Tu sei qui

Tredicesima riunione del comitato congiunto a New York: 3 nuovi progetti approvati

New York, 8 febbraio 2019 - Si è tenuta oggi,  presso la Rappresentanza permanente d’Italia alle Nazioni Unite, la tredicesima riunione del Comitato Congiunto del Programma di cooperazione sul cambiamento climatico con i Piccoli Stati Insulari in via di Sviluppo del Pacifico (PSIDS). La riunione è stata co-presieduta dal Direttore della direzione generale per lo sviluppo sostenibile, per il danno ambientale e per i rapporti con l’Unione Europea e gli Organismi Internazionali, Francesco La Camera e dal Rappresentante permanente di Fiji presso le Nazioni Unite, Ambasciatore H. E. Satyendra Prasad, ed ha visto la partecipazione dei rappresentanti dei Piccoli Stati Insulari del Pacifico e dell’Ambasciatrice d’Italia H. E. Maria Angela Zappia.

Inoltre si è proceduto alla firma degli Ambasciatori dell’Emendamento n. 4 del Memorandum of Understanding che estende la validità di tale accordo fino al 2023.

Nel corso dell’incontro sono stati approvati 3 progetti per un valore totale di 1.520.000 USD.

I progetti  Proposal to support the development of the Republic of Nauru’s updated Nationally Determined Contribution for 2020 (Nauru) e  Proposal to support the development of the Republic of Palau’s updated Nationally Determined Contribution for 2020 (Palau) consentiranno alla Repubblica di Nauru e alla Repubblica di Palau di ricevere sostegno per l’aggiornamento dei propri contributi volontari di riduzione delle emissioni (Nationally Determined Contribution-NDC). Sarà, inoltre, svolta un’attività di capacity building per favorire la concreta realizzazione degli NDC attraverso una maggiore capacità di accesso ai finanziamenti multilaterali per il clima, il coinvolgimento di differenti stakeholder, la condivisione delle conoscenze e delle esperienze.

Il progetto Sustainable water supply and electricity supply water (Papua Nuova Guinea) prevede la realizzazione di un sistema combinato per la fornitura di elettricità  e acqua potabile attraverso il ricorso all’energia idroelettrica. Il progetto sarà svolto nel Distretto di Wapenamanda, dove meno del 20% della popolazione ha attualmente accesso all’energia elettrica.

 

 

Ultimo aggiornamento 12.03.2019