso il Padiglione Italiano alla COP28 UAE (e in live streaming). Dubai, 9 dicembre 2023.

Fonte immagine: MASEIn occasione della 28° Conferenza delle Parti della Convenzione delle Nazioni Unite sui Cambiamenti Climatici (COP28 UAE), in programma a Dubai (Emirati Arabi Uniti) dal 30 novembre al 12 dicembre 2023, il LIFE National Contact Point dell’Italia – operante nell’ambito del Ministero dell’Ambiente e della Sicurezza Energetica (DG “Attività europea ed internazionale”) – organizza un side event dal titolo “Il contributo del Programma LIFE all’azione per il clima: l’esperienza dei progetti italiani”.

L’evento si svolgerà (in lingua inglese) il giorno 9 dicembre 2023, dalle 17.30 alle 19.00 (ora locale), all’interno del Padiglione italiano allestito presso la sede della COP28 UAE, e sarà fruibile in live streaming sul canale YouTube del Ministero dell’Ambiente e della Sicurezza Energetica.

Il side event LIFE sarà aperto dall’Inviato Speciale dell’Italia per il Cambiamento Climatico e includerà un intervento da parte di un referente della Commissione europea (DG CLIMA).

Scopo dell’iniziativa è presentare le opportunità offerte dal Programma LIFE, strumento di finanziamento europeo per l’ambiente e l’azione per il clima,  in termini di sostegno alla realizzazione di progetti virtuosi ricompresi nei 3 settori prioritari di intervento del Sottoprogramma LIFE “Climate Change Mitigation and Adaptation: “Mitigazione dei cambiamenti climatici”, “Adattamento ai cambiamenti climatici” e “Governance e informazione in materia di cambiamenti climatici”. 

Per tali settori prioritari di intervento verranno illustrate, in particolare, le soluzioni innovative e le best practices che alcune organizzazioni italiane hanno sviluppato/adottato, tramite le “testimonianze” dei referenti di 3 progetti LIFE considerati di “elevato valore aggiunto” in relazione alle ambiziose politiche climatiche dell’UE: 

  • LIFE agriCOlture - “La zootecnia per contrastare gli effetti del cambiamento climatico dovuto al degrado del suolo nell’Appennino emiliano” (LIFE18 CCM/IT/001093);
  • LIFE METRO ADAPT  - “METRO ADAPT: aumentare e migliorare le strategie e le misure dell’adattamento al cambiamento climatico nella Città Metropolitana di Milano” (LIFE17 CCA/IT/000080);
  • LIFE COASE - “Osservatorio collaborativo per la valutazione del Sistema di scambio di quote di emissione nell’UE” (LIFE21/GIC/IT/101074420).

Progetti italiani sul clima di valore, questi, i cui risultati si spera possano essere replicati e trasferiti in altri territori e contesti mondiali, anche grazie alla “cassa di risonanza” che la loro presenza alla COP28 UAE sarà in grado di assicurare.

Consulta la locandina e l’agenda del side event LIFE a Dubai!

 


Progetto LIFE 4 Pollinators – Incontro online sulla Dichiarazione di intenti per i Comuni italiani che vogliono diventare “Amici degli impollinatori”. 5 dicembre 2023

LIFE 4 PollinatorsMartedì 5 dicembre 2023 il progetto LIFE 4 Pollinators - “Involving people to protect wild bees and other pollinators in the Mediterranean” (LIFE18 GIE/IT/000755) presenterà, in un incontro online su piattaforma Teams, la propria Dichiarazione di intenti per i Comuni italiani che vogliono diventare “Amici degli impollinatori”.

La finalità del webinar è di far conoscere a tutti i Comuni italiani l’iniziativa portata avanti dal progetto: sottoscrivendo la Dichiarazione di intenti, le città possono aumentare la disponibilità di habitat per gli impollinatori selvatici e diventare importanti corridoi ecologici. All’incontro da remoto parteciperanno i referenti di alcuni Comuni dell’area metropolitana di Bologna che hanno già formalmente sottoscritto la Dichiarazione di intenti (San Lazzaro di Savena, Casalecchio di Reno e Monterenzio), portando la propria testimonianza.

LIFE 4 Pollinators, coordinato da Alma Mater Studiorum - Università di Bologna e attuato in 4 Stati membri nell’area del Mediterraneo (Italia, Grecia, Spagna e Slovenia), ha come obiettivo principale il coinvolgimento di portatori di interesse chiave e dei cittadini nella protezione degli impollinatori selvatici, in contesti naturali, agricoli e urbani.  

Oltre alla Dichiarazione di intenti,  nell’ambito di LIFE 4 Pollinators sono stati prodotti diversi materiali (tra i quali, guide per il riconoscimento di insetti e piante, liste di piante entomofile, manuali, etc.) scaricabili nella sezione “Materiali e manuali” del sito internet del progetto, e in particolare un Manuale per la gestione delle aree verdi urbane compatibile con la conservazione degli impollinatori selvatici.

Per maggiori informazioni sull’evento e per accedere alla riunione tramite link Teams o codice QR, vi invitiamo a consultare l’agenda del webinar.

 


LIFE Calls for proposals 2023: 653 proposte di nuovi progetti SAP E CSA CET per un costo totale di 3 miliardi di euro.

Banner LIFE Calls for proposals 2023I bandi 2023 del Programma LIFE per i Progetti di Azione Standard (SAP) di cui ai sottoprogrammi “Natura e biodiversità” (NAT), “Economia circolare e qualità della vita” (ENV) e “Mitigazione e adattamento ai cambiamenti climatici” (CLIMA), nonché per i progetti specifici (Azioni di Coordinamento e Sostegno - CSA) del sottoprogramma  “Transizione all’energia pulita” si sono chiusi, rispettivamente, il 6 settembre (SAP NAT ed ENV), il 21 settembre (SAP CLIMA) e il 16 novembre u.s. (CSA SET), portando alla presentazione di 653 proposte da parte di candidati provenienti da quasi tutti gli Stati membri dell’UE e i Paesi terzi associati a LIFE.

Le proposte riguardano progetti LIFE che hanno un costo totale di circa 3 miliardi di euro, così suddiviso:

  • 655 milioni di euro per progetti SAP NAT (118 proposte);
  • 800 milioni di euro per progetti SAP ENV (160 proposte);
  • 1 miliardo di euro per progetti SAP CLIMA (139 proposte);
  • 487 milioni di euro per CSA CET intese al rafforzamento delle capacità, alla divulgazione di informazioni e conoscenze e alla sensibilizzazione per sostenere la transizione all’energia pulita (236 proposte).

Questi potenziali progetti LIFE hanno richiesto poco meno di 1,6 miliardi di euro di cofinanziamento all’UE.

Le proposte progettuali LIFE SAP e CSA CET 2023 si propongono di:

  • proteggere la natura europea arrestando e invertendo il declino della biodiversità;
  • rafforzare l’economia circolare attraverso nuove tecnologie e soluzioni;
  • proteggere, ripristinare e migliorare l’ambiente e, di conseguenza, la qualità della vita delle persone;
  • ridurre le emissioni di gas a effetto serra, aumentare la resilienza ai cambiamenti climatici e rafforzare la consapevolezza dei cittadini sul tema della mitigazione dei cambiamenti climatici;
  • accelerare la transizione all’energia pulita attraverso una maggiore diffusione di soluzioni per l’efficienza energetica e le energie rinnovabili.

I progetti SAP e CSA CET che verranno selezionati per il cofinanziamento del Programma LIFE per l’annualità 2023 potranno aiutare l’Europa a diventare un Continente neutrale dal punto di vista climatico entro il 2050. Sosterranno inoltre la Strategia UE sulla biodiversità per il 2030 e il Piano d’Azione dell’UE per l’economia circolare, contribuendo al contempo alla Transizione all’energia pulita.

Cosa succede ora?

Ogni proposta progettuale SAP e CSA CET dei bandi LIFE 2023 sarà sottoposta a una valutazione indipendente. La Commissione europea informerà i candidati dei risultati della valutazione nella primavera del 2024. Le Convenzioni di sovvenzione LIFE saranno firmate nell’estate del 2024 e i nuovi progetti sostenuti dal Programma europeo per l’Ambiente e l’Azione per il Clima inizieranno più avanti nel corso della medesima stagione.

 


I “numeri” dei progetti LIFE SAP e CSA CET vincitori delle Calls for proposals del 2022.

La Commissione europea ha pubblicato alcune cifre sui progetti LIFE vincitori delle Calls for proposals del 2022: sono 171 i nuovi progetti selezionati in quasi tutti i Paesi dell’UE e nei Paesi terzi associati a LIFE, per un investimento totale di € 722 milioni, di cui € 396 sono rappresentati dal co-finanziamento europeo. Si tratta di un investimento che supera del 28,5% quello dell’annualità precedente.

I progetti vincitori delle Calls del 2022 cui si fa riferimento sono di due tipologie:

- Standard Action Projects (SAP), i “tradizionali” progetti LIFE, per i sottoprogrammi  LIFE “Natura e biodiversità” (NAT), “Economia circolare e qualità della vita” (ENV) e “Mitigazione e adattamento ai cambiamenti climatici” (CLIMA);

- Coordination and Support Actions (CSA), per il sottoprogramma LIFE “Transizione all’energia pulita” (CET).

 

I “numeri” dei progetti SAP 2022:

- 29 progetti SAP NAT con un budget totale di circa € 211 milioni, di cui quasi € 140 milioni di  contributo unionale;

- 41 progetti SAP ENV che mobiliteranno oltre € 298 milioni, di cui oltre € 94 milioni messi a disposizione dall’UE;

- 34 progetti  SAP CLIMA per un valore di circa € 110 milioni, di cui l’UE fornirà circa € 65 milioni;

I “numeri” dei progetti CSA CET 2022:

- 67 progetti con un bilancio totale di oltre € 102 milioni, di cui circa € 97 milioni rappresentati dal co-finanziamento europeo.

Per quanto riguarda l’Italia, complessivamente i progetti  SAP e CSA CET selezionati in relazione alle Calls 2022 sono 30, per un investimento totale pari a € 78.462.034, di cui il co-finanziamento UE è di € 52.998.157.

Di seguito il prospetto  con i “numeri” dei progetti SAP e CSA CET dell’ITALIA per il 2022:
 

 

Progetti selezionati (n.)

Investimento totale (€)

Co-finanziamento UE (€)

SAP NAT

4

12.773.265

8.040.031

SAP ENV

12

40.558.732

24.335.239

SAP CLIMA

3

9.284.176

5.570.505

CSA CET

11

15.845.861

15.052.382

 

A questo link è possibile consultare, infine, la lista di tutti i progetti SAP e CSA CET vincitori dei bandi LIFE 2022, suddivisi per Paese, con una breve descrizione dedicata ad ognuno di essi (conosci i progetti italiani!).

 

 


Progetto LIFE GoProForMED – Workshop “Conservazione e gestione degli habitat forestali mediterranei”. Monte Pisanu (SS) e online, 4 dicembre 2023.

Progetto LIFE GoProFprMEDNella regione mediterranea, gli habitat forestali sono minacciati dai cambiamenti climatici e da pratiche di gestione non sostenibili, portando a uno stato di conservazione inadeguato. Il riconoscimento e la classificazione di questi habitat mancano di un sistema comune, che ostacola una chiara valutazione dello stato di conservazione. C’è bisogno di una maggiore conoscenza delle caratteristiche distintive e degli indicatori di questi habitat. Mancano anche strategie transnazionali per la conservazione delle foreste mediterranee. Allo stesso tempo, l’importanza della gestione forestale è cresciuta a livello europeo, guidata dalla Strategia dell’UE per la biodiversità entro il 2030 nell’ambito del Green Deal europeo. Questa Strategia sottolinea la gestione forestale sostenibile come soluzione basata sulla natura contro i cambiamenti climatici, chiedendo lo sviluppo di pratiche forestali favorevoli alla biodiversità e Linee guida per la gestione delle foreste più prossime alla natura. Queste Linee guida mirano a promuovere la gestione forestale favorevole alla biodiversità e adattabile all’interno di un quadro comune. Sebbene la gestione forestale prossima alla natura sia comune in Europa centrale, la sua adozione è limitata nell’Europa meridionale, esistendo principalmente come esperienze locali.

In questo contesto è stato avviato il progetto LIFE GoProForMED  (LIFE21 NAT/IT/101074738), coordinato da  D.R.E.AM. Italia, con l’obiettivo di migliorare lo stato di conservazione di quattro habitat forestali target nella regione mediterranea. Ciò comporta l’applicazione di modelli Closer-to-Nature in quattro paesi mediterranei rappresentativi. Gli obiettivi specifici del progetto includono l’istituzione di una strategia di conservazione transnazionale, l’attuazione di pratiche dimostrative di conservazione, la promozione di modelli di gestione forestale adeguati e la diffusione della conoscenza sulla Rete Natura 2000 e sulla gestione forestale più vicina alla natura a vari portatori di interesse.

A circa un anno dall’inizio delle attività del progetto, LIFE GoProForMED organizza un Workshop per presentare i suoi primi risultati, con specifico riferimento alla pianificazione e alla caratterizzazione degli elementi della rete ecologica per la conservazione degli habitat forestali e della loro biodiversità. In questa fase iniziale, sono stati definiti protocolli e interventi di gestione per la creazione e l’attuazione di una rete ecologica in oltre 4.000 ettari di habitat forestali nella regione mediterranea. Il Workshop dal titolo “Conservazione e gestione degli habitat forestali mediterranei” presenterà, in particolare, i primi risultati del monitoraggio della biodiversità forestale e i risultati dell'applicazione iniziale dei protocolli nella foresta di Montes (Sardegna). Infine, due tavole rotonde coinvolgeranno tutti i partecipanti (sia in presenza che online) sulle pressioni specifiche sugli ecosistemi forestali, tipiche dell'area mediterranea: incendi boschivi e pascolo. Questi due aspetti, combinati con i modelli di gestione forestale promossi dal progetto, costituiscono le principali sfide per garantire la conservazione della biodiversità nelle foreste mediterranee.

Quando: Lunedì, 4 dicembre 2023.

Dove: Monte Pisanu (SS) – Centro Servizi Forestas, Loc. Conzas Foresta di Burgos.

Come: In presenza e online. L’evento sarà in inglese e italiano, grazie a un servizio di traduzione.

PROGRAMMA: Disponibile qui.

REGISTRAZIONE: Compila l’apposito form.

 


Evento LIFE GRIN – Replication Workshop on “Promoting urban integration of GReen INfrastructure to improve climate governance in cities: comparing experiences”. Perugia, 1° dicembre 2023.

Logo LIFE GrIn

In data 1° dicembre 2023, presso il Barton Park di Perugia (Viale Giuseppe Meazza, 21), si terrà il Replication Workshop del progetto LIFE Grln (LIFE17 GIC/GR/000029) dal titoloPromoting urban integration of GReen Infrastructure to improve climate governance in cities: comparing experiences, avente la finalità di riunire progetti e iniziative per fare rete e condividere preziose intuizioni, linee guida ed esperienze con i principali stakeholder del settore delle infrastrutture verdi urbane, tra cui comuni, urbanisti e pianificatori del verde

L’obiettivo di LIFE GrIn è quello di incorporare la governance climatica nella gestione delle infrastrutture verdi a livello locale attraverso la creazione di un quadro politico integrato incentrato sulle aree verdi urbane. Il beneficiario coordinatore del progetto  è l’Institute of Mediterranean Forest Ecosystems and Forest Products Technology (ΗΑΟ IMFE), uno dei più antichi istituti di ricerca della Grecia. I beneficiari associati sono HOMEOTECH Co. – una società privata che è responsabile della progettazione, creazione e gestione della piattaforma per l’Inventario delle infrastrutture verdi e della gestione del database corrispondente, e che partecipa anche allo sviluppo delle linee guida per i piani di gestione strategica delle aree verdi urbane – il Ministero dell’Ambiente e dell’Energia e l’Unione Centrale dei Comuni della Grecia, con un ruolo istituzionale e di comunicazione significativo, e infine i Comuni pilota di Amaroussion e Heraklion.

Durante il Replication Workshop di Perugia, i partecipanti avranno l’opportunità di conoscere i risultati del progetto LIFE GrIn con l’obiettivo di essere da esempio per ispirare e consentire la replica di modelli di successo in Grecia e in tutta l’Unione europea.

L’evento vedrà la partecipazione di autorità locali, esperti ambientali e accademici in settori correlati, pianificatori urbani e del verde e altri progetti con cui LIFE GrIn è entrato in contatto, che condivideranno le loro conoscenze ed esperienze di successo. Inoltre, sarà un’opportunità per promuovere la cooperazione tra le diverse istituzioni e creare una rete per lo scambio di conoscenze a livello europeo.

Locandina e Agenda del Replication Workshop di LIFE GrIn.

Per partecipare all’evento  (anche in modalità online) è necessario compilare l’apposito form di iscrizione entro il 24 novembre 2023.

Per maggiori informazioni (Noesis srl): info@noesisonline.eu; +39 328 1718939.

 


Primo Convegno nazionale di Citizen Science Italia (CSI). Pisa, 24-26 novembre 2023.

Banner primo incontro nazionale di Citizen Science Italia (CSI)

Dal 24 al 26 novembre 2023 si terrà a Pisa (presso gli Arsenali Repubblicani, Via Bonanno Pisano n. 2) il primo incontro nazionale di Citizen Science Italia (CSI), dal titolo “I primi passi del Network Nazionale: un evento che contribuisce all’obiettivo di promuovere la conoscenza, l’innovazione e la sostenibilità attraverso la partecipazione attiva dei cittadini nel mondo della ricerca scientifica.

Negli ultimi anni, il movimento della Citizen Science, o scienza partecipativa, ha registrato una crescita esplosiva in tutto il mondo, con numerosi progetti, iniziative e reti che coinvolgono direttamente i cittadini nella ricerca scientifica. In Europa, diversi paesi hanno creato reti nazionali per coordinare tali progetti e facilitare la collaborazione tra la società e il mondo scientifico.

Un momento cruciale è arrivato il 17 febbraio 2023, con la fondazione di Citizen Science Italia (CSI), un’associazione con sede presso il Museo di Storia Naturale della Maremma (Grosseto) e con una visione chiara: valorizzare e responsabilizzare tutte le persone come attori nella promozione della conoscenza e dell’innovazione, contribuendo così allo sviluppo sostenibile. L’obiettivo finale è ottenere il riconoscimento, la promozione e il finanziamento della Citizen Science, aumentando l’alfabetizzazione scientifica e democratizzando la scienza per aumentare la rilevanza sociale e l’impatto sostenibile della ricerca.

Il primo Convegno nazionale di Citizen Science Italia (CSI) si svolgerà all’interno dell’iniziativa Citizen Science Pisa 2023 (CSP23), un progetto dedicato alla cittadinanza attiva nella ricerca scientifica, promosso dall’Università degli Studi di Pisa.

Le tre giornate del Convegno offriranno una vasta gamma di iniziative rivolte sia agli specialisti del settore che al pubblico generico.

A conclusione della prima giornata di lavori, dalle 17.30 alle 18.30, si svolgerà il Workshop “Progetti LIFE e Citizen Science, uno spazio tutto dedicato ai progetti LIFE e al loro contributo alla Citizen Science, coordinato da Stefano Martellos (LIFE MIPP e CSMON-LIFE - UNITS) e con la partecipazione di Federico Benvenuti e Carmen Gangale (LIFE NCP Team - MASE), Alessandro Campanaro (LIFE MIPP e ESC360 - CREA) e Roberto Crosti (LIFE CONCEPTU MARIS - ISPRA).

Ulteriori informazioni e il programma completo dell’evento sono reperibili qui.

 


Evento: “Workshop sulla bioeconomia”. Roma, 23 novembre 2023

Logo progetto LIFE EBPIl Consorzio del Progetto LIFE EBP (LIFE19 ENV/IT/000004), coordinato da Hysytech S.r.l., sta organizzando per il prossimo 23 novembre a Pinerolo (TO) l’evento dal titolo “Workshop sulla bioeconomia”.

L'evento, primo workshop previsto da LIFE EBP, ha l'obiettivo il presentare il progetto e la tecnologia sviluppata e di rafforzare la rete di stakeholder ad esso interessati.

Durante l’evento ci sarà anche la possibilità di visitare il prototipo installato presso il Polo ecologico di Acea Pinerolese (TO).

LIFE EBP è un progetto pilota ambientale che mira a dimostrare i benefici ambientali, economici e sociali dei bioprodotti solubili (BPs) e dei residui insolubili (IR) nei settori della gestione dei rifiuti organici urbani, dell'agricoltura e dell'industria chimica in cinque paesi europei (Italia, Cipro, Grecia, Francia e Spagna) presi come casi di studio.

Oltre a questi risultati, LIFE EBP mira a incoraggiare le joint venture tra i soggetti interessati nei settori della gestione dei rifiuti, dell'agricoltura e dell'industria chimica e a promuovere l'industrializzazione della produzione e dell'utilizzo dei BP/IR in tutti i Paesi dell'UE.

Qui è possibile visualizzare la locandina e l’agenda dell’evento.

 


Evento: “Reti nazionali ed europee dei NFPs/NCPs: sfida per la creazione di sinergie sul tema salute tra Programmi europei”. Roma,21-22 novembre 2023

Il Programma Mattone Internazionale Salute - ProMIS, nell’ambito della Joint Action on Increasing Capacity building of National Focal Points - JANFP4Health, coordinata dal Ministero della salute italiano, sta organizzando per i prossimi 21 e 22 novembre a Roma l’evento dal titolo “Reti nazionali ed europee dei NFPs/NCPs: sfida per la creazione di sinergie sul tema salute tra Programmi europei”.

L'evento ha l'obiettivo di promuovere e diffondere le attività progettuali che contribuiscono all'implementazione del Programma EU4Health. Contestualmente, l'evento rappresenta un'occasione per rafforzare le reti europee dei National Focal Points (NFPs)/National Contact Points (NCPs) degli altri programmi inerenti alla tematica della salute, evidenziando il ruolo tecnico degli "ambassadors" dei programmi europei al fine di sviluppare azioni sinergiche e complementari. Inviamo in allegato l’agenda in bozza dei lavori.

Le attività sono destinate ai NFPs/NCPs dei Programmi Europei, ai Membri del Comitato Tecnico Operativo del ProMIS e ai vari Stakeholders rilevanti a livello nazionale.

La sessione del 21 novembre (14.00 – 19.00), che si terrà presso lo Spazio Europa in Via IV Novembre – Roma, ha l’obiettivo di fornire ai partecipanti una panoramica delle sinergie tra Programmi, del ruolo tecnico dei NFP/NCP, delle opportunità e delle sfide future. L’attività si focalizzerà sull’approccio integrato delle politiche della Commissione Europea, evidenziando le strategie messe in atto dai vari Programmi nell’ottica di sviluppare azioni di sinergie.

La giornata del 22 novembre (8.30 – 13.30), che si terrà presso il Ministero della Salute – Sede del Ministro, Lungotevere Ripa 1 – Roma, sarà articolata in 2 differenti Workshop interattivi finalizzati allo scambio di buone pratiche, alla condivisione di strumenti concreti e tecnici dei NFP/NCP al fine di stimolare confronto e azioni di complementarietà.

Sarà possibile partecipare onsite oppure seguire l’evento online, previa registrazione QUI entro il 15 novembre p.v.

Per chi parteciperà in presenza è previsto un networking cocktail per la sera del 21 novembre e un light lunch per il 22 novembre.

DOCUMENTI CORRELATI

Draft Agenda

 


Evento online “Trova il tuo programma di finanziamento europeo per l’ambiente, Italia – Opportunità di finanziamento per la sostenibilità, il clima e l'energia pulita”. 14 novembre 2023.

Banner Evento online 14 novembre 2023Il 14 novembre 2023, dalle 10.00 alle 12.00, si terrà una Conferenza online organizzata dalla DG Ambiente della Commissione europea in collaborazione con il Ministero dell’Ambiente e della Sicurezza Energetica, Ricardo, Trinomics e OIR dal titolo “Trova il tuo programma di finanziamento europeo per l’ambiente, Italia – Opportunità di finanziamento per la sostenibilità, il clima e l'energia pulita”.

L’incontro, in lingua italiana, ha l’obiettivo di indirizzare i portatori di interesse verso i Programmi di finanziamento di progetti ambientali attivati dall’Unione europea, concentrandosi in particolare su LIFE e su Innovation Fund ed evidenziando sia le caratteristiche principali dei diversi strumenti, sia le possibili sinergie che si possono creare nel loro ambito.

Qui l’agenda della Conferenza online.

Per le informazioni di dettaglio e le modalità di registrazione si rimanda alla pagina web dedicata all’evento presente sul Portale della DG Ambiente della Commissione europea.

 


Progetto GreenchainSAW4Life – Convegno “Foreste e servizi ecosistemici: dalla teoria alla pratica”. Saluzzo (CN), 6 ottobre 2023.

Logo progetto GreenchainSAW4Life

Nella mattinata di venerdì 6 Ottobre, presso la Sala degli specchi de "il Quartiere" a Saluzzo (CN), si è tenuto il convegno "Foreste e servizi ecosistemici: dalla teoria alla pratica", organizzato dal progetto GreenchainSAW4Life - Comunità energetica a basse emissioni e filiere forestali "prova di clima" come motori per un piano d’azione per la montagna contro il cambiamento climatico (LIFE18 CCM/IT/001193).

L’evento si è incentrato sul tema della valorizzazione dei servizi ecosistemici in ambito forestale, spaziando dall’inquadramento economico e normativo (a livello regionale, nazionale ed europeo) a esempi concreti di interventi selvicolturali orientati ai servizi ecosistemici. L’incontro è stato un’occasione, per realtà e progetti diversi, per  confrontarsi su buone pratiche di gestione e sui futuri sviluppi in questo ambito.

In occasione del convegno è stato possibile visitare la mostra "Nel Bosco", anch’essa curata dal progetto GreenChainSAW4Life nell’ambito delle sue azioni di comunicazione e coinvolgimento comunitario.

Le slides relative ai numerosi interventi del convegno sono consultabili qui.

Per ulteriori approfondimenti sui progetti e sulle iniziative presentate nel corso dell’evento si rimanda ai rispettivi siti:

Progetto LIFE Climate Positive
Rassegna di comunicazione ambientale e coinvolgimento territoriale "Nel Bosco"
Progetto Robin Wood

Contatti per GreenchainSAW4Life: info@walden.srl

Fonte immagine: MASE - DG AEI

 


Stati Generali Natura 2000-LIFE IP GESTIRE 2020  e Workshop internazionale. Milano, 10 e 11 ottobre 2023

Gli Stati Generali di Natura 2000 in Lombardia, il tradizionale appuntamento annuale di confronto tra partner e stakeholder, assumono quest’anno un carattere particolare, di bilancio. Verranno difatti presentate le principali azioni implementate, gli interventi realizzati e gli obiettivi raggiunti, durante 8 anni di lavoro (2016 -2023) del progetto LIFE IP GESTIRE 2020 - Nature Integrated Management to 2020 (LIFE15 IPE/IT/000018), le cui attività hanno accompagnato la Regione Lombardia nell’attuazione del Prioritized Action Framework (PAF) 2014-2020. Sarà annunciato, inoltre, l’avvio per il prossimo anno di LIFE NatConnect2030 - Natural connections for Natura2000 in Northern Italy to 2030 (LIFE22-IPN-IT-LIFE NatConnect2030), un nuovo progetto per la natura e la biodiversità che impegnerà la Regione Lombardia e le Regioni confinanti per i prossimi 9 anni.

Gli Stati Generali saranno abbinati a un Workshop internazionale nell’ambito della Strategia macroregionale EUSALP, sul tema della biodiversità e della protezione della natura, organizzato in collaborazione con l’Alpine Biodiversity Board (ABB) della Convenzione delle Alpi e gli Actions Group n. 6 (Risorse ambientali e culturali) e n.7 (Connettività e infrastruttura verde).

I lavori si svolgeranno nei giorni 10 e 11 ottobre 2023 a Milano, negli spazi del Palazzo Pirelli, e saranno trasmessi anche in diretta streaming. Sarà garantita la traduzione simultanea italiano/inglese e viceversa.

Scarica qui la locandina dell’evento. Tutti gli aggiornamenti e il programma dettagliato saranno pubblicati a questo link.

Per iscriversi è necessario utilizzare questa pagina di Eventbrite.

Gli Stati Generali e il Workshop internazionale fanno parte dei side event ufficiali dell’European Business and Nature Summit 2023, che si terrà a Milano tra l’11 e il 12 ottobre.

 


Progetto LIFE GreenChangeSAW4LIFE - Evento conclusivo, 6 ottobre 2023.

Venerdì 6 ottobre 2023, in occasione dell’evento finale del progetto LIFE GreenChangeSAW4LIFE (Comunità energetica a basse emissioni e filiere forestali “a prova di clima” come motori per un piano d’azione per la montagna contro il cambiamento climatico - LIFE18 CCM/IT/001193), si terrà in mattinata a Saluzzo (CN), presso “Il Quartiere” (p.zza Montebello, 1), il convegno dal titolo “Foreste e servizi ecosistemici: dalla teoria alla pratica”, cui seguirà nel pomeriggio una visita di campo all’intervento sperimentale di Pagno (CN).

Il tema della valorizzazione dei servizi ecosistemici e del carbonio in ambito forestale sta attraendo sempre maggiore interesse, sia da parte di gestori e proprietari boschivi che dai soggetti interessati all’acquisto di compensazioni emissive. Ma come funzionano i mercati dei servizi ecosistemici? E soprattutto, quali iniziative e approcci gestionali sono davvero in grado di generare un impatto positivo sulla natura e sul clima? Tramite l’intervento di esperti del settore – Consiglio per la ricerca in agricoltura e l’analisi dell’economia agraria (CREA), Regione Piemonte, Istituto per le Piante da Legno e l’Ambiente (IPLA), Università degli Studi di Padova, Etifor s.r.l. e Walden s.r.l. – durante il convegno del 6 ottobre p.v. verrà illustrato lo stato dell’arte dei mercati del carbonio in Italia e Piemonte, e saranno presentate buone pratiche e risultati conseguiti a livello locale e nazionale.

Qui il programma completo dell’evento conclusivo di GreenChainSAW4Life, che fa parte della rassegna autunnale “Nel Bosco”.

La partecipazione all'evento è gratuita, previa iscrizione obbligatoria al seguente form.

 


Progetto LIFE Orchids – Evento Finale. Torino, 29 settembre 2023.

La conferenza finale del progetto LIFEorchids - Migliorare lo stato di conservazione di piccole popolazioni a rischio di orchidee spontanee in habitat selezionati nell’Italia nord-occidentale (LIFE 17 NAT/IT/000596) si terrà a partire dalle ore 9.00 di venerdì 29 settembre, presso l’Aula Magna dell’Università degli Studi di Torino (viale Mattioli 25, Torino). Sarà una giornata dedicata a illustrare i risultati del progetto, con momenti partecipati per approfondire l’affascinante mondo delle orchidee spontanee, ma anche per comprenderne l’importanza, il valore e la vulnerabilità.

Il progetto LIFEorchids, cofinanziato dall’Unione europea attraverso il Programma LIFE 2014-2020, ha avuto come obiettivo quello di contrastare l’attuale declino di orchidee spontanee, tipiche di praterie che mantengono le loro caratteristiche di biodiversità solo se gestite dall’uomo, ad esempio attraverso lo sfalcio e il pascolo. Il progetto ha previsto interventi di ripristino delle praterie e la reintroduzione di orchidee in aree selezionate all’interno del Parco del Po vercellese-alessandrino (Piemonte) e del Parco di Portofino (Liguria), anche tramite il contributo delle esperienze realizzate in Repubblica Ceca.

Avviato nel 2018, LIFE Orchids è stato coordinato dall’Università degli Studi di Torino, e ha avuto come partner il Consiglio per la ricerca in agricoltura e l’analisi dell’economia agraria (CREA), l’Università degli Studi di Genova, l’Ente di gestione delle Aree protette del Po vercellese-alessandrino, l’Ente Parco di Portofino, Legambiente Lombardia Onlus e Czech Union for Nature Conservation (Repubblica Ceca).

Per scaricare l’agenda dell’evento clicca qui.

Link per l’iscrizione disponibile qui.

 


Progetto LIFE Blue Lakes – Conferenza finale, 26-27 settembre 2023.

LIFE Blue LakesAvrà inizio nella mattinata di martedì 26 settembre 2023, protraendosi fino al pomeriggio di mercoledì 27, la conferenza finale del progetto europeo LIFE Blue Lakes  (LIFE18 GIE/IT/000813), organizzata in collaborazione con l’European Living Lakes Association (ELLA).

Sono previste, difatti, una prima giornata di sessione congressuale – che si terrà a Roma il 26, presso  la prestigiosa cornice della Società Geografica Italiana  (via della Navicella 12) – e una seconda giornata  (il 27) dedicata ai soli membri di ELLA e comprensiva dell’Internal Members’ Assembly e di una field trip al Lago di Bracciano.

Reso possibile dal co-finanziamento dell’Unione europea attraverso il Programma LIFE 2014-2020, e con il contributo di PlasticsEurope (l’associazione europea dei produttori di materie plastiche), il progetto LIFE Blue Lakes ha affrontato il problema delle microplastiche nei laghi implementando una serie di azioni di governance, formazione, informazione e sensibilizzazione indirizzate a istituzioni, stakeholders e cittadinanza.

Le principali azioni di progetto sono state realizzate nei laghi di Garda, Bracciano e Trasimeno in Italia, e in quelli di Costanza e Chiemsee in Germania. Altre comunità lacustri italiane ed europee sono state coinvolte nelle attività di promozione e diffusione di buone pratiche.

LIFE Blue Lakes, avviato nel gennaio 2019, è stato coordinato da Legambiente e ha visto la collaborazione di partners italiani e tedeschi (Autorità di Bacino Distrettuale dell’Appenino Centrale, Arpa Umbria, ENEA, Università Politecnica delle Marche, Global Nature Fund e Fondazione Lago di Costanza).

La mattina della prima giornata della conferenza finale di LIFE Blue Lakes sarà dedicata alla presentazione dei risultati e degli impatti del progetto, prevedendo interventi da parte di tutti i beneficiari di LIFE Blue Lakes, e ospiterà, inoltre, una tavola rotonda per il dibattito sugli esiti del progetto anche con altri rilevanti attori nazionali e internazionali. La giornata proseguirà nel pomeriggio con l’evento costituzionale di ELLA, alla presenza di relatori provenienti da Italia, Spagna, Germania, Estonia e Ungheria.

Per consultare il programma della conferenza clicca qui

 


Progetto LIFE Egyptian vulture – Evento finale. Matera,19-21 settembre 2023.

Logo Life Egyptian VultureL’evento di chiusura del progetto LIFE Egyptian vulture -Misure di conservazione per il capovaccaio in Italia e nelle Isole Canarie” (LIFE16 NAT/IT/000659) si terrà a partire dalle ore 9.00 di martedì 19 settembre 2023 presso l’“Unahotels Hotel MH” di Matera, protraendosi fino a giovedì 21. Sono, infatti, previste due giornate di sessione congressuale (19-20) e una giornata di sopralluogo nelle aree di progetto presenti in territorio materano (21), dedicata a stakeholders particolarmente interessati e potenzialmente coinvolti in attività di diffusione e futuro perseguimento degli obiettivi di LIFE Egyptian vulture.

L’Italia e le Isole Canarie (Spagna), due luoghi molto lontani e molto diversi tra loro, ospitano un piccolo avvoltoio, il capovaccaio, la cui conservazione è gravemente minacciata da problematiche e da fattori di natura antropica comuni a entrambe le aree geografiche. Le due popolazioni, piccole ed isolate, sono state interessate nel XX secolo da un progressivo declino che ne ha ridotto in maniera drammatica il numero di coppie e l’areale di distribuzione.

LIFE Egyptian vulture, avviato a ottobre 2017 e appena conclusosi, è nato proprio per mettere in atto misure concrete che possano evitare l’estinzione del capovaccaio in Italia e consolidarne la ripresa segnata negli ultimi due decenni alle Isole Canarie.

Il progetto è stato coordinato da e-distribuzione, e ha visto la collaborazione di partners italiani e spagnoli (Endesa distribución, Ferderparchi-Europarc Italia, Gesplan, Gobierno de Canarias, ISPRA, Regione Basilicata, Regione Puglia), interessando, nello specifico, quattro regioni del Mezzogiorno d’Italia (Puglia, Basilicata, Calabria e Sicilia) e due isole dell’arcipelago dellaTopic LIFE-2022-CET-ENERPOV Canarie (Isole di Fuerteventura e Lanzarote).

Oltre che presentare le azioni e i risultati del progetto, grazie alla partecipazione di relatori provenienti da Italia, Spagna, Portogallo, Bulgaria, Israele, Gran Bretagna e Grecia, l’evento finale di LIFE Egyptian vulture consentirà, in sede congressuale, un approfondimento sulle seguenti tematiche: stato di conservazione del capovaccaio in Europa; problematiche legate alla riproduzione in cattività e ai programmi di rilascio; il ruolo delle stazioni di alimentazione supplementare; minacce alla conservazione della specie e loro mitigazione.

Per scaricare il programma dell’iniziativa clicca qui

Link per l’iscrizione disponibile qui

 


Programma LIFEInvito a presentare prove e pareri in merito all’implementazione del Programma LIFE

La Commissione ha pubblicato un invito a presentare prove (call for evidence) e pareri in merito all’implementazione del Programma LIFE.

Questa iniziativa, che rimarrà aperta dal 1° agosto al 15 Settembre 2023, rientra all’interno della valutazione di medio termine (mid-term evaluation) del Programma LIFE che la Commissione porterà a termine entro il primo trimestre del 2024. Tale valutazione coprirà il periodo 2021-2024 e avrà lo scopo di verificare se il Programma stia raggiungendo i suoi obiettivi e focus strategici.

L’obiettivo di lungo termine sarà quello di migliorare l’implementazione del Programma e ricevere ispirazione per future proposte inerenti al Programma LIFE.

Per questo motivo, il contributo di qualsiasi attore coinvolto nel Programma LIFE sarà preso in considerazione per sviluppare e perfezionare ulteriormente questa iniziativa. I commenti ricevuti saranno pubblicati sul sito della Commissione in questa pagina e dovranno pertanto essere conformi alle sue regole di feedback. Ad oggi è già possibile consultare i pareri ricevuti da più enti e istituzioni europee e indicare le proprie preferenze, chiedendo di ricevere una notifica per eventuali nuove iniziative o cambiamenti e novità legate a questa.

Per poter fornire il proprio parere è necessario registrarsi o effettuare il login utilizzando il proprio account di social media.

Maggiori informazioni sull'invito a presentare prove sono disponibili a questo link. Inoltre, è anche disponibile il documento di contesto della call for evidence che meglio descrive questa iniziativa.

 


È online il nuovo Dashboard pubblico dei progetti LIFE che promuove trasparenza e conoscenza

Una nuova Piattaforma online che fornisce dati su tutti i progetti LIFE dal 2014 mira a mostrare il loro impatto e aumentare la trasparenza.

Logo Dashboard pubblico LIFEIl Dashboard pubblico LIFE offre dati dettagliati su oltre 1.400 progetti LIFE, per un valore di oltre 3,5 miliardi di euro. Gli utenti possono cercare e scaricare informazioni sul finanziamento, la partecipazione, i beneficiari e lo stato attuale di tutti i progetti LIFE.

Il ha un impatto che trascende l’obbligo legale di trasparenza: gli utenti possono ottenere statistiche e visualizzazioni personalizzate in base alle loro esigenze.

I giornalisti, ad esempio, possono cercare dati e scrivere articoli sul numero di progetti e partecipanti in una specifica regione o paese, e il Dashboard LIFE è particolarmente utile per i Punti di Contatto Nazionali LIFE, che svolgono un ruolo chiave nell'aiutare la governance nazionale, regionale e locale, le imprese e le ONG a scoprire le opportunità del Programma LIFE.

I Punti di Contatto Nazionali LIFE, anche combinando dati con mappe e grafici, possono monitorare il progresso dei progetti nel loro paese grazie al nuovo Dashboard LIFE, che mostra chiaramente ciò che LIFE fa per l’ambiente e il clima in Europa.

Questo Dashboard viene aggiornato quotidianamente e dispone di sofisticati filtri di ricerca, tra cui quelli relativi a “Sottoprogrammi LIFE”, “paesi”, “città”, “partecipanti”, “habitat”, “specie” e “siti Natura 2000”. Una pagina dedicata, rinominata "Self-service", consente agli utenti di creare tabelle e grafici utilizzando dati da qualsiasi portfolio di progetti.

Oltre ai Punti di Contatto Nazionali, molti appassionati di LIFE utilizzano già il Dashboard  pubblico e le sue funzioni – come il foglio di lavoro “Self-service” – per creare grafici personalizzati utilizzando i dati che desiderano evidenziare. Tutti gli utenti contribuiranno a rendere lo strumento quanto più facile possibile da utilizzare, affinché la comunità LIFE possa trarre il massimo vantaggio dal Dashboard LIFE.

Responsabili delle politiche, ricercatori europei, beneficiari LIFE, cittadini curiosi e i futuri richiedenti finanziamenti LIFE hanno ora uno strumento aggiuntivo per comprendere i progetti per l’ambiente e l’azione per il clima dell’UE (nonché il loro impatto), che LIFE ha sostenuto per decenni.

Inoltre, l’Agenzia esecutiva europea per il clima, l’infrastruttura e l'ambiente (CINEA) ha recentemente pubblicato il proprio personale Dashboard pubblico. Questo consente agli utenti di scoprire in modo semplice e user-friendly le informazioni più aggiornate sui progetti finanziati dall’UE e attuati o gestiti da CINEA. Puoi scoprire il Dashboard pubblico di CINEA qui.

 


LIFE a casa LombardiaEvento “LIFE A CASA LOMBARDIA: L’esperienza lombarda con il Programma LIFE raccontata alle Regioni d’Italia” – Bruxelles (Belgio), 18 luglio 2023

La Regione Lombardia e il LIFE National Contact Point (NCP) Team italiano operante presso il Ministero dell’Ambiente e della Sicurezza Energetica (MASE), organizzano l’evento “LIFE A CASA LOMBARDIA: L’esperienza lombarda con il Programma LIFE raccontata alle Regioni d’Italia”, che si terrà il prossimo 18 luglio 2023 (dalle ore 9.00 alle ore 12.00) presso la Casa della Lombardia, all’interno della Delegazione di Regione Lombardia a Bruxelles (Place du Champ De Mars, 1/3). Sarà possibile partecipare all’evento anche da remoto tramite collegamento Webex.

L’obiettivo ultimo dell’iniziativa è quello di incentivare e promuovere la partecipazione di soggetti giuridici storicamente “meno coinvolti” ai bandi annuali del Programma europeo LIFE (e appartenenti, in particolare, alle Regioni del Sud Italia).

A tal fine, saranno diffuse informazioni in merito al Programma LIFE 2021-2027 e alle opportunità di finanziamento di interventi per l’ambiente e l’azione per il clima, e verranno illustrati alcuni “esempi virtuosi” dei numerosi progetti realizzati, o in corso di implementazione, nel territorio della Regione Lombardia: LIFE IP Gestire 2020 - “Gestione integrata della Natura sino al 2020” ; LIFE DOP - “Modello dimostrativo di economia circolare in un’industria casearia d’eccellenza”; LIFE C4R - “Refrigerazione sostenibile nel settore della vendita al dettaglio”; LIFE ConnectHeat - “Impegno della comunità per il calore pulito”.

Compito del LIFE NCP del MASE sarà raccontare le attività portate avanti quotidianamente per il supporto ai candidati e beneficiari italiani e lo stato di attuazione di LIFE nel nostro Paese a partire dal 1992 (anno di istituzione del Programma), nonché fornire una panoramica delle LIFE Calls for proposals 2023 pubblicate a partire dallo scorso 18 aprile.

I temi trattati durante l’evento riguarderanno tutti quelli inclusi nei diversi Sottoprogrammi LIFE 2021-2027 (“Natura e Biodiversità”, “Economia Circolare e Qualità della Vita”, “Mitigazione e Adattamento ai Cambiamenti Climatici” e “Transizione all’Energia Pulita”).

Parteciperanno all’evento rappresentanze italiane presenti a Bruxelles di: Regioni e Province Autonome, aziende e networks di imprese, varie Istituzioni e Università, Organizzazioni Non Governative (ONG) e mondo associativo/cooperativo.

Qui l’agenda dell’evento.

Per partecipare in presenza è richiesta conferma a: lombardia_ue@regione.lombardia.it

Collegamento Webex per partecipazione da remoto: https://regione-lombardia.webex.com/regione-lombardia-it/j.php?MTID=m45e05829153385fd48ab98eb9ba16012

 


Logo Life ClivutConferenza finale del progetto LIFE CLIVUT – Perugia, 29 giugno 2023

 La Conferenza finale del progetto LIFE CLIVUT - Climate Value of Urban Trees (LIFE18/GIC/IT/001217) si terrà il prossimo 29 giugno 2023 (dalle 9 alle 13) presso la Sala dei Notari del Palazzo dei Priori di Perugia (Piazza IV Novembre).

L’evento, organizzato in modalità ibrida a conclusione del progetto, intende riunire i rappresentanti di istituzioni europee, enti locali e partner internazionali per trasferire le strategie di progettazione e gestione del verde urbano come strumento di mitigazione e adattamento ai cambiamenti climatici.

Il progetto LIFE CLIVUT, coordinato dal Dipartimento di Ingegneria Civile e Ambientale dell’Università degli Studi di Perugia, ha avuto infatti l’obiettivo generale di sviluppare e implementare una “Strategia per il Verde Urbano e per il Clima”, per migliorare le condizioni di vita in ambito urbano da un punto di vista ambientale attraverso il monitoraggio e l’introduzione di appropriate specie arboree nelle  città mediterranee di medie dimensioni, basandosi sulla pianificazione e gestione condivisa del verde urbano e degli spazi naturali da parte di esperti del verde e cittadini.

Logo Life Clivut 2Il consorzio di progetto ha sperimentato questa “Strategia” nelle 4 città pilota di Perugia, Bologna, Salonicco (Grecia) e Cascais (Portogallo) attraverso un metodo di co-progettazione e co-implementazione che ha coinvolto cittadini, imprese e studenti dalle Scuole primarie all’Università.

Per effettuare la registrazione e confermare la propria partecipazione alla Conferenza finale del progetto LIFE CLIVUT (in persona o da remoto) è necessario compilare il form di prenotazione entro il 22 giugno 2023. In seguito alla registrazione, la segreteria organizzativa dell’evento invierà l’agenda finale e il link per il collegamento da remoto.

Per visualizzare la locandina e per ulteriori informazioni sulla Conferenza visita la pagina dedicata sul sito web di LIFE CLIVUT!

 


Logo Mettiamoci in rigaProgetto Mettiamoci in RIGA: Convegno finale Linea LQS “CONOSCERE PER REPLICARE - Adattamento di Buone Pratiche per l'ambiente e il clima" (Roma, 21 giugno, 2023)

 Si terrà a Roma il 21 giugno, dalle ore 9 alle 14, presso Villa Altieri – Palazzo della Cultura e della Memoria Storica (Viale Manzoni, 47), il Convegno finale della Linea LQS “Conoscere per replicare. Misure di adattamento di Buone Pratiche per l'ambiente e il clima: l'esperienza della LQS Piattaforma delle Conoscenze. L’iniziativa ha l’obiettivo di fare un bilancio delle attività introdotte dalla Linea LQS e di presentare il Tool Kit realizzato per le pubbliche amministrazioni, ossia strumenti e metodologie per l’adattamento e la replicazione di buone pratiche climatico-ambientali. Saranno inoltre illustrati casi concreti di adattamento di interventi di successo, che saranno presentati attraverso la testimonianza diretta degli attori coinvolti, referenti regionali e “cedenti” le buone pratiche.

La Linea di intervento LQS “Piattaforma delle Conoscenze - Capitalizzazione delle esperienze e disseminazione dei risultati per la replicabilità di buone pratiche per l’ambiente e il clima”, del Progetto Mettiamoci in RIGA del Ministero dell’Ambiente e della Sicurezza Energetica, co-finanziato dal PON Governance e Capacità Istituzionale 2014-2020, ha operato in questi anni a livello nazionale per supportare le Regioni e le Province autonome nel processo di adattamento e replicazione, nei rispettivi contesti territoriali, delle migliori pratiche nel campo della tutela dell’ambiente e dell’azione per il clima presenti sulla Piattaforma delle Conoscenze.

Il Convegno è rivolto a rappresentanti delle Autorità di Gestione e delle Autorità Ambientali, degli Uffici regionali e delle Amministrazioni centrali, di Enti Parco, Associazioni di categoria e Associazioni attive in campo ambientale.

Nella sessione introduttiva è previsto anche l’intervento del Punto di Contatto Nazionale LIFE che collabora attivamente con il Progetto Mettiamoci in Riga e la Piattaforma delle Conoscenze, in cui è significativo il contributo dei progetti LIFE italiani in termini di know-how e buone pratiche da valorizzare e replicare.

E i progetti LIFE saranno ancora protagonisti nella seconda sessione dell’evento in cui saranno presentati casi concreti che hanno partecipato ai percorsi sviluppati dalla Linea LQS: “Conoscere per replicare”.

Seguirà una terza sessione dedicata alle strategie e approcci futuri nella politica di coesione europea, mentre nel pomeriggio (dalle 14.00 alle 17.00) è previsto un Tavolo tecnico su “Le opportunità delle buone pratiche della Piattaforma delle Conoscenze per le amministrazioni titolari di interventi previsti nel PNRR”.

Eventuali richieste di adesione alle iniziative e di maggiori informazioni potranno essere comunicate al seguente indirizzo e-mail: LQS-Mettiamociinriga-FESR@mite.gov.it.

Per consultare il programma, in versione pdf, clicca qui.

 


"Banner Green Advisory Service for Sustainable Investments Support: GREEN ASSIST"Green Advisory Service for Sustainable Investments Support: GREEN ASSIST

Green Advisory Service for Sustainable Investments Support (GREEN ASSIST) è una nuova iniziativa di consulenza gratuita finanziata dal Programma LIFE 2021-2027 sotto l’ombrello di InvestEU e gestita da CINEA (Agenzia esecutiva europea per il clima, l'infrastruttura e l'ambiente gestisce i seguenti programmi dell'U). È diretta a promotori di progetto, istituzioni finanziarie e altri partner di progetto ed è volta a creare un “portafoglio” di progetti di investimenti ecosostenibili ad alto impatto rivolti a settori del capitale naturale e dell’economia circolare, ma anche a settori non ambientali.

Illustri esperti – selezionati da un pool creato ad hoc (il Roster of Experts) o ingaggiati da altri servizi di consulenza – risponderanno alle richieste selezionate fornendo le loro consulenze in maniera del tutto gratuita.

L’iniziativa, sostenuta dal Programma LIFE attraverso un finanziamento di € 30 milioni di euro, vuole supportare investitori pubblici e privati nell’avviare investimenti in progetti green. I servizi di consulenza saranno adattati ad hoc sulle esigenze di ciascun richiedente selezionato.

In particolare, Green Assist propone due tipi di servizi di consulenza:

  • Consulenza di progetto (esperti del “Roaster of Experts”): preparazione, sviluppo o attuazione di progetti (ad esempio, analisi costi-benefici, revisione del modello di business, valutazione delle esternalità, business plan (CAPEX - CAPital EXpenditure), OPEX - OPerating EXpenditure, validazione dei ricavi), strutturazione finanziaria, due diligence ambientale, valutazione della catena di approvvigionamento, supporto nelle forniture, ecc.); uso combinato di fondi;
  • Consulenza di abilitazione (società di consulenza): attività di capacity building e di sviluppo del mercato; rafforzamento della capacità di preparazione agli investimenti; attuazione del principio "Do No Significant Harm (DNSH)".

Per maggiori informazioni su come inviare una richiesta di consulenza con GREEN ASSIST vi consigliamo di visitare questa pagina e scaricare l’Info Sheet.

Se invece avete intenzione di inviare la vostra candidatura per entrare nel Roster of Experts di GREEN ASSIST, visitate questa pagina per ulteriori informazioni riguardo i requisiti e le modalità di candidatura e scaricate l’Info sheet dedicato.

 


LIFE in Forest Marketplace“LIFE in Forest Marketplace”, side event della Conferenza internazionale “The Forest Factor” – Roma, 6-7 giugno 2023

Il Consiglio per la ricerca in agricoltura e l'analisi dell'economia agraria (CREA) - Centro di ricerca Difesa e Certificazione e il National Contact Point Team del Programma LIFE 2021-2027 (LIFE NCP), operante presso il Ministero dell’Ambiente e della Sicurezza Energetica (MASE), sono i promotori dell’evento “LIFE in forest Marketplace” che si svolgerà nella cornice della Conferenza internazionale “THE FOREST FACTOR” organizzata dal Raggruppamento Carabinieri Biodiversità.

La Conferenza “THE FOREST FACTOR” si terrà il 6 e il 7 giugno 2023 a Roma, presso l’Aula Magna del Dipartimento di Architettura dell’Università degli Studi “Roma Tre” (Largo Giovanni Battista Marzi n° 10). Il side event  “LIFE in forest Marketplace” sarà localizzato, nelle stesse date, negli spazi antistanti all’Aula Magna.

Il side event della Conferenza dell’Arma dei Carabinieri avrà il formato di unmarketplace interattivo, basato sulla comunicazione non formale, e rappresenterà un’occasione di networking per progetti LIFE dedicati alla gestione e alla conservazione forestale, con l’obiettivo ultimo di incoraggiare lo scambio di idee e la condivisione di buone pratiche, nonché di favorire lo sviluppo di nuove collaborazioni. I progetti LIFE che prenderanno parte al “LIFE in forest Marketplace” –  italiani, transnazionali ed esteri – saranno ospitati all’interno di stand a loro dedicati, dove potranno promuovere le proprie attività con materiale promozionale e azioni dimostrative, nonché interagire con i partecipanti alla Conferenza “THE FOREST FACTOR” e con gli altri progetti LIFE che si incontreranno a Roma. Uno stand sarà anche destinato al LIFE NCP Team dell’Italia, che fornirà informazioni sugli “Inviti a presentare proposte progettuali LIFE” per l’annualità 2023  e risponderà a richieste specifiche dei candidati/potenziali candidati, così come agli eventuali dubbi e curiosità, sul Programma europeo per l’ambiente e l’azione per il clima, di tutti i partecipanti alla Conferenza.

Programma Conferenza internazionale “THE FOREST FACTOR”. Clicca qui per la registrazione.

Informazioni dettagliate sul side event  “LIFE IN FOREST MARKETPLACE”.

 


Life Desert AdaptProgetto LIFE DESERT-ADAPT – Conferenza finale (online, 23 giugno 2023)

Il progetto LIFE DESERT-ADAPT - “Preparare le aree soggette a desertificazione all’inasprimento del clima (LIFE16 CCA/IT/000011) terrà la sua Conferenza finale nella mattinata di venerdì 23 giugno.

LIFE DESERT-ADAPT è un progetto quinquennale che coinvolge 19 partners da Italia, Portogallo, Spagna e Olanda e ha l'obiettivo di sperimentare un modello di gestione del territorio che risponda ai due problemi più critici che affliggono gli agricoltori, le terre pubbliche e le comunità del bacino del Mediterraneo: la necessità di adattarsi ai cambiamenti climatici in atto e il bisogno di ridurre e contrastare il crescente fenomeno del degrado del suolo e il rischio di desertificazione.

La Conferenza finale del progetto esplorerà questi temi rilevanti insieme a esperti di rischio da cambiamento climatico, degrado del suolo e desertificazione, ciclo del carbonio e carbon farming, soluzioni innovative per le terre aride e degradate.

LIFE DESERT-ADAPT presenterà, con l’occasione, i principali risultati ottenuti e le lezioni apprese.

La Conferenza finale del progetto si terrà online in lingua inglese.

Per i dettagli sul programma dell’evento e per registrarti, clicca qui.

 


"LIFE Info Day Italia 2023"

26 Maggio 2023, 9:30 - 17:00 (online su Piattaforma Teams)

Venerdì 26 maggio 2023 si svolgerà in modalità online il LIFE Info Day Italia 2023, organizzato dal National Contact Point del Programma LIFE 2021-2027 (LIFE NCP IT) – operante presso la  Divisione II “Affari europei in materia ambientale” della Direzione generale attività europea ed internazionale (DG AEI) del Ministero dell’Ambiente e della Sicurezza Energetica (MASE) – in collaborazione con l’Agenzia esecutiva europea per il clima, l’infrastruttura e l’ambiente (CINEA), che gestisce LIFE per conto della Commission europea (CE), e il Team esterno di monitoraggio dei progetti LIFE realizzati in Italia (ELMEN EEIG - Timesis).

Il Programma LIFE 2021-2027 è l’unico Programma europeo dedicato esclusivamente all’ambiente, alla conservazione della natura e alle tematiche del cambiamento climatico, incluse l’efficienza energetica e le energie rinnovabili. 

A partire dal 18 aprile u.s., sono stati  pubblicati dalla CE gli “Inviti a presentare proposte” (Calls for proposals) per l’annualità 2023 in relazione alle diverse tipologie di progetti ammissibili nell’ambito dei 4 Sottoprogrammi di LIFE 2021-2027:

Settore “Ambiente”

Settore “Azione per il Clima”

Il LIFE Info Day nazionale 2023, rivolto ai candidati e potenziali candidati LIFE italiani (enti pubblici o privati, incluse ONG e organizzazioni della società civile), rappresenta quindi un appuntamento di grande rilevanza non solo per conoscere più nel dettaglio le caratteristiche del Programma LIFE 2021-2027 e le opportunità di dare vita a idee verdi e legate alla transizione all’energia pulita grazie ai finanziamenti messi a disposizione dai LIFE Calls for proposals  2023, ma anche per ricevere tips concreti sulla presentazione delle proposte progettuali e per porre domande dirette agli esperti di settore, relatori dell’evento.

Il LIFE Info Day Italia 2023 si svolgerà sulla Piattaforma Teams, avrà inizio alle ore 9:30 e terminerà alle 17:00.

Qui il programma dettagliato della giornata informativa.

Cliccare qui per registrarsi all'evento. A seguito della registrazione, riceverai una e-mail con il link Teams per collegarti e partecipare online

 


Inviti a presentare proposte PROGETTUALI LIFE PER IL 2023INVITO A PRESENTARE PROPOSTE PROGETTUALI LIFE PER IL 2023: 99 MILIONI DI EURO DISPONIBILI PER DARE VITA A IDEE LEGATE ALLA TRANSIZIONE ALL’ENERGIA PULITA

Dopo aver aperto, lo scorso 18 aprile, per l’annualità 2023, le candidature per l’invio di proposte di altre tipologie progettuali dei Sottoprogrammi LIFE Natura e Biodiversità (NAT), Economia Circolare e Qualità della Vita (ENV), Mitigazione e Adattamento ai Cambiamenti Climatici e Transizione all’Energia Pulita (CET) del Programma LIFE 2021-2027,  la Commissione europea ha lanciato in data 11 maggio 2023 l'Invito a presentare proposte (Calls for proposals) 2023 in relazione alle Azioni di Coordinamento e Sostegno (CSA) del Sottoprogramma LIFE CET.

 

Il Call for proposals LIFE CSA-CET 2023 invita gli stakeholders impegnati nei temi della transizione all’energia pulita e della decarbonizzazione in Europa a inviare le loro idee di progetto.

Tale bando LIFE prevede 13 Topics che coprono aspetti importanti per portare avanti la transizione energetica pulita in Europa in tutti i settori come, ad esempio:

  • Coinvolgere e responsabilizzare i cittadini nella transizione all’energia pulita;
  • Sostenere la decarbonizzazione degli edifici, compresi il riscaldamento e il raffreddamento;
  • Facilitare i progetti di investimento a livello locale e regionale;
  • Sviluppare le competenze e le capacità dell’industria e del settore dei servizi;
  • Creare un quadro politico nazionale, regionale e locale a sostegno della transizione all’energia pulita;
  • Attrarre finanziamenti privati per l’energia sostenibile.

Il Sottoprogramma LIFE CET finanzia le CSA selezionate con un contributo pari al 95% dei loro costi totali. Le proposte progettuali devono rientrare nei Topics  indicati nel Call fiche LIFE CSA-CET 2023 e i candidati sono quindi invitati a leggere attentamente le Topic descriptions contenute al suo interno.

La scadenza per la presentazione delle idee di progetto a valere sul Call for proposals LIFE CSA-CET 2023 è il 16 Novembre 2023.

Come si può presentare una candidatura?

Sul Portale dei finanziamenti e delle gare d’Appalto dell’Unione europea (Funding & tender opportunities portal) sono disponibili tutte le informazioni anche sul Call for proposals LIFE CSA-CET 2023 e le istruzioni per sottomettere le candidature elettronicamente.

Dove si possono trovare maggiori informazioni?

Maggiori informazioni sulla specifica tipologia di progetti finanziati dall’Invito a presentare proposte LIFE CSA-CET per il 2023, sulle modalità di presentazione delle proposte e sulle deadline per la loro sottomissione sono disponibili alla pagina LIFE Calls for proposals 2023 del sito web di CINEA (European Climate, Infrastructure and Environment Executive Agency).

Inoltre, il 1° giugno 2023 CINEA terrà uno speciale Info Day sul Call for proposals LIFE CSA- CET. Questo includerà una guida generale per i potenziali proponenti e sessioni dedicate ai 13 Topics di finanziamento. Le registrazioni di queste sessioni saranno poi rese disponibili per gli interessati sul sito web dI CINEA.

Per qualsiasi chiarimento sulle descrizioni dei Topics del bando LIFE CSA-CET 2023 è possibile contattare il team LIFE Clean Energy di CINEA all'indirizzo CINEA-LIFE-CET@ec.europa.eu, oltre al LIFE National Contact Point (NCP) del MASE (DG AEI, Divisione II).

Utili informazioni, indicazioni e documenti per la partecipazione dei candidati italiani all’Invito a presentare proposte LIFE CSA-CET per il 2023 saranno reperibili a breve alla anche alla pagina Calls 2023 del Portale web del MASE predisposta dal LIFE NCP dell’Italia.

 


Inviti a presentare proposte progettuali LIFE per il 2023: 611 milioni di euro disponibili per dare vita a idee verdi

La Commissione europea ha lanciato gli Inviti a presentare proposte (Calls for proposals) per le sovvenzioni  2023 del Programma LIFE 2021-2027 e dei suoi 4 Sottoprogrammi (Natura e Biodiversità - NAT; Economia Circolare e Qualità della Vita - ENV; Mitigazione e Adattamento ai Cambiamenti Climatici - CLIMA; Transizione all’Energia Pulita - CET).

Quest’anno sono disponibili 611 milioni di euro per progetti di conservazione della natura, protezione dell’ambiente, azione per il clima e transizione all’energia pulita.

Quali Calls for proposals sono stati aperti il 18 aprile 2023?

  • Progetti di Azione Standard (SAP) in ambito NAT - 148,4 milioni di euro;
  • SAP in ambito ENV - 81 milioni di euro;
  • SAP in ambito CLIMA - 66,35 milioni di euro;
  • Progetti Strategici Integrati (SIP) in ambito ENV e CLIMA - 83 milioni di euro;
  • Progetti di Assistenza Tecnica per la Replicazione (TA-R) - 6,5 milioni di euro;
  • Progetti per affrontare priorità legislative e politiche ad hoc (PLP) - 15 milioni di euro;
  • Sovvenzioni di funzionamento (OG) per specifiche entità senza scopo di lucro che hanno firmato un Accordo Quadro di Partenariato - 14 milioni di euro.

Quali sono i Calls for proposals in arrivo?

  • 2 maggio 2023: Progetti di Assistenza Tecnica per la Preparazione di SIP e di Progetti Strategici di Tutela della Natura (TA-PP);
  • 11 maggio 2023: Azioni di Coordinamento e Sostegno (CSA) in ambito CET.

Come si può presentare una candidatura?

Sul Portale dei finanziamenti e delle gare d’Appalto dell’Unione europea (Funding & tender opportunities portal) sono disponibili tutte le informazioni sugli Inviti a presentare proposte LIFE per il 2023 e le istruzioni per sottomettere le candidature.

Dove si possono trovare maggiori informazioni?

Maggiori informazioni sulle diverse tipologie di progetti finanziati dai Calls for proposals LIFE 2023, sulle modalità di presentazione delle proposte progettuali e sulle deadline per la loro sottomissione sono disponibili alla pagina LIFE Calls for proposals 2023 del sito web di CINEA (European Climate, Infrastructure and Environment Executive Agency).

Inoltre, il 25 e 26 aprile CINEA terrà i suoi annuali EU Info Days  per guidare i potenziali proponenti LIFE attraverso il processo di candidatura. Le registrazioni di queste sessioni informative online saranno rese disponibili per gli interessati sul sito web del CINEA. Una sessione informativa virtuale dedicata alle specificità dei Calls for proposals in ambito CET si terrà il 1° giugno 2023.

Altre utili informazioni e indicazioni per la partecipazione dei candidati italiani agli Inviti a presentare proposte progettuali LIFE per il 2023 sono reperibili alla pagina Calls 2023 del Portale web del MASE predisposta dal LIFE National Contact Point Team (DG AEI, Divisione II).

 


Logo LIFE METRO ADAPTLIFE METRO ADAPT: un progetto italiano tra i finalisti dei LIFE Awards 2023

Il progetto italiano LIFE METRO ADAPT - “Aumentare e migliorare le strategie e le misure dell’adattamento al cambiamento climatico nella Città Metropolitana di Milano” (LIFE17 CCA/IT/000080) è stato selezionato come finalista nella categoria “Azione per il clima” dei LIFE Awards 2023.

Ogni anno la Commissione europea e il LIFE Monitoring Team valutano tutti i progetti completati sulla base di un set di criteri: contributo a miglioramenti ambientali, economici e sociali immediati e a lungo termine, grado di innovazione e trasferibilità, rilevanza per la policy, rapporto costi/benefici. I progetti di maggiore successo (“Best LIFE projects”) vengono selezionati e competono per i LIFE Awards, che premiano i progetti più innovativi, stimolanti ed efficaci nell’ambito di 3 categorie: “Protezione della natura”, “Ambiente” e “Azione per il clima”. I vincitori vengono scelti da una giuria di esperti e annunciati il giorno della Cerimonia dei LIFE Awards, che si svolge durante la EU Green Week, il più grande evento ambientale d’Europa.

Anche il largo pubblico può dare il proprio contributo attraverso il LIFE Citizens’ Prize, che permette di votare il progetto preferito online.

Per maggiori informazioni sull’edizione 2023 dei LIFE Awards 2023 e per conoscere i 9 progetti finalisti (3 per ciascuna categoria prevista), visita la pagina web dell’iniziativa. La Cerimonia per l’annuncio dei vincitori è prevista per il 6 giugno p.v., in occasione della EU Green Week 2023.

A questo link è possibile, per chi lo desidera, approfondire la conoscenza di LIFE METRO ADAPT, scoprire i risultati da esso ottenuti e le buone pratiche messe in campo, nonché esprimere il proprio voto di sostegno online al progetto italiano in relazione al LIFE Citizens’ Prize in ambito LIFE Awards 2023.

 


 Progetto LIFE “A-MAR NATURA 2000”: Conferenza stampa di presentazione (La Spezia, 15 maggio 2023)

Lunedì 15 maggio 2023 alle ore 11.00, presso il Circolo Ufficiali M.M. (viale Italia, 2 - La Spezia), si terrà la conferenza stampa di presentazione del progetto  LIFE A-MAR NATURA 2000 - Amare il mare e i suoi siti protetti, imparando a conoscerli” (LIFE20 GIE/IT/001352) e verrà avviata, con l’occasione, la campagna velica ad esso associata.

Il progetto LIFE “A-MAR NATURA 2000”, co-finanziato dal Programma LIFE 2014-2020 e coordinato da Federparchi, ha lo scopo di diffondere e promuovere buone pratiche di conservazione delle aree marine della Rete Natura 2000, attraverso una gestione più sostenibile delle attività umane e il coinvolgimento dei principali stakeholders che fruiscono dei servizi ecosistemici di tali aree.

La campagna velica, realizzata con il supporto della Lega Navale Italiana, si articolerà in sei settimane, dal 15 maggio al 28 giugno 2023, e si svilupperà in 5 regioni italiane – Liguria, Sicilia, (occidentale e orientale), Toscana, Sardegna settentrionale e Lazio – toccando oltre 30 siti marini più significativi dal punto di vista naturalistico.

A questo link è possibile trovare il programma dell’evento e tutte le informazioni per partecipare.

 


I progetti LIFE Ambiente e Salute inquinamento ambientale e salute del bambinoProgetto LIFE MILCH – GIORNATA STUDIO:  “I PROGETTI LIFE AMBIENTE E SALUTE: INQUINAMENTO AMBIENTALE E SALUTE DEL BAMBINO” (Parma, 26 maggio 2023)

Il 26 maggio 2023 dalle ore 10.00 alle ore 17.00, presso l’ Aula Magna dell’Università degli Studi di Parma, si terrà l’evento dal titolo “I progetti LIFE Ambiente e Salute: inquinamento ambientale e salute del bambino”

L’evento, organizzato nell’ambito delle attività di LIFE MILCH - “Riduzione dell'impatto degli interferenti endocrini nel latte materno a supporto della salute pubblica” (LIFE18 ENV/IT/000460) è incentrato sull’illustrare le finalità, l’impatto e l’organizzazione dei progetti LIFE Ambiente e Salute grazie all’intervento di coordinatrici e coordinatori di progetti LIFE appartenenti alla Rete KTE LIFE EnvHealth, ed esperte/i sulle tematiche inerenti all’inquinamento e alla salute del bambino.

Con l’occasione sarà presentato anche lo stato dei lavori del progetto LIFE-MILCH grazie alla partecipazione dei referenti di progetto dei tre Centri coinvolti. Accompagneranno e modereranno gli interventi esperti clinici dell’Azienda Universitaria-Ospedaliera di Parma che afferiscono al Dipartimento di Medicina e Chirurgia.

I progetti LIFE presentati saranno:

  • LIFE CROME, con la partecipazione della Dott.ssa Gemma Calamandrei (Istituto Superiore di Sanità);
  • LIFE MAPEC, con la partecipazione della Dott.ssa Donatella Ferretti (Università di Brescia);
  • LIFE GIOCONDA, con la partecipazione della Dott.ssa Liliana Cori (CNR, Pisa)
  • LIFE WOMENBIOPOP, con la partecipazione della Dott.ssa Annalisa Abballe (Istituto Superiore di Sanità);
  • EDC Group ECHA & LIFE EDESIA, con la partecipazione del Dott. Stefano Lorenzetti (Istituto Superiore di Sanità);
  • LIFE PERSUADED, con la partecipazione della Dott.ssa Cinzia La Rocca (Istituto Superiore di Sanità).

LIFE MILCH, progetto europeo coordinato dall’Università di Parma e cofinanziato dal Programma LIFE 2014-2020, ha l’obiettivo di contribuire alla riduzione della esposizione della diade madre-bambino agli interferenti endocrini a tutela della salute pubblica. Sulla base dei risultati scientifici, il progetto promuoverà in particolare una campagna di prevenzione rivolta principalmente alle giovani donne ed un tavolo di confronto per/tra operatori commerciali coinvolti nella produzione di latte artificiale.

Qui il Programma della Giornata studio. Per registrarsi cliccare qui.

 


Logo progetto LIFE CONCEPTU MARISProgetto LIFE CONCEPTU MARIS – Convegno: "Sali a bordo con i ricercatori" (Roma, 16 maggio 2023)

Martedì 16 maggio 2023 si terrà a Roma (Via V. Brancati 48), presso la Sala Conferenze di ISPRA (Istituto Superiore per la Protezione e la Ricerca Ambientale), il Convegno da l titolo “Sali a bordo con i ricercatori”, evento che lancia la campagna di Citizen Science di LIFE CONCEPTU MARIS per monitorare cetacei, tartarughe e rifiuti marini.

LIFE CONCEPTU MARIS - CONservation of CEtaceans and Pelagic sea TUrtles in Med: Managing Actions for their Recovery In Sustainability (LIFE20 NAT/IT/001371) è un progetto europeo dedicato alla conservazione dei cetacei e delle tartarughe del Mediterraneo, attraverso azioni che mettono in campo tecnologie e strategie di conservazione all’avanguardia e le competenze di importanti enti italiani e internazionali: oltre ad ISPRA, in qualità di beneficiario coordinatore di LIFE CONCEPTU MARIS, l’Area Marina Protetta “Capo Carbonara”, CIMA Research Foundation, CMCC Climate, ÉcoOcéan Institut, la Stazione Zoologica Anton Dohrn, Triton Research, le Università italiane di Milano-Bicocca, Palermo e Torino e, infine, l’Universitat de València (Spagna).

Programma del Convegno.

Per partecipare all’evento è necessario registrarsi qui.

 


Logo Progetto LIFE GreenchangeProgetto LIFE Greenchange - Webinar: “Verso un patto per la biodiversità nel Mediterraneo” (online, 10 maggio 2023)

Il progetto LIFE Greenchange – “Infrastrutture verdi per incrementare la biodiversità nell'agro pontino e nelle aree rurali maltesi” (LIFE17 NAT/IT/000619) organizza il WebinarVerso un patto per la biodiversità nel Mediterraneo” nella mattinata di mercoledì 10 maggio.

Partendo dai risultati del progetto LIFE Greenchange in Italia, il seminario ha l'obiettivo di discutere le opportunità di promozione della gestione del territorio nel rinnovato quadro europeo. Allo stesso tempo, si propone di riflettere sulle ulteriori condizioni necessarie a diversi livelli territoriali per radicare le esperienze e le pratiche in corso, stimolando al contempo un più ampio impegno degli agricoltori verso la gestione del territorio, con uno sguardo particolare all'impegno dell’area mediterranea.

Sono previsti tre Panel:

  • il primo ha l'obiettivo di presentare alcune pratiche ed esplorare opportunità e limiti della gestione del territorio con i rappresentanti di progetti e reti;
  • il secondo si concentrerà sul (potenziale) ruolo delle istituzioni pubbliche nel porre la gestione del territorio in prima linea nel raggiungimento degli obiettivi della nuova Strategia dell'UE per la Biodiversità riguardante gli ambienti rurali;
  • l'ultimo Panel ospiterà una sessione interattiva in cui si discuterà a quali condizioni può essere redatto e firmato un Patto per la biodiversità nel Mediterraneo, al fine di aumentare l'attenzione e la consapevolezza sul ruolo cruciale dell'agricoltura e della tutela della biodiversità nell'area.

È possibile scaricare il programma completo a questo link.

L'evento si terrà in inglese e online, sulla piattaforma Teams. Per partecipare è necessario registrarsi al seguente link indicando nome, organizzazione di appartenenza ed e-mail. Agli utenti registrati verrà inviato un ulteriore link per seguire la diretta streaming.

 


Logo Progetto LIFE “A-MAR NATURA 2000”Progetto LIFE “A-MAR NATURA 2000”: Evento di presentazione del progetto (Roma, 4 maggio 2023)

Giovedì 4 maggio, presso ETICO Food a Roma (via G. Pisanelli, 39), si terrà il primo evento di presentazione del progetto  LIFE “A-MAR NATURA 2000 – Amare il mare e i suoi siti protetto, imparando a conoscerli” (LIFE20 GIE/IT/001352).

Il progetto, co-finanziato dal Programma LIFE 2014-2020, ha lo scopo di diffondere e promuovere buone pratiche di conservazione delle aree marine NATURA 2000, attraverso una gestione più sostenibile delle attività umane e il coinvolgimento dei principali stakeholders che fruiscono dei servizi ecosistemici di tali aree.

Durante l’evento Federparchi, capofila di progetto, e i partner Triton ResearchLipu e Fundación Biodiversidad illustreranno le azioni previste, gli obiettivi e i risultati attesi.  Particolare attenzione sarà data all'imminente campagna velica in partenza il 15 maggio da La Spezia, organizzata in collaborazione con Lega Navale Italiana e che toccherà 5 regioni italiane (Liguria, Sicilia, Toscana, Sardegna e Lazio) e oltre 30 siti marini Natura 2000.

Nel pomeriggio l'incontro continuerà con una sessione di networking tra i referenti di diversi progetti europei.

A questo link è possibile trovare tutte le informazioni per registrarsi e il programma completo;  per chi non potesse partecipare in presenza, è disponibile il collegamento streaming.

 


Progetto LIFE MODERn (NEC):  “Giornata studio su cambiamenti climatici e stato di salute delle foreste in Italia” (Roma, 5 maggio 2023)

Il 5 maggio 2023 dalle ore 10.00 alle ore 14.00, presso la Sala Serviana del Comando Unità Forestali, Ambientali e Agroalimentari (CUUFA) di Roma, si terrà la Giornata studio dal titolo “Cambiamenti Climatici e Monitoraggio della Salute delle Foreste in Italia”.

L’eventoorganizzato nell’ambito delle attività di LIFE MODERn (NEC) - “new Monitoring system to Detect the Effects of Reduced pollutants emissions resulting from NEC Directive” (LIFE20 GIE/IT/000091) è incentrato  sulla presentazione del monitoraggio sullo stato delle foreste in Italia e dei risultati dell’attività svolta, con un focus sulle tecniche di monitoraggio terrestre, del suolo, sulla defogliazione e sui parassiti secondari. Inoltre, si parlerà dell’impatto dei cambiamenti climatici nell’area mediterranea e del contributo che i cittadini possono dare nella lotta al cambiamento climatico. 

LIFE MODERn (NEC), progetto europeo coordinato dall’Arma dei Carabinieri/ CUFAA e cofinanziato dal Programma LIFE 2014-2020, ha l’obiettivo di ampliare e migliorare la Direttiva europea 2016/2284 (NEC), ovvero lo strumento che legifera sulla riduzione di emissioni nazionali di alcuni inquinanti atmosferici. Uno degli aspetti della Direttiva NEC riguarda il monitoraggio degli ecosistemi forestali e di acqua dolce, come strumento di controllo per la riduzione delle emissioni.

Qui il Programma della Giornata studio. Per iscriversi cliccare qui.

 


Fonte immagine : MASE - DG AEIPROGETTO LIFE PERDIX - WORKSHOP: “IL RITORNO DELLA STARNA ITALICA” (Roma, 4 maggio 2023)

Giovedì 4 maggio 2023 dalle ore 9.00, presso la sala conferenze del Museo Civico di Zoologia di Roma (via Ulisse Aldrovandi, 18), si terrà il Workshop dal titolo “Il ritorno della starna italica”.

 L’eventoorganizzato nell’ambito delle attività di LIFE PERDIX Azioni urgenti per la conservazione della biodiversità della Starna italica (Perdix perdix italica) (LIFE17 NAT/IT/000588è dedicato a illustrare il progetto e a fare il punto della situazione a ridosso della terza stagione di reintroduzioni di Perdix perdix italica.

Parteciperanno al Workshop i rappresentanti dei partners di progetto ISPRA (Istituto Superiore per la Protezione e la Ricerca Ambientale), CUFAA (Comando Unità Forestali, Ambientali e Agroalimentari dell’Arma dei Carabinieri), Parco Regionale Delta del Po Emilia-Romagna, Federazione Italiana della Caccia, Ente Nazionale Cinofilia, e referenti del Museo Civico di Zoologia e del LIFE National Contact Point del Ministero dell’Ambiente e della Sicurezza Energetica.

LIFE PERDIXprogetto europeo coordinato da ISPRA e co-finanziato dalla Commissione europea nell’ambito del Programma LIFE 2014-2020si propone di restituire alla natura la Starna italica mediante l’analisi genetica, l’allevamento in cattività e la reintroduzione di popolazioni vitali all’interno del sito Natura 2000 “Valle del Mezzano”, Zona di Protezione Speciale nel Delta del Po. 

Qui il Programma del Workshop e le modalità di iscrizione all’evento.

 


L’UE investe oltre € 116 milioni in Progetti strategici LIFE per la natura, l’ambiente e il clima

La Commissione europea (CE) ha annunciato un investimento di oltre 116 milioni di euro per i Progetti strategici (SP) del nuovo Programma LIFE 2021-2027. Il finanziamento aiuterà 8 grandi progetti in Belgio, Estonia, Spagna, Italia, Polonia, Slovacchia e Finlandia a raggiungere i loro obiettivi climatici e ambientali. Si prevede che i progetti SP mobiliteranno ulteriori fondi significativi da altre fonti di finanziamento dell’Unione europea (UE), tra cui fondi agricoli, strutturali, regionali e di ricerca, oltre a fondi nazionali e investimenti del settore privato.

I progetti SP aiuteranno l’EU a diventare il primo continente neutrale dal punto di vista climatico entro il 2050 e ad attuare con successo il Green Deal europeo. Inoltre, contribuiranno a una transizione energetica pulita e sosterranno le seguenti iniziative a livello UE: la Strategia per la Biodiversità per il 2030, il Piano d’Azione per l’Economia Circolare, il Piano d’Azione per l’Inquinamento Zero, la Legge sul Ripristino della Natura.

8 grandi progetti in 7 Stati membri

Gli 8 progetti SP finanziati a valere sui LIFE Calls for proposals 2021 coprono le seguenti aree:

Conservazione e ripristino della natura: In Belgio i partner del progetto B4B LIFE amplieranno le aree protette, miglioreranno la connettività e svilupperanno Piani d’Azione per habitat e specie critiche in tutto il Paese. Il team del progetto Wetlands Green LIFE contribuirà all’attuazione delle politiche dell’UE sulle aree protette e sugli habitat e le specie che esse supportano in Polonia. L’attenzione si concentrerà su paludi, torbiere e zone umide in vari siti Natura 2000. Entrambi i progetti sosterranno inoltre l’attuazione delle Direttive UE Uccelli e Habitat.

Qualità dell’acqua e gestione dei rifiuti: Il progetto LIFE Living Rivers in Slovacchia manterrà la qualità dell’acqua, proteggerà gli habitat naturali e le specie autoctone e promuoverà una gestione sostenibile della silvicoltura e della pesca. Il progetto contribuirà all’attuazione della Direttiva Quadro sulle Acque e della Direttiva UE Habitat. Il team di PlastLIFE contribuirà all’attuazione della Roadmap per la Plastica in Finlandia. Il lavoro comprenderà la riduzione dei rifiuti di plastica, la diminuzione dei rifiuti e del consumo di plastica e l’incremento del riciclaggio.

Adattamento ai cambiamenti climatici: Il team del progetto LIFE-SIP AdaptEs dell’Estonia aumenterà la capacità del Paese di adattarsi ai cambiamenti climatici (CC) contribuendo all’attuazione del “Piano di Sviluppo per l’Adattamento ai CC”. In Spagna il progetto LIFE eCOadapt50 sensibilizzerà l’opinione pubblica sull’adattamento ai CC coinvolgendo governi e imprese nelle Strategie locali di Adattamento ai CC. In Italia, i partner di LIFE Climax PO sperimenteranno una gestione dell’acqua intelligente dal punto di vista climatico a livello di bacino fluviale e miglioreranno la governance della gestione delle risorse idriche. Questi 3 progetti sosterranno l’attuazione della Strategia di Adattamento dell’UE.

Mitigazione dei cambiamenti climatici: il team di LIFE AFTER COAL PL contribuirà all’attuazione della “Strategia per la neutralità climatica della Wielkopolska orientale 2040” (RSCN) della Polonia, con particolare attenzione ai settori dei servizi e dei trasporti. Questo progetto è in linea con la Legge UE sul Clima.

Il contesto

I progetti SP, che ricomprendono i Progetti strategici di tutela della natura (SNAP) e i Progetti strategici integrati (SIP),  si basano sul successo dei Progetti Integrati (IP) di LIFE, finanziati tra il 2014 e il 2020.

I progetti SNAP e SIP sostengono l’attuazione della legislazione e delle politiche ambientali e climatiche dell’UE a livello regionale, multiregionale, nazionale o transnazionale. I progetti SNAP aiutano i Paesi dell’UE a integrare gli obiettivi delle loro politiche sulla natura e sulla biodiversità in altre politiche e strumenti di finanziamento. I progetti SIP contribuiscono alle strategie di mitigazione dei gas serra ad effetto serra e alle Roadmap per un’economia a basse emissioni di carbonio a livello nazionale, regionale o settoriale.

 


Progetto LIFE LANNER: Conferenza sui CRAS e il loro ruolo nella conservazione. (Caprarola, 19 aprile 2023).

Il 19 aprile 2023 dalle ore 10.00, presso le Scuderie di Palazzo Farnese di Caprarola (VT), si terrà la Conferenza dal titoloI centri per il recupero della fauna selvatica ferita o in difficoltà - Approcci e prospettive per la conservazione”. L’evento, organizzato nell’ambito delle attività di LIFE Lanner - “Urgent conservation actions for the Lanner falcon”(LIFE18 NAT/IT/000720) è incentrato sullo stato dell'arte del progetto e, più in generale, sul ruolo dei centri di recupero nella conservazione. Parteciperanno alla Conferenza Autorità di livello regionale, rappresentanti dei CRAS (Centri per il Recupero di Animali Selvatici), aziende e scienziati coinvolti nelle attività di recupero e protezione degli animali selvatici. Life lanner –“

LIFE Lanner, progetto europeo coordinato dall’Ente Monti Cimini - Riserva Naturale Regionale Lago di Vico e cofinanziato dal Programma LIFE 2014-2020, ha l’obiettivo di proteggere l’unica sottospecie rara di rapace vivente nel territorio europeoil “lanario” (Falco biarmicus feldeggii)promuovendo una serie di azioni volte a contrastare l’estinzione del rapace, quali: realizzazione di una rete tra i CRAS (utile per la valutazione della presenza delle specie e degli atti di bracconaggio); individuazione di procedure comuni per il riconoscimento degli esemplari e la valutazione dei danni agli animali che arrivano nei centri di recupero; creazione di un database nazionale i cui dati completeranno la Banca genetica internazionale dei dati genetici della specie; azioni di conservazione, tra cui l’allevamento in cattività e il rilascio in natura dei giovani lanari.

Qui il Programma della Conferenza e le modalità di iscrizione.

 


Fonte immagine: MASELIFE Platform meeting: “Benefits of peatland restoration for Europe”. Berlino, 26- 28 aprile 2023.

Dal 26 al 28 aprile 2023, a Berlino (Germania), avrà luogo il LIFE Platform meeting sul tema “Benefici del ripristino delle torbiere per l’Europa”, organizzato da NEEMO (Team di monitoraggio esterno del Programma LIFE, per conto della Commissione europea e di CINEA - Agenzia esecutiva europea per il clima, l’infrastruttura e l’ambiente) e ospitato dall’ONG tedesca NABU (Naturschutzbund Deutschland).

Le torbiere sono habitat di estremo valore in quanto ospitano molte specie rare e minacciate, esclusive di questi ambienti, e svolgono un ruolo di rilievo nella regolazione del clima in quanto sono grandi immagazzinatori di carbonio. Ma le torbiere europee stanno scomparendo velocemente, e oggi solo il 10% è considerato in buone condizioni.

La protezione e il ripristino di questa tipologia di habitat sono perciò quanto mai urgenti e contribuiscono a migliorare il ciclo dell’acqua e la biodiversità, a incrementare la fissazione del carbonio e a ridurre le emissioni di gas serra.

Il LIFE Platform meeting di Berlino esaminerà il miglioramento di prospettive per le torbiere europee. Gli argomenti all’ordine del giorno includono:

  • La politica dell'UE sulla protezione delle torbiere, compresa la recente proposta per una Nature Restoration Law;
  • Il contributo del Programma LIFE, sin dal 1992, alla conservazione e al ripristino delle torbiere europee, e i suoi “piani” al riguardo fino al 2027;
  • Le sfide per la conservazione delle torbiere;
  • Il ripristino delle torbiere per la mitigazione dei cambiamenti climatici;
  • Le torbiere e l’uso del suolo;
  • Il finanziamento per il ripristino delle torbiere.

La prima giornata del LIFE Platform meeting (26 aprile 2023, dalle ore 9,00 alle 15,40) sarà trasmessa in live streaming (in lingua inglese) e prevede, oltre a interventi di numerosi esperti europei nel campo del ripristino delle torbiere, testimonianze di diversi progetti LIFE “Natura” o “Clima”, conclusi o in corso di realizzazione, che hanno lavorato o lavorano tuttora in tutta Europa per mettere a punto metodologie e buone pratiche per la protezione e il ripristino delle torbiere.

La registrazione all’evento in streaming può essere effettuata compilando l’apposito Registration Form. 

L’agenda completa del LIFE Platform meeting sarà presto disponibile alla pagina dedicata all’iniziativa presente sul sito web del Programma LIFE.

 


LIFE CLIMAX PO KICK-OFF MEETING – Roma, 30 marzo 2023LIFE CLIMAX PO KICK-OFF MEETING – Roma, 30 marzo 2023.

Il 30 marzo 2023 alle ore 10.30, presso la nuova Aula del Palazzo dei Gruppi Parlamentari della Camera dei Deputati a Roma (via Campo di Marzio, 74), si terrà l’evento di presentazione del nuovo progetto  LIFE Climax Po “Adattamento climatico per il Distretto di Bacino del Fiume Po” (LIFE21-IPC-IT-LIFE CLIMAX PO). All’incontro parteciperanno Autorità di livello nazionale ed europeo, rappresentanti del mondo della politica e della ricerca per illustrare anche le problematiche e le politiche di adattamento ai cambiamenti climatici.

LIFE Climax Po, progetto strategico integrato co-finanziato dal Programma LIFE 2021-2027, ha l’obiettivo di favorire l’attuazione della Strategia Nazionale di Adattamento ai Cambiamenti Climatici nel Distretto del Bacino del Fiume Po, promuovendo l’adattamento attraverso una gestione intelligente delle risorse idriche dal punto di vista climatico e implementando misure adattate alle caratteristiche locali e alle peculiarità climatiche a scala distrettuale. In quanto progetto strategico integrato, LIFE Climax Po prevede anche l’uso coordinato di finanziamenti complementari alle risorse LIFE, provenienti da diverse fonti europee, nazionali e regionali.

Il progetto, coordinato dall’Autorità di Bacino Distrettuale del Fiume Po, si avvale della collaborazione di un ricco partenariato afferente alle tre regioni interessate dal Distretto di Bacino del Fiume Po (Emilia-Romagna, Lombardia e Piemonte), ma coinvolge come parti interessati anche altre regioni.

Qui il Programma dell’evento e le modalità di iscrizione.

 


Fonte immagine: MASE  - Logo Life MagisEvento finale LIFE MAGIS: “Made Green in Italy Scheme”. 30 marzo 2023, Roma.

Avrà luogo il 30 marzo 2023 a Roma, a partire dalle 10.30, l’evento conclusivo del progetto LIFE MAGIS dal titolo: “Il lato verde del Made in Italy”.

L’evento è organizzato dal capofila di progetto ENEA (l’Agenzia nazionale per le nuove tecnologie, l'energia e lo sviluppo economico sostenibile) e dai suoi partner e presenterà, in collaborazione con le aziende coinvolte, le attività svolte, i risultati conseguiti e le prospettive future dal punto di vista dei tecnici, delle aziende e dei consumatori.

LIFE MAGIS: “MAde Green in Italy Scheme” (LIFE18 GIE/IT/000735) supporta la diffusione del Made Green in Italy uno schema nazionale volontario di valutazione e comunicazione ambientale che ha l’obiettivo di valorizzare i prodotti italiani con le migliori prestazioni ambientali e che si basa sul metodo europeo Product Environmental Footprint (PEF) – attraverso la sua sperimentazione in 8 categorie di prodotto italiane (cipolla di Medicina, merendine non sfoglia, gelati, caffè, lievitati di ricorrenza, formaggio ovino a pasta dura, serramenti in legno e pelli finite). I partner coinvolti nel progetto hanno collaborato per definire linee guida per il calcolo degli impatti ambientali, comunicare in modo trasparente ad aziende e cittadini, trasferire il proprio approccio e la propria esperienza ad altre filiere e ad altri Paesi.

Sarà possibile partecipare all’evento sia in presenza (Palazzo della Cooperazione, via Torino 146 - Roma) che online. In entrambi i casi è obbligatoria l'iscrizione a questo link.

Il programma completo dell’iniziativa è scaricabile QUI.

Brochure LIFE MAGIS

 


Logo LIFE MODERn(NEC)FUTURA LAB - "Circular Economy e transizione energetica: le opportunità europee e del PNRR". 20 marzo 2023, Brescia.

Il 20 marzo Brescia ospiterà il secondo Futura Lab dal titolo "Circular Economy e transizione energetica: le opportunità europee e del PNRR". L’evento avrà inizio alle ore 16.30 e si terrà in presenza presso il Brixia Forum (Via Caprera 5, Brescia) e da remoto via Teams.

L’incontro fa parte di una serie di eventi che la Camera di Commercio di Brescia sta organizzando in collaborazione con IBS Consulting e il Giornale di Brescia in vista della prossima expo Futura, un Hub – fisico e digitale – di raccolta di best practices di economia sostenibile.

I singoli eventi, denominati Futura Lab, hanno un approccio concreto, coinvolgendo esperti del settore e funzionari delle istituzioni pubbliche. Si parlerà del programma europeo LIFE, di bandi sulla transizione energetica del PNRR e delle linee di investimento Green del programma regionale di Regione Lombardia 2021-2027.

Durante gli incontri verranno anche presentate le missioni istituzionali a Bruxelles presso la delegazione di Regione Lombardia, organizzate nelle settimane successive all'incontro da IBS Consulting.

Infine, verranno presentate alcune best practices di aziende del territorio, che daranno spunti alle aziende presenti su temi come transizione verde e digitalizzazione dei processi.

Per visionare il programma dettagliato, la locandina dell’evento è disponibile qui.

È possibile registrarsi gratuitamente per seguire l’evento in presenza al seguente link oppure seguire l’evento online via Teams.

 


Logo LIFE MODERn(NEC)Conferenza nazionale LIFE MODERn(NEC): “Qualità dell’aria, la risposta degli ecosistemi”. 23 marzo 2023, Roma.

Avrà luogo il 23 marzo 2023, a partire dalle 8.30, la prima Conferenza nazionale del progetto LIFE MODERn (NEC) dal titolo: "Qualità dell’aria, la risposta degli ecosistemi".

L’evento è organizzato in occasione della giornata mondiale della meteorologia per presentare i risultati preliminari di LIFE MODERn (NEC) e il quadro aggiornato delle conoscenze sugli effetti ad ampio raggio dell’inquinamento atmosferico.

Il progetto LIFE MODERn(NEC) – “new Monitoring system to Detect the Effects of Reduced pollutants emissions resulting from NEC Directive” (LIFE20 GIE/IT/000091) si propone di migliorare il sistema di valutazione degli impatti dell’inquinamento atmosferico sugli ecosistemi forestali e d’acqua dolce italiani secondo quanto previsto dalla Direttiva 2016/2284, la c.d. Direttiva NEC (“National Emission Ceiling”). Il progetto, co-finanziato dal Programma LIFE 2014-2020, coinvolge – oltre all’Arma dei Carabinieri - Comando Unità Forestali, Ambientali e Agroalimentari (CUFAA), in qualità di capofila – il CNR (Consiglio Nazionale delle Ricerche), il CREA (Consiglio per la ricerca in agricoltura e l’analisi dell’economia agraria - Centro di ricerca Foreste e Legno), l’ENEA (Agenzia Nazionale per le Nuove Tecnologie, l’Energia e lo Sviluppo Economico Sostenibile), Legambiente, TerraData s.r.l. environmetrics e le Università di Camerino e Firenze.

Sarà possibile partecipare all’evento sia in presenza (Sala Nassiriya del Reparto Operativo del Comando Carabinieri per la Tutela Agroalimentare, via Torino 44 – Roma) che online. In entrambi i casi è obbligatoria l'iscrizione a questo link.

Il programma completo della Conferenza è scaricabile QUI.

 


Logo LIFE Nat.Sal.Mo.MEETING FINALE DI LIFE Nat.Sal.Mo. 6-7 marzo 2023, Rocchetta a Volturno (IS) e Campobasso.

Avrà luogo nei giorni 6 e 7 marzo l’evento che celebra la conclusione di LIFE Nat.Sal.Mo., progetto iniziato a settembre 2018 con l’obiettivo di garantire il recupero e la conservazione della Trota mediterranea e del suo habitat nei bacini fluviali del Biferno e del Volturno nella regione Molise mediante l’applicazione di tecniche innovative e strumenti di governance partecipativa. Nell’area di progetto questa specie ittica presenta una grande variabilità intraspecifica (morfologia, comportamento e storia evolutiva) che le ha permesso di adattarsi a differenti condizioni ambientali.

LIFE Nat.Sal.Mo. - Recovery of Salmo macrostigma: Application of innovative techniques and participatory governance tools in rivers of Molise (LIFE17 NAT/IT/000547) è un progetto co-finanziato dal Programma LIFE 2014-2020 che coinvolge, oltre all’Università degli Studi del Molise in qualità di capofila: la Regione Molise, i Comuni di Oratino (CB) e Rocchetta a Volturno (IS), Legambiente, Studiogiuliano s.r.l., il Mediterranean Trout Research Group, la Facoltà di Scienze Animali dell’Università di Iasi (Romania) e la “Lucian Blaga” University of Sibiu (Romania).

Lunedì 6 marzo l’appuntamento sarà a Rocchetta a Volturno, presso l’incubatoio incubatoio ittico per trote realizzato dallo staff di LIFE Nat.Sal.Mo., per le dimostrazioni sul campo.

Martedì 7 marzo, a Campobasso, si terrà la conferenza finale con la presentazione dei risultati raggiunti dal progetto.

Il programma delle due giornate è consultabile qui.


 


Evento finale di LIFEGoProFor. 20-21 marzo 2023, Firenze e San Giustino Valdarno (AR).

Il 20 e 21 marzo 2023 avrà luogo l’evento finale finale del progetto LIFEGoProFor, intitolato “Buone pratiche per gestire le foreste conservando la biodiversità”.

L’evento celebra la conclusione del progetto e sarà strutturato in due giornate.

 Lunedì 21 marzo, presso l’Auditorium Sant’Apollonia di Firenze, si terrà, a partire dalle ore 9.00, la Conferenza “LIFE GoProFor, come la gestione forestale può migliorare la conservazione degli habitat: risultati, buone pratiche, esperienze a confronto”, durante la quale i partners di LIFE GoProFor racconteranno le esperienze vissute e i risultati raggiunti dal progetto durante gli oltre quattro anni della sua durata.

Martedì 21 marzo, invece, avrà luogo la “Visita alla buona pratica di SelPiBioLife”, presso il Complesso Forestale del Pratomagno valdarnese. Con tale uscita in bosco, nel corso della mattinata verrà mostrata la buona pratica applicata dal progetto SelpibioLIFE per la gestione forestale e l’accrescimento della biodiversità; i partners di LIFE GoProFor avranno anche l’occasione di illustrare l’utilizzo del martelloscopio di SelpibioLIFE nella formazione e l’applicazione dell’Indice di Biodiversità Potenziale (IBP). Nel pomeriggio si svolgeranno attività di osservazione e discussione in campo nell’ambito del Comitato Internazionale di Esperti IBP. Il ritrovo sarà San Giustino Valdarno alle ore 9.30.

LIFE GoProFor (LIFE17 GIE/IT/000561) è un progetto co-finanziato dal Programma LIFE 2014-2020 e coordinato da D.R.E.A.M. Italia. Il progetto ha l’obiettivo di “distillare” le buone pratiche dai progetti LIFE di interesse forestale realizzati in tutta l’Unione europea tra il 1992 e il 2018 (per buona pratica, nell’ambito di LIFE GoProFor, si intende uno strumento di applicazione della conservazione della natura in relazione a tematiche forestali in senso).

Il programma dell’evento finale di LIFE GoProFor – per la partecipazione al quale è necessaria la registrazione (aperta fino al prossimo 10 marzo) e che riconosce i relativi CFP agli iscritti all’Ordine dei Dottori Agronomi e Dottori Forestali – è consultabile qui.

 


CONFERENZA FINALE DI LIFE PASTORALP. 15-17 marzo 2023, Bard.

Avrà luogo dal 15 al 17 marzo 2023 presso il Forte di Bard (Bard), in Valle d’Aosta, la conferenza finale del progetto LIFE PASTORALP, intitolata “GLOBAL CHALLENGES IN MOUNTAIN AGROPASTORAL SYSTEMS -  Scientific evidence on impacts, adaptation and policies”.

L’evento celebra la conclusione del progetto – che ha avuto inizio a ottobre 2017 e la cui conclusione è prevista per il 30 marzo 2023 – e ha l’obiettivo di riunire ricercatori, responsabili politici, tecnici dell’agricoltura e della divulgazione, agricoltori e studenti per condividere e discutere le questioni attuali ed emergenti relative agli impatti dei cambiamenti climatici sui sistemi agropastorali di montagna. Il dibattito su questi temi sarà arricchito da esperienze provenienti da tutta Europa e dagli ambienti montani, al fine di dare vita a nuove idee e proposte da diffondere e condividere a livello globale.

LIFE PASTORALP - Pastures vulnerability and adaptation strategies to climate change impacts in the Alps (LIFE16 CCA/IT/000060) è un progetto co-finanziato dal Programma LIFE 2014-2020 e coordinato dall’Università degli Studi di Firenze. Il progetto ha coinvolto partner italiani e francesi provenienti dalle istituzioni, dal mondo della ricerca e dalla gestione dei parchi naturali con l’obiettivo di affrontare la vulnerabilità dei pascoli alpini e offrire strumenti per migliorarne la capacità di ridurla.

Il programma della conferenza finale di LIFE PASTORALP è consultabile qui.

 


#LIFEAmplifiers: una nuova campagna mediatica per il Programma LIFE.

Ad oggi, il 59% della popolazione mondiale usa i social media. È stato rilevato che questa fascia di popolazione utilizza canali come Facebook, Twitter e Instagram per 2 ore e 29 minuti al giorno, mediamente.

Consapevole che questa circostanza può essere un’opportunità eccellente per promuovere il Programma europeo per l’Ambiente e l’Azione per il Clima (LIFE), così come i progetti da esso co-finanziati e le attività che questi realizzano grazie al sostegno dell’UE, la Commissione europea, tramite la propria Agenzia esecutiva CINEA (European Climate Infrastructure and Environment Executive Agency), ha lanciato, in data 8 febbraio  2023,  una campagna mediatica per rendere i progetti LIFE dei #LIFEAmplifiers.

Lo scopo principale di questa iniziativa è che i progetti LIFE, in qualità di #LIFEAmplifier, diffondano, tramite i propri social media channels, notizie, eventi e comunicati stampa che riguardano il Programma LIFE, spingendo altri progetti a fare altrettanto.

Da parte sua, la Commissione europea – che apprezza e incentiva la partecipazione alla nuova campagna mediatica anche di progetti LIFE con una social media expertise non ancora sufficientemente sviluppata – promuoverà i progetti #LIFEAmplifiers e  le loro azioni mediante i profili social del Programma LIFE (Facebook, Twitter, InstagramLinkedIn) e di CINEA (Twitter, Twitter (Clean Energy), LinkedIn), aiutandoli così a raggiungere un pubblico più ampio.

Come partecipare alla campagna mediatica #LIFEAmplifiers?

I progetti LIFE che intendono diventare #LIFEAmplifiers devono contattare i referenti della comunicazione per LIFE direttamente sui canali social del Programma.

Affinché i progetti #LIFEAmplifiers possano cominciare subito a mettersi al lavoro con i propri social media, il Team di CINEA ha sviluppato per loro:

  • modelli di immagini da usare per i profili Facebook e/o LinkedIn, Twitter e Instagram;
  • alcuni messaggi già pronti per essere postati su questi canali.

I progetti #LIFEAmplifiers sono invitati a taggare sempre il Programma LIFE e CINEA sui rispettivi e diversi profili social, nonché ad usare gli hashtags #LIFEAmplifiers e/o #LIFEprogramme.

Per maggiori informazioni e per quesiti specifici sull’iniziativa #LIFEAmplifiers è possibile contattare CINEA al seguente indirizzo e-mail: CINEA-COMMUNICATION-LIFE@ec.europa.eu.

 


CONFERENZA FINALE DEL PROGETTO LIFE GRANATHA

Giovedì 9 febbraio si terrà nell’Auditorium di Loro Ciuffenna la Conferenza finale del progetto LIFE GRANATHA. L’evento celebra la conclusione del progetto, avviato nel 2016, e sarà l’occasione per discutere e divulgare i risultati delle numerose azioni portate avanti durante sei anni di attività.

Il progetto LIFE GRANATHA “GRowing AviaN in Apennine's Tuscany HeathlAnds”, cofinanziato dalla Commissione europea nell’ambito del Programma LIFE 2014-2020, è finalizzato al miglioramento dello stato di conservazione delle popolazioni di alcune specie di uccelli inserite nell’Allegato I della DC 2009/147/CEE legate alla brughiera montana mediante la gestione e il ripristino di questa tipologia di habitat che, a causa della riduzione di alcune attività tradizionali, tende a scomparire.

Interverranno alla conferenza i referenti del partenariato che ha gestito il progetto (DREAM Italia, Unione dei Comuni del Pratomagno, DISAFA - Università degli studi di Torino, Cooperativa Betadue) e rappresentanti del Centro Nazionale per la Biodiversità dei Carabinieri Forestali di Pieve S. Stefano, della Regione Toscana, di Sei Toscana, Legacoop Agroalimentare, Coop Sociale Samarcanda Firenze, SocioLab, Cooperativa OROS.

L’appuntamento è a partire dalle ore 9:30 di giovedì 9 febbraio. I lavori saranno trasmessi in diretta Facebook alla pagina https://www.facebook.com/lifegranatha/

Il programma completo è consultabile al seguente link https://www.lifegranatha.eu/2023/01/30/conferenza-finale-del-progetto-life-granatha/

 


PROGETTO LIFE ADA: EVENTO DI NETWORKING - 5 DICEMBRE 2022.

L’impatto dei cambiamenti climatici è oggi una preoccupazione fondamentale che suscita grande interesse a livello locale e internazionale. Gli eventi estremi sono sempre più frequenti, imprevedibili e di maggiore intensità, con conseguenti danni alla produzione e al reddito delle aziende agricole. Il fenomeno coinvolge ogni anno sempre più operatori del settore agroalimentare. Per aumentare la resilienza del settore e rafforzare la capacità di riduzione del rischio climatico a lungo termine diventa urgente la necessità di implementare misure di adattamento.

In tale contesto, il progetto LIFE ADA - “ADapation in Agriculture" (LIFE 19 CCA/IT/001257), coordinato da UnipolSai, mira a raggiungere solidi obiettivi in termini di resilienza ai cambiamenti climatici lungo 3 filiere agroalimentari: lattiero-casearia (Parmigiano Reggiano), vitivinicola e ortofrutticola. In particolare, LIFE ADA si prefigge di:

  • trasferire conoscenze sugli scenari climatici unitamente alla gestione del rischio e misure adattive per migliorare la capacità degli agricoltori di affrontare i rischi climatici attuali e futuri;
  • costruire strumenti adeguati a supportare il processo decisionale nella definizione di piani di adattamento efficienti a livello di azienda agricola e di filiera;
  • definire una strategia politica coerente a livello regionale per sostenere la pianificazione adattiva degli agricoltori;
  • promuovere un approccio innovativo degli assicuratori per rafforzare la capacità di riduzione del rischio al fine di mantenere l’assicurabilità degli agricoltori a lungo termine, nonostante l'aumento dei rischi catastrofici e sistemici.

Nell’ambito delle attività progettuali, LIFE ADA ha organizzato in data 5 dicembre 2022 l’evento di networking sul temaStrumenti e innovazioni tecnologiche per supportare l’adattamento ai cambiamenti climatici nel settore agricolo. L’evento si è svolto a Roma presso la Sala Biblioteca Storica “Corrado Nigro” del Consiglio per la ricerca in agricoltura e l’analisi dell’economia agraria (CREA), partner di LIFE ADA (assieme a ARPAE Emilia-Romagna, CIA-Agricoltori Italiani, Festambiente, Legacoop Agroalimentare Nord Italia, Leithà e Regione Emilia-Romagna), ed è stato trasmesso anche in streaming.

L’iniziativa di LIFE ADA ha rappresentato un importante momento di confronto con le esperienze di alcuni progetti nazionali e internazionali che promuovono l’adozione di strumenti e innovazioni tecnologiche per contrastare e prevenire le conseguenze degli eventi climatici avversi; tra questi, anche i progetti LIFE PASTORALP (LIFE16 CCA/IT/000060), LIFE STONEWALLSFORLIFE (LIFE18 CCA/IT/001145), GREAT LIFE e SOIL4LIFE.

Qui è possibile prendere visione del programma, dello streaming e delle presentazioni dell’evento.

 


SOSTEGNO ALLA VALUTAZIONE EX-POST DEL  PROGRAMMA LIFE 2014-2020: SONDAGGIO ONLINE

La Commissione europea ha lanciato una survey online rivolta a tutte le parti coinvolte nell’attuazione del Programma LIFE 2014-2020 (beneficiari di progetti, National Contact Points, monitors, valutatori, membri del Comitato LIFE degli Stati membri), al fine di una sua valutazione ex-post complessiva.

Contesto e ambito dello studio:

Il Programma LIFE è lo strumento di punta dell’UE per la tutela dell’ambiente e l’azione per il clima. Il suo obiettivo è contribuire allo sviluppo, all’aggiornamento e all’applicazione della legislazione e delle politiche dell’UE pertinenti in materia di ambiente e clima, attraverso il co-finanziamento di progetti con un valore aggiunto europeo. In questo contesto, la valutazione ex-post analizzerà l’implementazione delle attività finanziate nell’ambito del Programma LIFE 2014-2020. Contribuirà a raccogliere elementi d’informazione e a formulare conclusioni generali e possibili raccomandazioni per migliorare l’attuazione del Programma LIFE.

Nelle risposte fornite, è necessario attenersi alla propria esperienza personale con il Programma LIFE 2014-2020, senza includere considerazioni sui bandi LIFE 2021 e 2022. L’indagine è stata progettata per consentire il contributo di tutti i tipi di stakeholders (alcune domande sono rivolte in maniera specifica ai beneficiari dei progetti LIFE, ai LIFE National Contact Point e ai membri del Comitato LIFE degli Stati membri, nonché ai monitors e ai valutatori).

Scopo dell’indagine:

Il risultato di questo studio consisterà in risultati e raccomandazioni rilevanti per le future edizioni del Programma LIFE, e per rafforzare le sue sinergie con il più ampio panorama di policy dell’UE, in particolare nell’ambito del Green Deal europeo. 

Metodo:

L’indagine si compone di un numero di domande compreso tra 26 e 45 (a seconda della categoria di intervistati che si rappresenta) e non dovrebbe richiedere più di 30-40 minuti per essere completata.

È inoltre possibile allegare documentazione di supporto che contribuirà alla valutazione ex-post del Programma LIFE 2014-2020.

Tutte le risposte saranno rese anonime. I dati dell’indagine saranno analizzati a livello aggregato e non saranno pubblicate risposte individuali.

Il termine ultimo per partecipare alla survey online è il 24 marzo 2023.

Si può accedere all’indagine tramite questo link.

Contatti: Per qualsiasi domanda sullo studio è possibile inviare un’e-mail all’indirizzo LIFE-support-study@vva.it.

 


Risultati LIFE Calls for proposals 2022: 751 proposte di nuovi progetti per un costo totale di 2,9 miliardi di euro.

I bandi 2022 del Programma LIFE per Progetti di Azione Standard (SAP) in materia di Ambiente e Azione per il Clima e per specifici progetti (Azioni di Coordinamento e Sostegno - CSA) per la Transizione all’Energia pulita si sono chiusi, rispettivamente, il 4 ottobre e il 16 novembre u.s., portando alla presentazione di 751 proposte da parte di candidati provenienti da quasi tutti gli Stati membri dell’UE

Le proposte riguardano progetti che hanno un costo totale di circa 2,9 miliardi di euro, così suddiviso:

  • 664 milioni di euro per azioni concrete in materia di conservazione della Natura e della Biodiversità (122 proposte);
  • 1,3 miliardi di euro per soluzioni innovative per l’Economia circolare e la Qualità della vita (239 proposte);
  • 633 milioni di euro per interventi di Mitigazione e Adattamento ai cambiamenti climatici (165 proposte);
  • 284 milioni di euro per azioni intese al rafforzamento delle capacità, alla divulgazione di informazioni e conoscenze e alla sensibilizzazione per sostenere la Transizione all’Energia pulita (225 proposte).

Questi potenziali progetti LIFE hanno richiesto poco meno di 1,8 miliardi di euro di cofinanziamento all’UE.

Le proposte progettuali LIFE 2022 si propongono di:

  • proteggere la natura europea arrestando e invertendo il declino della biodiversità;
  • rafforzare l’economia circolare attraverso nuove tecnologie e soluzioni;
  • proteggere, ripristinare e migliorare l’ambiente e, di conseguenza, la qualità della vita delle persone;
  • ridurre le emissioni di gas a effetto serra, aumentare la resilienza ai cambiamenti climatici e rafforzare la consapevolezza dei cittadini sul tema della mitigazione dei cambiamenti climatici;
  • accelerare la transizione all’energia pulita attraverso una maggiore diffusione di soluzioni per l’efficienza energetica e le energie rinnovabili.

I progetti che verranno selezionati per il cofinanziamento del Programma LIFE potranno aiutare l’Europa a diventare un Continente neutrale dal punto di vista climatico entro il 2050. Sosterranno inoltre la Strategia UE sulla biodiversità per il 2030 e il Piano d’Azione dell’UE per l’economia circolare, contribuendo al contempo alla Transizione all’energia pulita.

Cosa succede ora?

Ogni proposta progettuale LIFE sarà sottoposta a una valutazione indipendente. La Commissione europea informerà i candidati dei risultati nella primavera del 2023. Le Convenzioni di sovvenzione LIFE saranno firmate nell’estate del 2023 e i nuovi progetti inizieranno più avanti nel corso della medesima stagione.

 


LIFE PASTORALP volge al termine: Conferenza 15-17 marzo 2023

Il progetto LIFE PASTORALP - Pastures vulnerability and adaptation strategies to climate change impacts in the Alps (LIFE 16 CCA/IT/000060) è diretto ad affrontare la vulnerabilità dei pascoli alpini e offre strumenti per migliorarne la capacità di ridurla. A tal fine, il progetto si basa su un approccio scientifico consolidato relativamente alle condizioni attuali delle comunità pastorali alpine e agli impatti previsti dei cambiamenti climatici futuri su queste comunità, con particolare attenzione a due parchi nazionali rappresentativi degli ambienti alpini occidentali: il Parc National des Ecrins (Francia) e il Parco Nazionale del Gran Paradiso (Italia). La consultazione e il coinvolgimento dei vari portatori di interesse è un elemento centrale di tutto il progetto.

Il risultato finale sarà una piattaforma di strumenti (LIFE PASTORALP platform tools) per facilitare l’adozione di strategie di adattamento nei due parchi, in linea con gli obiettivi della “Area prioritaria dell’adattamento al cambiamento climatico” dell’UE. Le strategie e gli strumenti sviluppati nell’ambito di questo progetto potranno essere impiegati facilmente e con successo in altre aree pastorali delle Alpi occidentali.

LIFE PASTORALP, che ha avuto inizio il 1° ottobre 2017 e terminerà il 30 marzo 2023, è coordinato dall’Università degli Studi di Firenze e coinvolge partner italiani e francesi provenienti dalle istituzioni, dal mondo della ricerca e dalla gestione dei parchi naturali.

A conclusione del progetto, l’Università di Firenze sta organizzando la Conferenza “GLOBAL CHALLENGES IN MOUNTAIN AGROPASTORAL SYSTEMS – Scientific evidence on impacts, adaptation and policies”, che si terrà tra il 15 e il 17 marzo nel Forte di Bard, in Valle d’Aosta.

Il programma, in corso di definizione, prevede:

  • Giorno 1 (15/03/2023) – Apertura della conferenza, keynote talk e discussione con i responsabili politici e le parti interessate
  • Giorno 2 (16/03/2023) – Conferenza scientifica
  • Giorno 3 (17/03/2023) – Attività di networking, su invito.

Il termine per presentare gli abstract per la Conferenza scientifica del secondo giorno è stato prorogato al 20 gennaio (gli abstract possono essere caricati qui).

L’evento offrirà l’opportunità di riunire i rappresentanti del settore (scienziati, responsabili politici, tecnici e parti interessate), provenienti sia dalle aree di studio PASTORALP sia da altre regioni alpine e montane, per presentare e discutere le principali questioni biofisiche, sociali e di governance legate al clima che interessano i sistemi agropastorali in ambiente montano. Ciò darà la possibilità di scambiare opinioni e di acquisire conoscenze scientifiche su questi temi, aprendo la strada ad azioni e sinergie future per una transizione sostenibile dal punto di vista ambientale ed economico.

È possibile registrarsi al seguente link.

 


Celebrazioni 30° anniversario Programma LIFE e Direttiva “Habitat” – Conferenza: «LIFE, Direttiva “Habitat” e Rete Natura 2000. La tutela della natura in Italia attraverso testimonianze di successo». RM, 12 dicembre 2022 (Museo Orto Botanico di Roma).

Nel 2022 ricorre il 30° anniversario della Direttiva 92/43/CE “Habitat”, così come quello della Convenzione ONU sulla Diversità Biologica (CBD) e del Programma europeo LIFE.

Nel 1992 con la Direttiva “Habitat” viene istituita Natura 2000, Rete ecologica diffusa su tutto il territorio dell’UE e finalizzata a garantire il mantenimento a lungo termine degli habitat naturali e delle specie di flora e fauna minacciati o rari a livello comunitario.

Contemporaneamente alla Direttiva “Habitat” è stato adottato LIFE, l’unico Programma europeo dedicato in maniera esclusiva alla protezione dell’ambiente e all’azione per il clima che, nel corso degli anni, si è trasformato da Programma sperimentale a un vero e proprio pilastro delle politiche ambientali e climatiche dell’UE. Il Programma LIFE è stato uno strumento chiave a sostegno dell’attuazione non solo della Direttiva “Habitat”, ma anche della Direttiva 2009/147/CE “Uccelli”. Assieme a tali due Direttive europee, LIFE, co-finanziando progetti nell’ambito del Sottoprogramma “Natura e biodiversità”, è stato determinante e, in alcuni casi cruciale, per garantire la creazione della Rete Natura 2000, la più importante infrastruttura europea per la conservazione della biodiversità.

Per celebrare i trent’anni di questi importanti strumenti della politica dell’UE per la tutela della natura, il Ministero dell’Ambiente e della Sicurezza Energetica (MASE) – Direzioni Generali “Attività Europea ed Internazionale” (DG AEI) e “Patrimonio Naturalistico e Mare” (DG PNM) – in collaborazione con Sapienza Università di Roma, e con il supporto di ARSIAL (Agenzia Regionale per lo Sviluppo e l’Innovazione dell’Agricoltura del Lazio) nell’ambito delle attività del Progetto LIFE GRACE, organizza una Conferenza ad hoc in data 12 dicembre 2022 (dalle 13.00 alle 17.30), presso il Museo Orto Botanico di Roma (Sala dell’Arancera, Largo Cristina di Svezia, 23 - RM).

La Conferenza sarà un’occasione importante in cui mostrare l’impegno dell’Italia, in questi trent’anni, nell’attuazione della Direttiva “Habitat” e del Programma LIFE, e quindi nella costruzione della Rete Natura 2000.

L’evento prevede:

  • interventi di rappresentanti delle due DG del MASE coinvolte, de La Sapienza Università di Roma e della Commissione europea (DG ENV- Unità LIFE);
  • 1 “Discussion Panel” con referenti di alcuni progetti LIFE italiani volti ad apportare un contributo significativo alla conservazione e alla gestione dei siti Natura 2000 del nostro Paese (LIFE GRACE, LIFE CHOO-NA!, LIFE RES MARIS, LIFE EREMITA, LIFE FLORANET, LIFE TICINO BIOSOURCE);
  • 1 Tavola rotonda con “testimoni privilegiati” per l’Italia del Programma LIFE e della Direttiva “Habitat” (rappresentanti dell’European Climate, Infrastructure and Environment Executive Agency - CINEA, del LIFE NAT Monitoring Team di NEEMO EEIG-Timesis, del LIFE National Contact Point Team del MASE e, infine, di 3 Regioni italiane).

Al termine della Conferenza sarà possibile assistere, sempre all’interno dell’Orto Botanico di Roma, allo spettacolo “Incanto di luci”.

Qui la Locandina della Conferenza.  

Maggiori dettagli sull’iniziativa sono riportati nell’Agenda dell’evento.

È possibile partecipare in presenza alla Conferenza, nel limite dei posti disponibili, iscrivendosi all’evento (entro il giorno 09 dicembre 2022) tramite il Form disponibile al seguente link: https://forms.gle/BAjHW9ffUjUBf8rn9.

Sarà comunque possibile seguire l’evento online attraverso la Piattaforma Lifesize: https://call.lifesizecloud.com/16567194.

 


Life Pinna si presenta il 2 dicembre a Genova

Life Pinna (LIFE20 NAT/IT/001122 PINNA - Conservation and re-stocking of the Pinna nobilis in the western Mediterranean and Adriatic sea) è un progetto che mira a salvare la nacchera di mare, Pinna nobilis, il più grande mollusco bivalve del Mar Mediterraneo, specie che vive esclusivamente nei nostri mari e svolge un ruolo prezioso negli ecosistemi costieri. La nacchera di mare è infatti in pericolo critico di estinzione dopo che, a partire dal 2016, un’epidemia ne ha decimato le popolazioni.

Il progetto ha preso il via il 1° ottobre 2021, ha una durata di 4 anni e si sviluppa in cinque regioni (4 italiane e 1 slovena). Life Pinna unisce le competenze di 7 enti: ARPAL (Agenzia Regionale per la Protezione dell’Ambiente della Liguria, capofila del progetto), Parco nazionale dell’Asinara, Istituto Nazionale di Biologia sloveno, Società cooperativa Shoreline, Triton Research S.r.l., Università degli Studi di Genova e Università degli Studi di Sassari. 

Il 2 dicembre si svolgerà la prima presentazione pubblica del progetto, con un evento ibrido che si terrà in presenza presso il Galata Museo del Mare di Genova e su piattaforma Zoom (link per seguire l’evento da remoto). 

Il programma dell’evento prevede: 

  • Una mattinata sugli aspetti scientifici dedicata ai ricercatori
    • Introduzione del progetto da parte di ARPAL, con gli interventi di tutti i partner del progetto, i quali presenteranno i risultati ottenuti nel primo anno di lavoro e gli obiettivi dei prossimi mesi.  
    • Sessione sull’attività di networking, in cui prenderanno la parola enti e associazioni che curano altri progetti legati alla tutela del mondo marino.  
    • Tavola rotonda per l’avvio dei lavori del Comitato Scientifico. 
  • Un pomeriggio interamente dedicato al grande pubblico e agli studenti
    • Introduzione del progetto Life Pinna e presentazione dell’importante campagna di citizen science “Segnala la Pinna!”. I comuni cittadini, che hanno a cuore la biodiversità marina, potranno scoprire come individuare i grandi molluschi bivalvi ancora in vita e segnalarli agli scienziati.  
    • Premiazione del concorso fotografico “Vita tra gli scogli”, promosso da Triton Research durante l’estate scorsa e rivolto a chi, con uno scatto, ha voluto raccontare la bellezza della biodiversità che ancora si può trovare sui fondali del nostro mare.

 


I progetti LIFE Pinna e LIFE Conceptu Maris all’evento “EmozioMare: come raccontare la protezione del mare” – Lido di Ostia (RM), 27 novembre 2022.

Si prospetta una domenica all’insegna dei progetti LIFE sul litorale romano. RomaNatura e Associazione Triton hanno organizzato un incontro per valorizzare il mare e le sue molteplici funzioni – ricreativa, culturale, scientifica – attraverso il racconto dell’ambiente e della biodiversità dell’Area Marina Protetta Secche di Tor Paterno (gestita da RomaNatura). Si tratta dell’unica area marina protetta italiana completamente sommersa. 

Durante l’evento verranno mostrate le immagini vincitrici dei concorsi fotografici dei progetti LIFE Pinna - Conservazione e ripopolamento della Pinna nobilis nel Mediterraneo occidentale e nell'Adriatico (LIFE20 NAT/IT/001122) e LIFE Conceptu Maris - Conservazione di cetacei e tartarughe marine nel Mediterraneo: gestione degli interventi per il loro recupero in termini di sostenibilità (LIFE20 NAT/IT/001371).

Verrà, infine, proiettato il cortometraggio “Una balena in conchiglia” presentato ala 79/a edizione della Mostra Internazionale d'Arte Cinematografica (Venezia79) da Associazione Triton.

L’appuntamento è per domenica 27 novembre alla Casa del Mare di RomaNatura, in via del Canale di Castel Fusano, 11-13 – Lido di Ostia (RM).

 


Il progetto LIFE URBANGREEN - Innovative technological platform to improve management of green areas for better climate adaptation (LIFE17 CCA/IT/000079) è stato inserito nella rosa degli undici finalisti dell’Innovation Radar Prize 2022.

Il premio – organizzato dalla Commissione europea e da Dealflow.eu – ha selezionato, tra trecento progetti di ricerca e innovazione finanziati dall’UE, quelli le cui innovazioni hanno il maggior potenziale di impiego nel settore di riferimento.

LIFE URBANGREEN è risultato tra i tre finalisti della categoria Purpose driven & Green, che ogni anno premia gli innovatori con il più incoraggiante potenziale di crescita e, al tempo stesso, l’attenzione a un futuro più economicamente sostenibile.

LIFE URBANGREEN ha l’obiettivo di fornire un innovativo strumento tecnologico di risposta al cambiamento climatico attraverso una più efficiente gestione delle aree verdi urbane. Mediante la Piattaforma di gestione integrata R3 TREES, il progetto mira a creare un sistema capace di monitorare e gestire ogni attività collegata alla gestione delle aree verdi, con particolare attenzione all’ecosistema. Ridurre il consumo di acqua, limitare l’impatto ambientale delle attività di manutenzione, quantificare l’impatto green di ogni area verde, monitorare le condizioni di salute degli alberi e aumentare la partecipazione dei cittadini nella manutenzione del verde pubblico sono i principali obiettivi della Piattaforma R3 TREES e dell’intero progetto.

Le città in cui R3 TREES sarà sviluppata e testata sono Rimini e Cracovia. Inoltre, grazie alla partecipazione del Center for Space and Remote Sensing Research della National Central University di Taiwan, alcune attività di progetto saranno replicate nella città di Taipei.

LIFE URBANGREEN, coordinato da R3 GIS, ha coinvolto nel consorzio di progetto l’Università degli Studi di Milano, ProGea 4D e le aziende municipalizzate addette al verde pubblico di Cracovia e Rimini, avvalendosi, infine, anche della collaborazione di partner esterni provenienti da Taiwan, Canada e Austria.

I vincitori dell’Innovation Radar Prize 2022

La brochure dell’evento con il dettaglio dei finalisti 2022

 


IL PROGETTO LIFE ADA PRESENTA: L’ADATTAMENTO DELL’AGRICOLTURA AI CAMBIAMENTI CLIMATICI - Giornata informativa e di confronto.

Il progetto LIFE ADA Adaptation in Agriculture (LIFE19 CCA/IT/001257) terrà in presenza (a Bruxelles) e on-line un incontro di approfondimento sulle tematiche e gli obiettivi del progetto, il quale mira ad offrire ad agricoltori e a organizzazioni di produttori le conoscenze per adattarsi ai cambiamenti climatici.

“Il Clima cambia: l’agricoltura risponde” è il leitmotiv del progetto LIFE ADA che, in linea con la Strategia di adattamento dell’UE (COM 2013/216), sta sperimentando in Emilia-Romagna, con replicabilità in altre regioni pilota italiane (tra cui Lazio, Toscana e Veneto), una piattaforma per permettere agli agricoltori di aumentare la propria resilienza verso gli effetti connessi ai cambiamenti climatici.

Oltre a illustrare risultati e strumenti elaborati in due anni di azioni, durante l’incontro ci sarà occasione di confrontarsi sulle tante dinamiche che stanno alla base delle sfide dell’agricoltura per il prossimo futuro, in particolare: sull’importanza di un’innovazione che sappia promuovere una maggiore sostenibilità della filiera agricola, secondo gli obiettivi del Green Deal europeo, e sulle misure che possano supportare le tante difficoltà che il sistema della micro impresa rurale si trova ad affrontare di fronte alle costanti minacce climatiche.

Gli incontri si svolgeranno il 15 novembre 2022, e saranno ospitati dalla Delegazione della Regione Emilia-Romagna presso l'Unione europea in Rue Montoyer, 21 – Bruxelles. Potranno essere seguiti anche da remoto tramite il link https://www.facebook.com/LifeADA.eu/.

L’agenda prevede:

  • ore 14.30: Workshop L’agricoltura di fronte alla sfida dei cambiamenti climatici e le opportunità del progetto LIFE ADA”, che vedrà la partecipazione di rappresentanti di UnipolSai (capofila del progetto), di CINEA, del Parlamento europeo e della Commissione;
  • ore 16.00: Tavola Rotonda “Ricerca e tecnologia a supporto delle filiere agricole per la mitigazione dei rischi derivanti dai cambiamenti climatici”, durante la quale verrà illustrato il progetto LIFEADA e interverranno diversi stakeholders del settore agroalimentare. 

Per la partecipazione in presenza è richiesta l’iscrizione tramite https://LIFEADA.eventbrite.it

 


Life ClimAction: in azione per contrastare l'emergenza climatica e favorire la transizione energetica.

Il progetto Life ClimAction (LIFE20 NGO4GD/IT/000014), coordinato da Legambiente con Enel Foundation comepartner, sta realizzando iniziative in tutto il territorio nazionale con l’obiettivo di informare e rendere protagonisti giovanicittadiniscuoleimprese e amministrazioni locali sui temi di Agenda 2030 ONUPatto Europeo per il Clima e Green New Deal.

Il progetto prevede attività specifiche e mirate a ogni target di riferimento con l’obiettivo di dare ai partecipanti strumenti e informazioni per diventare parte attiva del contrasto all’emergenza climatica. 

Nello specifico, il progetto coinvolge attivamente le scuole primarie e secondarie di primo grado attraverso campagne informative e seminari tematici per alunni e studenti; e formazione mirataper i docenti.

Ai cittadini nel complesso sono dedicati gli Sportelli Energia attivati in 6 regioni (Emilia-Romagna, Campania, Lombardia, Piemonte, Sardegna e Veneto), per sostenere i nuclei familiari verso un percorso di sostenibilità che metta al centro stili di vita, efficienza, risparmio energetico, produzione da fonti rinnovabili.

Ai giovani, che sono i principali protagonisti del progetto Life ClimAction, sono dedicate numerose attività di coinvolgimento e mobilitazione locali e nazionali, seminari scientifici e blitz a carattere informativo.

Le amministrazioni locali hanno un ruolo fondamentale nel contrastare gli effetti dei cambiamenti climatici perché in tutti i contesti urbani è urgente sviluppare politiche integrate che sappiano creare nuove opportunità di sviluppo locale, promuovendo l’efficienza energetica e la mobilità sostenibile. Per questo il progetto prevede una campagna dedicata ai rappresentanti locali con attività di formazione specifica.

Parte attiva del cambiamento promosso dal Life ClimAction sono le imprese, che attraverso scelte sostenibili e lungimiranti possono fare la differenza; ed è per questo che il mondo delle aziende è coinvolto nell’elaborazione di un Codice di Condotta attraverso la formulazione e condivisione di idee e soluzioni realizzabili per combattere l’emergenza climatica.

La pagina web del progetto mette a disposizione anche il Climate Tool Kit, uno strumento introduttivo ai contenuti chiave Agenda 2030 ONU, Patto Europeo per il Clima e Green New Deal.

Life ClimAction ha organizzato numerosi eventi in presenza e on-line che hanno incluso info-days e workshop. Il prossimo evento in programma è il Forum dell’Acqua, che si svolgerà il 3 novembre a Roma e avrà ad oggetto l’impronta idrica come strumento di adattamento alla crisi climatica.

Per ricevere aggiornamenti sulle iniziative del progetto, è possibile seguirlo sui canali FacebookTwitter ed Instagram.

 



Il progetto LIFE REDUNE si è concluso a marzo 2022 e da oggi è disponibile il report finale nella sezione MEDIA del sito web dedicato (Media – Life Redune). Il progetto, avviato nel 2017, ha raggiunto importanti risultati che ci auguriamo potranno essere replicati anche in altri ambiti territoriali e i cui effetti continueranno ad avere un impatto significativo e duraturo. Grazie a tutto il partenariato per l’impegno profuso. 

 

 


In occasione della UNFCCC COP27 di Sharm el Sheikh, il National Contact Point LIFE Italia terrà il giorno 9 Novembre 2022, dalle 15.30 alle 17.30, presso il padiglione italiano, un side event dal titolo “Climate is LIFE: Italian project solutions for fighting Climate Change”. 

Scopo dell’iniziativa è presentare le opportunità offerte dal Programma LIFE e la sua attuazione in Italia a sostegno di progetti ricompresi nei 3 settori prioritari di intervento del Sottoprogramma LIFE “Climate Change Mitigation and Adaptation”: “Mitigazione dei cambiamenti climatici”, “Adattamento ai cambiamenti climatici” e “Governance e informazione in materia di cambiamenti climatici”. Per questi settori prioritari di intervento verranno illustrate alcune soluzioni innovative che realtà italiane hanno sviluppato, così come alcune buone pratiche che le medesime entità hanno adottato, tramite le “testimonianze” di 3 progetti LIFE in corso di realizzazione: LIFE SUGARLIFE SUPERHERO e LIFE CLIMATE SMART CHEFS

Consulta qui la locandina dell’evento. 

 


Il 13 e il 14 ottobre 2022, presso lo spazio polifunzionale Industrie Fluviali di Roma, si svolgerà la prima presentazione pubblica di Life Conceptu Maris (CONservation of CEtaceans and Pelagic sea TUrtles in Med: Managing Actions for their Recovery In Sustainability). Il progetto dedicato alla conservazione dei cetacei e delle tartarughe del Mediterraneo affronterà molte sfide, utilizzando tecnologie e strategie di conservazione all’avanguardia e unendo gli sforzi e le competenze di importanti enti italiani e internazionali: Ispra – Istituto Superiore per la Protezione e la Ricerca Ambientale, in qualità di beneficiario coordinatore, Area Marina Protetta “Capo Carbonara”CIMA Research FoundationCMCC ClimateÉcoOcéan InstitutStazione Zoologica Anton DohrnTriton ResearchUniversità degli Studi di Milano-BicoccaUniversità degli Studi di PalermoUniversitat de València – UVUniversità degli Studi di Torino.

L’evento sarà diviso in due giornate, la prima riservata agli esperti del settore, la seconda aperta al pubblico.

Di seguito il programma della giornata del 14 ottobre.

 


LIFE CALL FOR PROPOSALS 2022 - CET: QUASI 100 MILIONI DI EURO DISPONIBILI PER FINANZIARE AZIONI PER LA TRANSIZIONE ALL’ENERGIA PULITA

Il Call for proposals 2022 per il sottoprogramma Clean Energy Transition (CET) del Programma LIFE (LIFE-2022-CET) sostiene Azioni di Coordinamento e Sostegno (CSA) – intese al rafforzamento delle capacità, alla divulgazione di informazioni e conoscenze e alla sensibilizzazione per sostenere la transizione verso le energie rinnovabili e l’aumento dell'efficienza energetica – con un tasso di cofinanziamento del 95% dei loro costi totali ammissibili. Il budget indicativo disponibile per l’Invito a presentare proposte è di 98.000.000 euro

Le parti interessate a lavorare attivamente per accelerare la transizione all’energia pulita e decarbonizzare l’Europa possono presentare le loro proposte di CSA, per uno dei 18 Topics di finanziamento dedicati, entro il 16 novembre 2022.

I 18 Topics di finanziamento riguardano aspetti importanti per portare avanti la transizione all’energia pulita in Europa in tutti i settori della vita, come:

  • la promozione di comunità energetiche e il coinvolgimento dei cittadini nella transizione;
  • la creazione di un quadro finanziario migliore per l’energia sostenibile;
  • lo sradicamento della povertà energetica;
  • il decollo di progetti di investimento in ambito energia sostenibile”;
  • la costruzione e la formazione delle forze lavoro nazionali per fornire un parco edilizio decarbonizzato;
  • il supporto a enti pubblici locali e regionali nella pianificazione della carbon neutrality;
  • la creazione di sportelli unici per ristrutturazioni di abitazioni o di edifici pubblici;
  • l’accelerazione della diffusione delle pompe di calore in linea con RePowerEU;
  • il sostegno alla transizione all’energia pulita del settore imprenditoriale;
  • lo sviluppo di attività per un parco edilizio a emissioni zero e la decarbonizzazione del settore del riscaldamento.

Per i seguenti Topics può presentare una proposta di CSA almeno un candidato di un Paese ammissibile al Programma LIFE:

  • LIFE-2022-CET-BUILDSKILLS: BUILD UP Skills - Strategie e interventi formativi che permettono la decarbonizzazione del patrimonio edilizio;
  • LIFE-2022-CET-HOMERENO: Servizi integrati di ristrutturazione della casa;
  • LIFE-2022-CET-RENOPUB: Creazione di strutture per agevolare l’accelerazione dell’ondata di rinnovamento nel settore pubblico;
  • LIFE-2022-CET-PDA: Project Development Assistance per investimenti in energia sostenibile;
  • LIFE-2022-CET-COMPLIANCE: Nuova struttura di supporto per la conformità alla progettazione eco-compatibile e all’etichettatura energetica per fornitori e rivenditori;
  • LIFE-2022-CET-FINROUND: Tavole rotonde nazionali sulla finanza per investimenti nell’energia sostenibile.

Per i Topics elencati di seguito, i proponenti devono creare un consorzio di almeno 3 beneficiari provenienti da 3 diversi paesi ammissibili al Programma LIFE:

  • LIFE-2022-CET-LOCAL: Supporto tecnico ai piani e alle strategie di transizione all’energia pulita nei comuni e nelle regioni;
  • LIFE-2022-CET-POLICY: Verso un’efficace attuazione della legislazione chiave nel campo dell’energia sostenibile;
  • LIFE-2022-CET-EE1st: Rendere più operativo il principio “Efficienza energetica al primo posto”;
  • LIFE-2022-CET-DEEPRENO: Verso un patrimonio edilizio a emissioni zero: rafforzare il quadro favorevole a una profonda ristrutturazione;
  • LIFE-2022-CET-BUILDPERFORM: Rendimento energetico e Smart Readiness degli edifici - far funzionare gli strumenti;
  • LIFE-2022-CET-BUSINESS: Sostenere la transizione all’energia pulita del settore imprenditoriale;
  • LIFE-2022-CET-DH: Integrazione di energia rinnovabile di bassa qualità o di calore di scarto nel teleriscaldamento ad alta temperatura;
  • LIFE-2022-CET-HEATPUMPS: Accelerare la diffusione e l’accessibilità economica delle pompe di calore attraverso acquisti collettivi e appalti;
  • LIFE-2022-CET-INNOFIN: Schemi di finanziamento innovativi per investimenti nell’energia sostenibile;
  • LIFE-2022-CET-ENERPOV: Indirizzare gli interventi connessi all’edilizia nei distretti vulnerabili;
  • LIFE-2022-CET-ENERCOM: Sviluppo di meccanismi di supporto per le comunità energetiche;
  • LIFE-2022-CET-MAINSTREAM: Integrare gli investimenti nell’energia sostenibile nel settore finanziario.

Le proposte di CSA devono rientrare negli ambiti di intervento del Topic prescelto. I candidati sono pertanto invitati a leggere attentamente le descrizioni dei diversi Topics nel Call document LIFE-2022-CET.

Per ciascun Topic del Call for proposals LIFE-2022-CET, si consiglia di visionare le registrazioni delle relative sessioni virtuali degli EULife22 Info Days organizzati dall’Agenzia CINEA della Commissione europea. Ulteriori indicazioni, ad esempio su come scrivere una proposta eccellente di CSA, sono pubblicate qui.

Si desidera richiamare l’attenzione dei candidati italiani sulla possibilità di ottenere supporto dai LIFE National Contacts Points (NCPs) LIFE del MiTE (DG AEI – Divisione II), ai quali è possibile rivolgersi per informazioni e quesiti sul Programma LIFE e il sottoprogramma CET, sulle modalità di partecipazione al Call for proposals LIFE-2022-CET e di presentazione di proposte di CSA CET, nonché per avere un parere su tali proposte  (e-mail: life@mite.gov.it; tel.: 06 5722 827 - 8150 - 8254).

Per qualsiasi chiarimento sulle descrizioni Topics del Call for proposals LIFE-2022-CET, si consiglia di contattare il LIFE Clean Energy Team di CINEA all’indirizzo e-mail CINEA-LIFE-CET@ec.europa.eu.

2022 CALL FOR PROPOSALS

 


Experience Climate Crisis”, dal progetto Life ClimAction, il “Climathon” dedicato al Green New Deal, l’esperienza immersiva online che simula un evento devastante causato dall’accelerazione dei cambiamenti climatici.

Cosa può accadere durante un evento devastante causato dall’accelerazione dei cambiamenti climatici? Grazie al progetto europeo Life ClimAction - “In azione per contrastare l'emergenza climatica e favorire la transizione energetica” (LIFE20 NGO4GD IT 000014) sarà possibile scoprirlo e viverlo attraverso “Climathon - Experience Climate Crisis”, l’esperienza immersiva online, proposta da Legambiente, che simula un evento catastrofico improvviso causato dall’emergenza climatica e indaga su cosa potrebbe accadere all’umanità. Il “Climathon” è dedicato al Green New Deal e focalizzato, in particolare, sugli obiettivi 7, 11 e 13 dell’Agenda 2030, relativi, rispettivamente, a “Energia Pulita e Reti Intelligenti”, “Città e Comunità Sostenibili” e “Lotta ai Cambiamenti climatici”.

L'evento, interamente online per una durata complessiva di 5 ore, si terrà il prossimo 18 ottobre. Per partecipare è necessario un pc o tablet e una connessione internet. L’esperienza è a numero chiuso (il numero di partecipanti è fissato a un massimo di 100), ed è possibile iscriversi a questo link. 

I partecipanti si caleranno nei panni di un reporter chiamato a testimoniare gli avvenimenti e condividere il proprio punto di vista; ascolteranno lo streaming di una web radio con aggiornamenti su quello che succede nel mondo e, iscrivendosi al forum dedicato agli ascoltatori, contribuiranno alla narrazione degli eventi; con la partecipazione di tutti, si svilupperà una storia che permetterà di fare luce su quanto potrebbe accadere. Al termine dell’esperienza si terrà un incontro per condividere le sensazioni e i vissuti con l’obiettivo di mettere insieme tutte le voci emerse durante l’incontro. In seguito, i partecipanti scopriranno insieme agli organizzatori dell’evento cosa si può fare a partire dalla propria quotidianità per contrastare questi possibili effetti e migliorare la qualità di vita dell’intero Pianeta.

Sono, infatti, in continua crescita gli eventi estremi nel nostro Paese, puntualmente monitorati dall’Osservatorio Nazionale Città Clima di Legambiente secondo cui, dal 2010 ad oggi, sono stati 1.454 con 764 Comuni colpiti da 559 allagamenti e 134 esondazioni fluviali con conseguenti 512 blocchi alle infrastrutture.

Climathon - Experience Climate Crisis” rientra tra le iniziative del progetto LIFE di Legambiente e del knowledge partner Enel Foundation, finalizzato a diffondere gli obiettivi dell’Agenda ONU 2030, del Patto Europeo per il Clima e del Green New Deal tra studenti, giovani, cittadini, imprenditori e amministratori.

Da inizio anno ad oggi sono stati realizzati 20 eventi e inaugurati 6 sportelli energia nell’ambito di LIFE CLIMACTION. Alla base delle tante iniziative in programma c’è la necessità di informare correttamente i cittadini sui temi della transizione energetica e fornire strumenti concreti per contrastare la corsa del riscaldamento globale.

L’evento “Climathon - Experience Climate Crisis” è organizzato da Alibi.design, un collettivo di designer, facilitatori, futures thinkers e artisti che progetta esperienze allo scopo di aiutare le persone a mettere in discussione lo status quo, per iniziare a vedere le cose da punti di vista differenti e imparare esplorando nuovi percorsi.

 


IL PROGETTO LIFESPAN NELLA FORESTA DEL CANSIGLIO
Giornata informativa e di confronto

Promuovere il confronto tra le realtà forestali e quelle ambientali che operano nella foresta del Cansiglio.
Questo l’obiettivo del workshop “il Progetto Life Span nella foresta del Cansiglio”, un evento coordinato dall’Istituto di ricerca sugli ecosistemi terrestri del Consiglio nazionale delle ricerche (Cnr-Iret), che si svolgerà l’11 e il 12 ottobre all’interno di Hangar Cansiglio, in provincia di Belluno. La partecipazione è gratuita ma per motivi logistici si richiede la registrazione. 

Il progetto LIFE SPAN, coordinato dall’Istituto di ricerca sugli ecosistemi terrestri del Consiglio nazionale delle ricerche (Cnr-Iret) organizza in collaborazione con la Regione Friuli-Venezia Giulia due giornate di studio e confronto intorno ai temi del progetto. L’evento si svolgerà l’11 e 12 ottobre 2022 nella cornice dell’altopiano del Cansiglio, dove sono presenti alcune delle aree dimostrative, più precisamente all’interno di Hangar Cansiglio, in provincia di Belluno.

Scopo delle due giornate sarà quello di presentare le tematiche e le attività del progetto LIFE SPAN ai fruitori dei boschi, dagli operatori forestali ai semplici frequentatori, comunicando l’importanza delle specie legate al legno morto e le strategie attuate dal progetto per far collimare conservazione e gestione delle aree boschive. L’incontro, che si svolgerà nell’ambito delle celebrazioni del trentennale del programma LIFE, rappresenterà inoltre l’occasione per stimolare un momento di confronto fra le realtà forestali e quelle ambientali che operano in Cansiglio

L’evento è articolato in due giornate, la prima delle quali sarà dedicata alla presentazione del progetto e delle sue ricadute e al confronto tra realtà forestali. Nel secondo appuntamento è prevista invece la visita alle aree dimostrative del progetto. La partecipazione è gratuita, ma per necessità logistiche si richiede la registrazione compilando il form disponibile a questo link.

“L’obiettivo principale del progetto LIFE SPAN è quello di sviluppare e testare soluzioni gestionali che, integrandosi ai modelli già attuati nelle aree protette e nelle foreste produttive, garantiscano, oltre agli altri servizi ecosistemici, la salvaguardia della biodiversità forestale, con particolare attenzione a quella saproxilica, ovvero legata al legno morto”, spiega Bruno De Cinti, ricercatore Iret e manager del progetto: “Questo evento si propone di presentare un approccio di pianificazione e gestione forestale innovativo, sempre attento alla sostenibilità economica degli interventi proposti ma che favorisca allo stesso tempo la conservazione degli habitat e delle specie di interesse comunitario saproxiliche”, aggiunge il ricercatore. “Lo strumento alla base della strategia è il Saproxylic Habitat Network (SHN), una rete di aree di senescenza (SHS – Saproxylic Habitat Sites). Le SHS agiscono come i nodi di una rete che favorisce la presenza e la dispersione delle specie saproxiliche verso territori dove, principalmente per motivi legati alla gestione dei boschi, sono assenti o poco diffusi” conclude De Cinti.

Ai partecipanti iscritti all’Ordine dei dottori agronomi e dei dottori forestali saranno riconosciuti i CFP ai sensi del regolamento CONAF 3/2013.

Per informazioni scrivere a info@lifespanproject.eu
Sito del progetto: https://www.lifespanproject.eu/  

Andrea Barzagli, 339 4371 399
Serena Carloni, 349 4525 895 

 


Impianto pilota in funzione in Olanda per il progetto LIFE CHIMERA.

Nuovo traguardo per il progetto LIFE CHIMERA - “CHIckens Manure Exploitation and RevAluation” (LIFE15 ENV/IT/000631) e per la tecnologia italiana: l’impianto pilota in scala reale sviluppato dalla società di ingegneria 3P Engineering è entrato in funzione in Olanda per lavorare a ciclo continuo presso il partner del progetto europeo, l’allevamento avicolo Renders & Renders. Fertilizzante, energia termica ed elettrica è quanto permette di ottenere LIFE CHIMERA grazie a una nuova tecnologia che propone un nuovo modello sostenibile, valorizzando la pollina (deiezioni avicole) in un’ottica di economia circolare.

Due brevetti e un impianto di ridotte dimensioni (15×9×6h m) sono il cuore del progetto LIFE CHIMERA, reso possibile grazie al  Programma UE per l’Ambiente e l’Azione per il Clima (LIFE), che quest’anno festeggia il trentesimo anniversario (#LIFEIS30).

Nella regione del Noord Brabant l’impianto “CHIMERA” funzionerà a ciclo continuo per 6.000 ore l’anno, smaltendo almeno 1.500 tonnellate annue di deiezioni avicole. L’obiettivo che si vuole realizzare attraverso la nuova tecnologia è quello di rendere l’allevamento autosufficiente dal punto di vista dell’energia termica (produzione 4,5 GWh all’anno) e ottenere circa 150 tonnellate di fertilizzante. Non solo: l’acqua ottenuta dal trattamento della pollina, che è una sostanza umida, viene completamente riutilizzata per idratare le ceneri e abbattere le emissioni inquinanti contenute nei fumi, senza alcuna dispersione.

“CHIMERA" consentirà anche di ridurre in modo significato le emissioni legate alle attività di gestione delle deiezioni avicole: la pollina richiede delle opportune pratiche di gestione per poter ottimizzare al meglio il suo potere nutritivo; al contempo, è importante ridurne l’impatto ambientale. La pollina, infatti, ha preziose proprietà, ma contiene anche sostanze che se non trattate in modo adeguato possono essere causa di contaminazione dell’aria, del terreno e dell’acqua. Le analisi condotte dimostrano che se “CHIMERA” diventasse un modello standard negli allevamenti avicoli, l’inquinamento derivante dalle deiezioni avicole si ridurrebbe per oltre il 50%, così come buona parte delle emissioni odorigene causate dalle deiezioni avicole.

L’obiettivo del progetto LIFE CHIMERA si realizza in termini di sostenibilità ambientale, ma anche economica, per creare valore nel settore agricolo, puntando su innovazione e nuovi modelli che consentano una transizione green, in grado di aumentare produttività ed efficienza di allevamenti e aziende agricole.

Video LIFE CHIMERA

 


INFO DAY online “PROGRAMMA LIFE” 2022 – ABRUZZO. Mercoledì 20 luglio 2022. 

L’evento si svolgerà su Piattaforma ZOOM e, in conformità con lo scopo di Abruzzo Europa, è dedicato esclusivamente a referenti di Enti locali abruzzesi, per incentivarne la partecipazione agli Inviti a presentare proposte progettuali pubblicati dalla Commissione europea lo scorso 17 maggio nell’ambito del Programma LIFE, gestito direttamente dall’istituzione europea. 

L’iniziativa rientra tra gli eventi di celebrazione del 30°anniversario di LIFE

All’Info Day parteciperà lo stesso NCP LIFE Team della Direzione Generale Attività Europea ed Internazionale (AEI) del MiTE (Federico Benvenuti, Carmen Gangale e Simonetta Pulicati). I relatori del NCP LIFE Team descriveranno le opportunità del Programma LIFE per il periodo 2021-2027 e dei Calls for proposals dell’annualità 2022, fornendo un approfondimento specifico sui Calls for proposals relativi ai Progetti di Azione Standard (i cd. “Progetti tradizionali” LIFE) dei sottoprogrammi LIFE “Natura e biodiversità”, “Economia circolare e qualità della vita” e “Mitigazione e adattamento ai cambiamenti climatici”. 

A seguire saranno condivise due “testimonianze” di progetti LIFE “di successo” coordinati da comuni italiani

  • Stefano Bazzocchi (Comune di Forlì, Servizio Ambiente e Urbanistica, Resp. Unità Pianificazione Urbanistica) illustrerà il progetto SOS4LIFE - S.O.S. 4 LIFE - Save Our Soil for LIFE (LIFE15 ENV/IT/000225), con un intervento dal titolo: “Limitare il consumo di suolo nella pianificazione comunale. Il coinvolgimento del Comune di Forlì nel progetto SOS4LIFE”.  
  • Renzo Priante (Comune di Santorso (VI), Giunta comunale, Assessore ai Lavori pubblici e Urbanistica) interverrà relazionando sul progetto LIFE BEWARE - BEtter Water-management for Advancing Resilient-communities in Europe (LIFE17 GIC/IT/000091) e, nello specifico, su: “L’esperienza del Comune di Santorso nella progettazione di soluzioni di adattamento climatico legate all’acqua: il progetto LIFE BEWARE”. 
    In conclusione si terrà una sessione di “Questions & Answers”. 

Qui è possibile visionare il programma dell’evento. 

 


Presentazione del progetto LIFE GRAYMARBLE. Verres (AO), 12 luglio 2022. 

Martedì 12 luglio 2022, dalle ore 9.00, si terrà la conferenza di presentazione del progetto LIFE GRAYMARBLE - Conservation and management of marble trout and adriatic grayling in the Dora Baltea catchment (LIFE20 NAT/IT/001341). 

L’incontro si svolgerà a Verres (AO), presso la Sala Conferenze dell’Unité des Communes Valdôtaines Evançon (via delle Murasse, n. 1/D). 

LIFE GRAYMARBLE si pone l’obiettivo di migliorare lo stato di conservazione locale di due pesci d’acqua dolce in pericolo di estinzione in Italia, la trota marmorata (Salmo marmoratus) e il temolo adriatico (Thymallus aeliani). L’area di progetto coincide con l’areale originario delle due specie all’interno del bacino idrografico della Dora Baltea, in Italia nord-occidentale, interessando le province della Città Metropolitana di Torino (Piemonte) e di Aosta (Valle d’Aosta). 

Il progetto LIFE GRAYMARBLEco-finanziato dal Programma LIFE 2021-2027 e coordinato dalla Regione Autonoma Valle d’Aosta - Struttura opere idrauliche, coinvolge in qualità di partners associati il Parco Nazionale Gran Paradiso, la Città Metropolitana di Torino, il Politecnico di Torino, il Consorzio regionale per la tutela, l’incremento e l’esercizio della pesca in Valle d’Aosta, la Regione Autonoma Valle d’Aosta - Struttura flora e fauna e la società Cooperativa Flume. 

La conferenza del prossimo 12 luglio sarà l’occasione per conoscere non solo le azioni previste dal progetto italiano LIFE GRAYMARBLE, ma anche quelle che intende realizzare il progetto spagnolo LIFE RESQUE ALPYR - REStoration of aQUatic Ecosystems of protected areas from the ALps and PYRenees (LIFE20 NAT/IT/001341). 

Qui il programma dell’evento. 

Per questioni organizzative è necessario registrarsi inviando un’e-mail a info@lifegraymarble.eu

 


Giovedì 7 luglio 2022, alle ore 9:00, si terrà la Conferenza finale del progetto LIFE Lagoon Refresh - Coastal lagoon habitat (1150*) and species recovery by restoring the salt gradient increasing fresh water input (LIFE16 NAT/IT/000663). 

L’incontro si svolgerà presso l’Auditorium Danilo Mainardi del Campus Scientifico dell’Università Ca’ Foscari, in via Torino a Mestre (VE). 

Il rispristino del gradiente salino, la ricreazione dell’habitat a canneto, il miglioramento dell’ambiente lagunare e della sua biodiversità attraverso l’immissione di acqua dolce dal fiume Sile nella laguna di Venezia, sono gli obiettivi principali di LIFE Lagoon Refresh. Il progetto, co-finanziato dal Programma europeo per l’Ambiente e l’Azione per il Clima (LIFE) e coordinato da ISPRA, ha coinvolto in qualità di partner associati la Regione del Veneto, il Provveditorato per le Opere Pubbliche del Triveneto, l’Università Ca’ Foscari di Venezia ed IPROS. 

Durante la Conferenza saranno presentate le azioni concrete del progetto e risultati ottenuti dai monitoraggi ambientali. La Conferenza sarà, inoltre, un’occasione di confronto sui temi della qualità ecologica e del ripristino degli ambienti lagunari con i principali stakeholder, Enti e Istituzioni che a diverso titolo operano negli ambienti di transizione. 

Programma dettagliato dell’evento

Per questioni organizzative è necessario registrarsi a questo link

Qui è disponibile il nuovo “video breve” di progetto.

 


 Progetto LIFE CLIVUT – Networking Platform on “Rethinking cities to combat climate crisis”. 1° luglio 2022, Perugia.  

Il progetto LIFE CLIVUT - Climate Value of Urban Trees (LIFE18 GIC/IT/001217) organizza per il 1° luglio 2022 a Perugia, presso il Barton Park (Viale Giuseppe Meazza, 21), un Networking Platform sul tema “Rethinking cities to combat climate crisis”

L’obiettivo è quello di riunire progetti e iniziative per fare rete e discutere le buone pratiche per supportare il contesto urbano nella progettazione e nell’adozione di strategie contro cambiamenti climatici.  

Rappresentanti di istituzioni europee, autorità locali, progetti (inclusi altri progetti LIFE italiani) ed esperti internazionali discuteranno del ruolo del contesto urbano nella “European 2050 long-term strategy”

L’evento sarà articolato in Panel tematici in cui i referenti dei progetti verranno chiamati a confrontarsi sul ruolo delle città nelle politiche di mitigazione e adattamento ai cambiamenti climatici. 

Le sessioni saranno ibride, prevedendo la partecipazione sia in presenza che da remoto, con diretta tramite la piattaforma Meet. 

Qui lagenda dell’evento. 

Per maggiori informazioni su LIFE CLIVUT, coordinato dall’Università degli Studi di Perugia e finanziato dalla Commissione europea nell’ambito del Programma LIFE 2014-2020, potete visitare il sito web di progetto o la Pagine Facebook e il Profilo Instagram.  

 


Progetto Clean Sea Life – Doppia vittoria ai LIFE Awards 2022 

Doppia vittoria del progetto Clean Sea LIFE - “Per un mare pulito” (LIFE15 GIE/IT/000999) ai LIFE Awards 2022, che si sono svolti il 30 maggio u.s. a Bruxelles nell’ambito della “EU Green Week”. Al progetto italiano sono stati assegnati il premio come miglior progetto nella categoria “Ambiente” (LIFE Award for Environmente il premio del pubblico (LIFE Citizens’ Prize). 

Una campagna straordinaria di pulizia di coste e fondali italiani che tra il 2016 e il 2021 ha coinvolto 170.000 cittadinirimosso 112 tonnellate di spazzatura dai mari ispirato normative che affrontano il problema dei rifiuti in mare: questa la sintesi di Clean Sea Life, progetto coordinato dal Parco Nazionale dell’Asinara e co-finanziato dalla Commissione europea nell’ambito del Programma LIFE. 

Il successo di Clean Sea LIFE è dovuto a tutta la comunità che è cresciuta attorno al progetto: a chi ha organizzato pulizie in spiaggia, sui fiumi e in mare; a chi ha condiviso con altri il “segreto” per un mare più pulito, ovvero “prevenzione, ancora prevenzione e pulizia”; alle scuole, ai circoli, ai negozi e ai musei che hanno invitato lo staff di Clean Sea LIFE a diffondere conoscenza sui temi del progetto, e a chi ha modificato le cose in ufficio, a casa, a bordo o in spiaggia per ridurre gli sprechi e indurre gli altri a fare altrettanto. Il doppio riconoscimento avuto da Clean Sea LIFE va attribuito ovviamente anche agli altri partner di progetto, che lo hanno condotto con passione (Conisma, Fondazione Cetacea, Legambiente OnlusMedSharks e Centro Velico Caprera), così come alle istituzioni che hanno seguito e supportato il percorso di Clean Sea LIFE, e in particolare alle donne e agli uomini del Corpo delle Capitanerie di Porto - Guardia Costiera per l’aiuto fornito in ogni attività progettuale. 

Qui il video della premiazione di Clean Sea LIFE. 

Per approfondimenti, scarica il riassunto divulgativo del progetto. 

 


"Inviti a presentare proposte" LIFE 2022: 598 milioni di euro per aiutare a realizzare idee di progetti/azioni green

La Commissione europea (CE) ha lanciato in data 17 maggio gli “Inviti a presentare proposte” (Calls for proposals) per progetti/azioni LIFE per l’annualità 2022.

Per i Calls for proposals di quest’anno sono disponibili, a valere sul Programma LIFE 2021-2027, 598 milioni di euro per progetti/azioni di conservazione della natura, protezione dell’ambiente, azione per il clima e transizione verso l’energia pulita.

Gli “Inviti a presentare proposte” per il 2022 co-finanzieranno progetti/azioni nell’ambito dei 4 sottoprogrammi previsti da LIFE:

  • Natura e biodiversità - 242 milioni di euro;
  • Economia circolare e qualità della vita - 158 milioni di euro;
  • Mitigazione e adattamento ai cambiamenti climatici - 99 milioni di euro;
  • Transizione all’energia pulita - 98 milioni di euro.

Sul "Portale dei finanziamenti e delle gare d’Appalto dell’Unione Europea" è possibile trovare tutti gli “Inviti a presentare proposte” LIFE che sono stati pubblicati in relazione all’annualità 2022.

Numerose informazioni sui medesimi “Inviti”, sui tipi di progetti/azioni LIFE che potranno essere co-finanziati, sulle modalità di presentazione delle candidature e sulle relative deadlines sono presenti, oltre che nella pagina “LIFE Calls for proposals 2022 dell’Agenzia esecutiva europea per il Clima, le Infrastrutture e l’Ambiente (CINEA), che gestisce la procedura di selezione per conto della CE, anche nella pagina "LIFE Calls 2022", di cui alla sezione del portale web del MiTE dedicata al Programma LIFE, predisposta dal Punto di Contatto Nazionale (NCP) LIFE a supporto dei proponenti italiani.

 


 Pubblicati da LIFE REDUNE Linee Guida e Manuali per la conservazione degli habitat dei sistemi costieri sabbiosi

 Progetto LIFE REDUNE - Restoration of dune habitats in Natura 2000 sites of the Veneto coast (LIFE16 NAT/IT/000589)

Le dune sabbiose sono un importante serbatoio di biodiversità e cruciali elementi di resilienza delle linee di costa, contribuendo al controllo dell’erosione costiera e alla mitigazione degli eventi climatici estremi. Sono classificate come habitat minacciati a livello globale, soprattutto a causa di una fortissima pressione antropica legata all’industria del turismo.
In questo contesto ha agito il progetto LIFE REDUNE - “Restoration of dune habitats in Natura 2000 sites of the Veneto coast”, co-finanziato dalla Commissione europea nell’ambito del Programma LIFE 2014-2020.
Negli ultimi quattro anni LIFE REDUNE ha sviluppato una serie di strategie di coinvolgimento dei portatori di interesse e azioni concrete per il ripristino e la conservazione degli habitat tipici dei sistemi costieri lungo il litorale veneto. Da queste esperienze, unitamente ai dati di letteratura e alle conoscenze acquisite in collaborazione con altri progetti su tematiche analoghe, sono stati elaborati un manuale e quattro linee guida che nel loro insieme forniscono le buone prassi per la corretta gestione e conservazione a lungo termine degli ecosistemi costieri sabbiosi:
1. Manuale di propagazione delle specie di ambienti dunali adriatici.
2. Linee Guida per la fruizione turistica sostenibile e la corretta gestione per la conservazione a lungo termine degli ecosistemi dunali.
3. Linee guida per l’uso dei droni nel monitoraggio delle spiagge.
4. Linee guida sul coinvolgimento di operatori turistici nella tutela di habitat dunali.
5. Linee guida per l’eradicazione di Oenothera stucchii.
 
Tali documenti sono disponibili sul sito web di progetto e, su richiesta a info@liferedune.it

 

 


Sessione informativa online sul LIFE Call for proposals 2021 per uno “Small Grant Facility on Biodiversity (BEST)”.

L’Agenzia esecutiva europea per il clima, l’infrastruttura e l’ambiente (CINEA) organizza in data 18 gennaio 2022 (ore 09.30) una sessione informativa online dedicata all’Invito a presentare proposte LIFE per uno “Small Grant Facility on Biodiversity (BEST), pubblicato il 16 dicembre 2021 e con scadenza ad aprile 2022 (il giorno 26).

Ispirato dai regimi di piccole sovvenzioni nell’ambito dell’iniziativa volontaria dell’UE denominata BEST (Biodiversity and Ecosystem Services in Territories of European Overseas) – che ha contributo a sensibilizzare l’opinione pubblica sull’importanza ecologica delle regioni ultraperiferiche (RUP) e dei paesi e territori d’oltremare (PTOM) dell’UE, nonché sul loro ruolo chiave ai fini della conservazione della biodiversità del pianeta, ivi compresa la biodiversità marina – il LIFE Call for proposal 2021 per uno “Small Grant Facility on Biodiversity (BEST)” mira a identificare e finanziare un progetto che dovrà istituire un apposito “Strumento di erogazione di sovvenzioni” (Grant Facility) per organizzare e attuare, a partire dal 2022, regolari bandi per la concessione di “sovvenzioni di piccola entità a favore della biodiversità” sia nelle RUP che nei PTOM europei: si tratta di piccole sovvenzioni per azioni di conservazione della biodiversità, di ripristino degli ecosistemi e per l’uso sostenibile dei servizi ecosistemici (compresi gli approcci ecosistemici all’adattamento e alla mitigazione dei cambiamenti climatici) da implementare nelle RUP e nei PTOM dell’UE situati nei Caraibi, nell’Oceano Indiano, in Amazzonia, nel Pacifico, nelle regioni polari e subpolari e nella Macaronesia.

Pertanto, la sessione informativa online sul LIFE Call for proposals 2021 per uno “Small Grant Facility on Biodiversity (BEST)” è di interesse per tutti gli organismi governativi, le organizzazioni non governative e le organizzazioni internazionali che hanno la capacità o stanno considerando la possibilità di formare un consorzio di progetto con altri candidati per istituire il richiamato “Strumento di erogazione di sovvenzioni”, e per gestire poi in maniera efficace i bandi finalizzati a finanziare “sovvenzioni di piccola entità a favore della biodiversità” nelle RUP  e nei PTOM dell’UE.

Qui il link alla notizia dell’evento pubblicata sul sito web di CINEA, contenete tutte le informazioni sullo stesso per i potenziali candidati, incluse l’agenda e le modalità di registrazione per la partecipazione alla sessione informativa online.

 


“European City Facility” Call for Proposals (LIFE-2021-CET-EUCF) – Sessione informativa – 13 dicembre 2021

Con un budget di 16 milioni di euro, l’Invito a presentare proposte per il Topic “European City Facility” (EUCF) nell’ambito del sottoprogramma LIFE “Transizione all’Energia Pulita” (LIFE-2021-CET-EUCF) è aperto fino alle ore 17:00 (ora di Bruxelles) del giorno 3 marzo 2022.

Con il Call for proposals LIFE-2021-CET-EUCF verrà gestito dal Programma LIFE uno “Strumento europeo per le città” che si basa sulle esperienze acquisite dall’EUCF di Horizon 2020 (H2020 EUCF).

L’obiettivo di tale Invito a presentare proposte è quello di offrire sostegno finanziario a città e comuni europei per sviluppare “concetti di investimento” per investimenti energetici sostenibili, con particolare attenzione all’efficienza energetica.

L’Agenzia CINEA organizza per il giorno 13 dicembre 2021, dalle 10:00 alle 11:30 (ora di Bruxelles), un’apposita sessione informativa per i candidati interessati all’“European City Facility” Call for Proposals.

La sessione informativa fornirà una panoramica del bando LIFE-2021-CET-EUCF, comprensiva del quadro politico pertinente e di approfondimenti sulle esperienze rilevanti dell’iniziativa H2020 EUCF.

I candidati interessati avranno anche l’opportunità di porre quesiti specifici, tramite sli.do (#EUCF2021), nel corso di uno slot specifico dedicato alle “domande e risposte”.

Non è richiesta alcuna registrazione all’evento. È possibile partecipare alla sessione informativa, all’ora sopra indicata, tramite web streaming: https://webcast.ec.europa.eu/european-city-facility-info-day.

 


LIFE Calls for proposals 2021 - Ricerca, da parte di 4 Parchi naturali regionali francesi, di territori europei in cui poter replicare soluzioni concrete per affrontare i cambiamenti climatici nelle aziende agricole, da realizzarsi nell’ambito di un progetto LIFE.

Un gruppo di 4 Parchi naturali regionali francesi, che include il Parco di Haut-Languedoc, si pone l’obiettivo di proporre soluzioni concrete per aiutare le aziende agricole situate nei loro territori ad adattarsi ai cambiamenti climatici, fornendo alle aziende, al contempo, supporto tecnico e finanziario per l’attuazione delle soluzioni.

Il consorzio di Parchi francesi intende realizzare tali soluzioni nell’ambito di un progetto, della durata prevista di 5 anni, da presentarsi in risposta ai Call for proposals di cui al sottoprogramma LIFE “Mitigazione e adattamento ai cambiamenti climatici” (il progetto dovrebbe usufruire anche di contributi nazionali alle strutture regionali).

Il progetto prevede il coinvolgimento, allo stato attuale, di 20 diversificati partner, nonché di istituti tecnici e delle Camere dell’agricoltura e delle Unioni di prodotto della Francia. Inoltre, il progetto intende riunire circa 240 aziende agricole, che rappresentano settori quali l’allevamento, l’orticoltura, l’arboricoltura, la viticoltura, la piscicoltura, l’apicoltura e le piante aromatiche.

Il gruppo di 4 Parchi francesi è inoltre alla ricerca di alcuni territori europei in cui poter replicare il progetto e che siano interessati, quindi, a implementare le stesse soluzioni da esso proposte, così come a beneficiare della rete di aziende agricole che verrà creata e dei feedback tecnici che saranno prodotti (tali territori potrebbero partecipare agli incontri previsti dal progetto e potrebbe essere instaurata con essi una più stretta collaborazione prevedendo l’esistenza di un punto di contatto locale).

Fra i temi di maggiore interesse in relazione proposta progettuale LIFE francese: agricoltura resiliente, “soluzioni pratiche”, agroforestazione, praticoltura, colture di copertura, pratiche pastorali, pratiche di viticoltura, piantagioni stratificate, nuove culture.

Si prega di contattare direttamente il Parco naturale regionale francese di Haut-Languedoc per maggiori informazioni e dettagli sulla richiesta.

Persona di contatto:

Marie-Julie Parayre: agricoltura@parc-haut-languedoc.fr

 





Impianto pilota in funzione in Olanda per il progetto LIFE CHIMERA.

Nuovo traguardo per il progetto LIFE CHIMERA - “CHIckens Manure Exploitation and RevAluation” (LIFE15 ENV/IT/000631) e per la tecnologia italiana: l’impianto pilota in scala reale sviluppato dalla società di ingegneria 3P Engineering è entrato in funzione in Olanda per lavorare a ciclo continuo presso il partner del progetto europeo, l’allevamento avicolo Renders & RendersFertilizzante, energia termica ed elettrica è quanto permette di ottenere LIFE CHIMERA grazie a una nuova tecnologia che propone un nuovo modello sostenibile, valorizzando la pollina (deiezioni avicole) in un’ottica di economia circolare.

Due brevetti e un impianto di ridotte dimensioni (15×9×6h m) sono il cuore del progetto LIFE CHIMERA, reso possibile grazie al  Programma UE per l’Ambiente e l’Azione per il Clima (LIFE), che quest’anno festeggia il trentesimo anniversario (#LIFEIS30).

Nella regione del Noord Brabant l’impianto “CHIMERA” funzionerà a ciclo continuo per 6.000 ore l’anno, smaltendo almeno 1.500 tonnellate annue di deiezioni avicole. L’obiettivo che si vuole realizzare attraverso la nuova tecnologia è quello di rendere l’allevamento autosufficiente dal punto di vista dell’energia termica (produzione 4,5 GWh all’anno) e ottenere circa 150 tonnellate di fertilizzante. Non solo: l’acqua ottenuta dal trattamento della pollina, che è una sostanza umida, viene completamente riutilizzata per idratare le ceneri e abbattere le emissioni inquinanti contenute nei fumi, senza alcuna dispersione.

“CHIMERA" consentirà anche di ridurre in modo significato le emissioni legate alle attività di gestione delle deiezioni avicole: la pollina richiede delle opportune pratiche di gestione per poter ottimizzare al meglio il suo potere nutritivo; al contempo, è importante ridurne l’impatto ambientale. La pollina, infatti, ha preziose proprietà, ma contiene anche sostanze che se non trattate in modo adeguato possono essere causa di contaminazione dell’aria, del terreno e dell’acqua. Le analisi condotte dimostrano che se “CHIMERA” diventasse un modello standard negli allevamenti avicoli, l’inquinamento derivante dalle deiezioni avicole si ridurrebbe per oltre il 50%, così come buona parte delle emissioni odorigene causate dalle deiezioni avicole.

L’obiettivo del progetto LIFE CHIMERA si realizza in termini di sostenibilità ambientale, ma anche economica, per creare valore nel settore agricolo, puntando su innovazione e nuovi modelli che consentano una transizione green, in grado di aumentare produttività ed efficienza di allevamenti e aziende agricole.

Video LIFE CHIMERA